Come scrivere un'autobiografia

Come scrivere un'autobiografia

Immagina di aver avuto una vita piena. Hai fatto un sacco di cose e non vorresti che nessuno se ne dimenticasse. In effetti, è anche possibile che altre generazioni possano imparare dalle tue esperienze. Ma saper scrivere un'autobiografia non è facile. Potremmo anche dire che è una delle cose più complicate che puoi affrontare.

Ed è che non solo devi raccontare in un certo modo, ma devi essere abbastanza persuasivo da coinvolgere quel lettore nelle tue esperienze e voler sapere tutto ciò che ti è successo. Di più considerando che potresti non essere nessuno. Ti diamo qualche consiglio?

cos'è un'autobiografia

Prima di tutto, dovresti sapere cos'è un'autobiografia e in che modo differisce da una biografia. Possono sembrare uguali ma in realtà non lo sono.

Se andiamo alla RAE e cerchiamo l'autobiografia, il risultato che ci dà è quello di

"la vita di una persona scritta da lei stessa".

Ora, se facciamo lo stesso con la biografia, vedrai che il RAE prende alcune parole da quanto sopra. Biografia significa:

"storia della vita di una persona"

In realtà, la differenza tra un termine e l'altro dipende soprattutto da chi scriverà quella storia. Se lo fa il protagonista stesso, si parla di un'autobiografia; ma se chi lo fa è un terzo, anche se è un parente, allora è una biografia.

Come scrivere un'autobiografia: consigli pratici

scrittore di autobiografia

Rendendo chiare le differenze tra autobiografia e biografia, è ora di approfondire come scrivere un'autobiografia. E, per questo, niente di meglio che darti una serie di consigli che ti aiuteranno a trarne il massimo.

leggi gli altri

E nello specifico, stiamo parlando di altre autobiografie. così sarai in grado di vedere come lo fanno gli altri e ti darà un'idea come dovresti farlo.

Sì, sappiamo che l'ultima cosa che vorrai è "copiare" gli altri e vorrai farlo a modo tuo. Ma a volte leggendo gli altri ti rendi conto di diversi punti di vista che devono essere presi in considerazione quando si scrive.

Inoltre, se hai intenzione di entrare in quel genere letterario, il minimo che dovresti fare è capirlo e saperne di più. Pertanto, se leggi altre persone che hanno anche scritto autobiografie, vedrai come "conquistano" il lettore con le loro storie.

Fai una raccolta di frammenti, storie, storie...

per fare un'autobiografia la prima cosa di cui hai bisogno è guardare indietro per ricordare quelle parti importanti Cosa vuoi inserire nel tuo libro? Pertanto, usa un taccuino e un cellulare per annotare tutte le idee, le situazioni, i momenti, ecc. Cosa vorresti raccontare nel tuo libro?

Non devi seguire un ordine. In questo momento è una prima bozza, un brainstorming che in seguito organizzerai in base alla storia. Ma questo è importante perché così saprai cosa mettere nel libro e come raccontarlo.

Se diventi cieco, è probabile che mentre rinfreschi la memoria, devi tornare indietro per aggiungere altro (ed è più lavoro).

Pensa a come scriverai l'autobiografia

Una persona che scrive la sua autobiografia

Spesso si pensa erroneamente che le autobiografie debbano seguire una cronologia. Cioè, dalla nascita, o dalla data notevole, al presente. Ma in realtà non è vero. Mentre la stragrande maggioranza di quelli di questo genere è così, La verità è che non deve essere fatto così tutto il tempo..

Ci sono più modi.

Ad esempio, puoi iniziare dal presente e lavorare a ritroso. Puoi creare frammenti della tua vita che ti hanno segnato o che hanno significato un prima e un dopo e hanno determinato il tuo percorso... Oppure puoi saltare dove, per un tema specifico, racconti un'esperienza della tua vita.

pensa ai personaggi

Nel corso della tua storia è possibile che alcune persone o altre siano entrate nella tua vita. Che alcune fanno parte delle situazioni che racconti nel libro, e altre no.

Oltre ad averti come personaggio principale, dovresti averne altri 2-3 fissi e che ti aiutano a dare solidità alla trama, perché così il lettore li riconoscerà e non si perderà. Ma devi includere anche altri, secondari, terziari, nemici, conoscenti... Non dimenticare nemmeno gli animali domestici.

Il buono e il cattivo

Libro con un'autobiografia

La vita è piena di cose belle e cose brutte. In un'autobiografia non puoi concentrarti solo sulle cose belle, ma devi anche parlare di quelle cattive. Non solo ti rende più umano, ma ti dà più solidità quando si tratta di darti credibilità. E, tra l'altro, toglie un po' di "arroganza" che puoi distillare pensando che la tua vita "è rosea" quando in realtà non deve essere così.

Ora, non intendiamo dire che conterai tutti i fallimenti, o il fatto di passare dall'essere un eroe a un cattivo; ma sì quelli in cui ci sono state tensioni, problemi e come li hai risolti, oppure no.

lasciare un finale aperto

La tua vita va avanti, e quindi il tuo libro non può finire. È vero che quando lo pubblicherai non saprai cosa porterà il futuro, ma proprio per questo devi lasciarlo aperto. Alcuni di loro addirittura raccontano come si vedono in futuro, cosa accadrà alle loro vite, ai loro progetti, ecc.

Che, che tu ci creda o no, stuzzica un po' la curiosità e se sei riuscito a conquistare i lettori è molto probabile che prima o poi ti chiedano se hai capito tutto quello che hai detto per il tuo futuro o se ci sono stati problemi in quelli sogni.

detto di un altro, crei aspettativa.

cerca lettori

Una volta terminata l'autobiografia è molto importante che ci siano altri lettori che possono darti il ​​loro punto di vista. Va bene fidarsi della famiglia e degli amici, ma cerca persone totalmente estranee a te per scoprire se ti agganciano, se quello che hai detto è davvero interessante.

E, come consiglio, fatelo leggere da un avvocato. Il motivo è perché potresti aver detto qualcosa nel tuo libro che riguarda un problema legale e nessuno meglio di questo professionista te lo segnala e ti dice come metterlo per evitare reclami o problemi con la legge.

Saper scrivere un'autobiografia è facile. Realizzarlo potrebbe non essere così tanto. Ma la cosa importante quando si scrive un libro è creare una storia che stia da sola e che attiri anche gli altri e ne tragga qualcosa. Hai mai scritto la storia della tua vita?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.