Come scrivere un racconto

Come scrivere un racconto

Molte persone pensano che scrivere una storia sia molto più facile che scrivere un romanzo. ma di certo non è così. È ancora più difficile. Ed è che devi condensare l'intera storia in poche pagine e non è facile. Vuoi sapere come scrivere un racconto?

Se hai visto un concorso per partecipare, o hai avuto l'opportunità di scrivere un racconto, allora ti diamo le chiavi così sai come farlo. Fai attenzione.

Che cos'è una storia breve

Che cos'è una storia breve

Un racconto può essere definito come a storia più breve di un romanzo. Ma come capirai, rimane alquanto ambiguo.

In realtà, se approfondiamo un po' le caratteristiche di un racconto, potremmo dirlo la lunghezza di questi di solito non supera le 2000 parole. Sono più lunghi di una storia ma, allo stesso tempo, non sono nemmeno considerati una storia o un romanzo.

Caratteristiche dei racconti

Caratteristiche dei racconti

I racconti sono simili alle storie, ma come suggerisce il nome, sono più brevi. In realtà, possono raccontare la stessa cosa di una storia, ma lo fanno con molte meno parole. Alcuni parlano addirittura di riassunti di storie, poiché in così tante parole non hai molto spazio per espanderti.

Ma vediamo quali sono le caratteristiche:

  • Il ruolo più importante è quello del narratore. Perché non hai molto su cui andare avanti, il narratore è la persona che riesce a riassumere o almeno a darti un'idea di ciò che viene raccontato, senza entrare nel dettaglio dei personaggi di cui sta parlando.
  • A differenza dei romanzi o delle storie, il racconto non deve avere un'introduzione, una regola centrale e finale. Qui possiamo scrivere del nodo, dell'esito o anche di un fatto isolato dei personaggi.
  • Si concentra su un argomento specifico. Perché il suo scopo è raccontare quel fatto, niente di più, senza dare contesto o storia.
  • Hai diversi tipi di racconti, come lo sono i realisti, che raccontano situazioni quotidiane e ci fanno entrare in empatia con essa (perché l'abbiamo vissuta o crediamo che sia possibile). E quelli irrealistici, che possono essere straordinari, con situazioni improbabili; fantastico o meraviglioso (miti e leggende).

Come scrivere un racconto: i migliori consigli

Come scrivere un racconto: i migliori consigli

Prima di iniziare a scrivere un racconto, dovresti seguire questi suggerimenti per aiutarti a raggiungere un risultato adeguato, di cui ti senti orgoglioso e, soprattutto, che piace ai tuoi lettori.

In questo senso, i passaggi che devi compiere prima di metterti al lavoro sono:

Sapere cosa stai per dire

Può darsi che ci sia venuta un'idea per la storia e che sappiamo già tutto ciò che accadrà. Ma devi tenere a mente che si tratta di un racconto, non di una storia o di un romanzo.

In altre parole, devi semplificare la storia, riesci a concentrarti solo sui dettagli più importanti in modo che il lettore possa seguire la trama e capirla, e allo stesso tempo non spendi molte parole per realizzarla.

Cosa stai cercando con la storia?

Ti sei mai chiesto, quando hai iniziato a scrivere un romanzo, un racconto, o, come in questo caso, un racconto, cosa vuoi che il lettore senta?

Vuoi che rida? Lasciarlo piangere? Forse insegnargli qualcosa? Un racconto deve avere un obiettivo e questo è l'effetto che provocherete nel lettore. Può darsi che tu voglia che passi un po' di tempo a ridere, ad incuriosirlo...

Tutto questo cambierà l'approccio in cui dovresti scrivere.

Chi racconterà la storia?

Prima ve lo abbiamo detto nei racconti il narratore è il personaggio principale e quello che di solito racconta la storia. Ma davvero non deve essere così. Può darsi che uno dei personaggi sia colui che lo racconta.

Se presti attenzione, ti abbiamo appena detto un altro punto: scriverai in prima persona o in terza persona? Se lo scrivi prima, devi scegliere un protagonista che racconterà la sua versione dei fatti. Ma in terza persona ti dà una visione più ampia.

qual è il gancio

In una breve storia, per via del fatto che la sua lunghezza è effimera, devi agganciare quasi dalla prima frase. E non è facile.

Per questo è necessario che tu abbia un gancio, qualcosa che faccia in modo che il lettore non possa staccarsi dalla storia finché non la finisce. E per questo, devi metterlo all'inizio.

Attenzione a non usare troppi aggettivi.

Quando metti tanti aggettivi sembra che tu non abbia altro modo di narrare. In altre parole, lo farai lo stile della tua storia è povero. sarà sempre meglio dare importanza al motivo per cui il personaggio fa qualcosa del fatto che tu dica com'è quel posto.

In questo caso possiamo applicarlo anche alle descrizioni. In un racconto non c'è spazio per loro e non sono importanti. Concentrati solo sui fatti, non su come tutto è organizzato (a meno che non sia qualcosa che è correlato all'obiettivo principale).

Non ossessionarti

Né con il numero di parole, né con il raggiungimento di un risultato fantastico. I primi racconti che scrivi potrebbero non essere buoni, ma con la pratica raffinerai il tuo stile e arriverai dove vuoi: scrivere buoni racconti.

L'importante è avere pazienza perché diventare bravi in ​​qualcosa implica che devi dedicare molto impegno e lavoro.

Lascia riposare e leggilo

Dopo averlo finito, la nostra raccomandazione è quella lascialo riposare, almeno una settimana, così puoi rileggerlo e vedere se ha difetti, cose incoerenti o se qualcosa non riesce nella trama. Quando l'hai finito, lascialo a un lettore zero in modo che possa valutare se è buono, se qualcosa genera dubbi, ecc.

La valutazione di un lettore può tornare utile per sapere se raggiungi l'obiettivo che ti sei prefissato con il lettore.

Ora ti è più chiaro come scrivere un racconto?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.