Chi non ha letto il "Lazarillo de Tormes"?

Solo citando questo libro la mia mente viaggia indietro nel tempo e si ferma ai primi anni del liceo. Quanti ne avresti? Tredici o quattordici anni, forse. E come me, suppongo che molti di voi abbiano letto questo libro "a metà" forzato dall'insegnante di lingua e letteratura che stava suonando quell'anno specifico.

La verità è che non ho brutti ricordi di averlo letto, nonostante sia oggi in una lingua totalmente obsoleta e averlo letto quasi per obbligo per una materia scolastica. Si potrebbe dire che al contrario, credo di ricordarlo All'epoca mi piaceva e che non mi dispiacerebbe leggere di nuovo se non avessi molte letture in sospeso e tanti libri nuovi e buoni da scoprire. Parleremo di questo argomento in un altro articolo, di rileggere libri o iniziare nuove letture (cosa ne pensate di questo argomento?).

Bene, oggi vengo a parlarti di questo romanzo di genere picaresco e l'importanza che aveva a suo tempo.

Primo romanzo di genere picaresco

Potrebbe sembrare un altro romanzo picaresco, ma non è così, anzi, il "Lazarillo de Tormes" ha un'importanza esclusiva che nessun altro genere picaresco ha, ed è stato il primo romanzo del suo genere.

De autore anonimo Oggi, molti autori gli sono stati attribuiti nel corso degli anni, tra questi: Juan de Ortega, Diego Hurtado de Mendoza, i fratelli Juan e Alfonso de Valdés, Sebastián de Horozco o Lope de Rueda, tra molti altri.

Inutile dire che è un romanzo spagnolo, di stile epistolare ed è scritto in prima persona. La prima data di pubblicazione è 1554. È un romanzo con una grande condizione critica per la società spagnola di quel momento, è abbastanza realistico, anche al limite del crudeltà in alcuni momenti della storia.

Di cosa si tratta

Lazzaro, il protagonista, è di origine umile e abbastanza povera, quindi devono capire sopravvivere in una società crudele e ipocrita e tremendamente difficile. Successivamente, riassumiamo tutte le fasi che attraversa la narrazione di questo libro, molte delle quali relative ai "maestri" di Lázaro:

  • Origine di Lazzaro: Il suo racconto autobiografico inizia spiegando le condizioni della sua nascita e della sua infanzia, entrambe segnate dalla disgrazia e dalla povertà assoluta.
  • Il cieco, il suo primo maestro: La madre di Lazaro gli dà un giovanissimo a un cieco. Con lui deve imparare a sopravvivere mentre subisce tremende calamità. In questo momento in cui Lazaro vince il più furbo.
  • Lo scudiero, il suo terzo amore: Dopo il cieco, Lázaro serve un chierico avido ed egoista che non lo nutre quasi mai, e più tardi arriva lo scudiero. Questo ei suoi nobili pregiudizi gli impediscono di lavorare, quindi Lázaro è di nuovo quello che riesce a procurarsi il cibo e distribuirlo con lui. Questo pigro scudiero, però, è il primo a trattare Lazaro con rispetto, ma scappa via e di nuovo il cameriere rimane solo.
  • Servine diversi: Lazaro serve un frate, un venditore di tori, un cappellano e un ufficiale giudiziario. Successivamente ottenne un lavoro come banditore a Toledo e sposò la cameriera dell'Arciprete di San Salvador.
  • Stadio dell'Arciprete di San Salvador: Alla fine, Lázaro è riuscito a raggiungere un po 'di prosperità e non si preoccupa dei pettegolezzi che esistono intorno a sua moglie e del rapporto che ha con l'arciprete. Un esempio di questo può essere visto nel seguente paragrafo estratto dal libro:
- Lázaro de Tormes, che deve guardare ai detti delle lingue malvagie, non prospererà mai. Dico questo, perché non mi stupirei di vedere tua moglie entrare in casa mia e lasciarla. Entra molto in tuo onore e nel suo. E questo te lo prometto. Pertanto, non guardare a quello che possono dire, ma a quello che hai, dico, a tuo vantaggio.
 
"Signore", dissi, "ho deciso di avvicinarmi ai buoni". È vero che alcuni dei miei amici mi hanno detto qualcosa in proposito, e anche più di tre volte mi hanno certificato che, prima di sposarmi, aveva partorito tre volte, parlando con riverenza di Vostra Grazia, perché è di fronte di voi.
El «Lazarillo de Tormes»È un classico della letteratura, uno di cui devi leggere almeno una volta nella vita.

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Manuel Bono suddetto

    Quelli che fino ad oggi non hanno ancora scoperto che il piacere di leggere è alla base della libertà.