Recensione del libro «Como el sol para las flores» di Irene Villa

Fotografia di Dani Oceans

Fotografia di Dani Oceans

Ho il libro da mesi "Come il sole per i fiori" di Irene Villa pubblicato in Editoriale Espasa, e anche se l'ho iniziato molto tempo fa, non ero abbastanza "preso" da esso. Anche così, e partendo da queste brevi righe, che potrebbero benissimo essere a mio parere personale, ho già finito di leggerlo e ho un'opinione abbastanza elaborata sul libro e anche confrontandola con quanto ho letto in precedenza dall'autrice Irene Villa .

Sinossi e dati del libro

"Come il sole per i fiori" è un romanzo ambientato in Rainbow, una ONG immaginario che mira a prendersi cura di bambini e adolescenti i cui genitori non possono prendersi cura di loro e si adoperano per fornire loro, a seconda dei casi, famiglie adottive o famiglie affidatarie.

Giuditta, la protagonista del libro è il responsabile di questa ONG, un assistente sociale che lavora nel programma di adozione di una comunità autonoma. È giovane, entusiasta, energica e dedita al suo lavoro, al punto che l'eccesso di entusiasmo può diventare un grosso problema. Per anni la sua vita si è concentrata solo sul suo lavoro fino a quando una decisione sfortunata innesca un dramma che la precipita nella depressione e la costringe a ripensare al suo futuro.

Come il sole per i fiori di Irene Villa

Dati del libro

  • Numero di pagine: 304 pagine
  • Rilegatura: Copertina morbida
  • Editore: SLU Espasa Books
  • lingua: castigliano
  • ISBN: 9788467045161
  • Prezzo: 19,90 euro

Opinione personale

In questo libro possiamo trovare due personaggi principali chiari, alcuni personaggi secondari e la figura del bambini del centro di adozione, che secondo me è il più rappresentato e caratterizzato nel romanzo. Alcuni personaggi con situazioni abbastanza reali ea seconda di cosa significa essere un minore abbandonato o "discriminato" da qualsiasi altra situazione familiare e che va di casa in casa, a causa di quanto sia difficile acclimatarsi a una nuova casa, con una nuova famiglia e con nuove regole. Soprattutto quando l'età di questi minori è in aumento.

Passando alla protagonista, Judith, è una donna molto professionale e molto dedita al suo lavoro di psicologa nel centro giovanile. Qualsiasi fallimento o decisione sbagliata è una battuta d'arresto molto difficile da superare a causa della sua grande professionalità e perfezione.

Qualcosa che ha catturato la mia attenzione e per sempre sono due cose:

  1. Ci sono alcuni frammenti di canzoni del gruppo musicale spagnolo «Maldita Nerea». Mi piace che gli scrittori menzionino canzoni o artisti musicali nei loro libri. Questo fa sì che subito, se non conosco la canzone, vada subito alla sua ricerca.
  2. Alla fine del libro, c'è un file nota dell'autore Irene Villa, in cui spiega come e perché è iniziato questo libro. È stato a Maiorca, in particolare, nel Fondazione Nazaret, un centro di accoglienza per ragazzi e ragazze dove i loro genitori, purtroppo, non hanno potuto dare loro tutto ciò di cui avevano bisogno. Mi piace che le esperienze umane come questa siano portate in letteratura e in qualche modo trasmesse alle persone.

Come ho detto all'inizio di questa recensione, ho iniziato il libro mesi fa ma Non mi sono appassionato a leggerlo. Mi mancava qualcosa da leggere giorno dopo giorno, come mi è capitato con tanti altri libri, tra i quali c'è anche quello di Irene Villa, "Non è mai troppo tardi, principessa". Quest'ultimo mi ha agganciato dall'inizio alla fine. Così "Come il sole per i fiori" L'ho letto a volte e tra le altre letture.

Non mi piace dare un voto ai libri, perché mi sembra che la lettura sia totalmente soggettiva all'opinione di ciascuno (quello che forse mi piace non deve essere piaciuto a te e viceversa), ma non riesco a concepire un recensione senza nota così il mio è 3 / 5. 

Consiglio di leggerlo se ti piacciono i libri dal contenuto umano e sentimentale carico, storie difficili da cui puoi sempre ottenere qualcosa di buono e positivo. Se invece cerchi qualcosa di più profondo, lo sconsiglio.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.