Charles Simic ha un compleanno. Alcune delle sue poesie

Un Maggio 9 1938 sono nato Charles simic, Poeta americano nato a Belgrado che tratta nelle sue poesie di vita contemporanea. Era Premio Pulitzer per la poesia nel 1990 ed è ancora riconosciuto come una delle grandi voci della scena poetica internazionale. Faccio una selezione di alcune delle sue poesie.

Chi è Charles Simic

È nato a Belgrado nel 1938. Nel 1943 suo padre è emigrato negli Stati Uniti (Era un ingegnere e la sua professione gli aveva fatto ottenere molti contatti). Il resto della famiglia, Charles, sua madre e un fratello minore, non sono stati in grado di incontrarlo su 1954. Lì si stabilirono a Chicago. Charles ha finito il liceo, ma non è andato all'universitàInvece, ha iniziato a lavorare e scrivere poesie. Dopo aver prestato servizio militare nel 1961 lo era inviato in Germania e Francia come polizia militare.

En 1968 ha pubblicato il suo primo libro, Quello che dice l'erba. Ha insegnato letteratura all'Università della California e poi all'Università del New Hampshire dove continua a lavorare ancora oggi. Ha pubblicato più di sessanta libri, tra loro uno in prosa, La vita delle immagini. L'ultimo è Scarabocchiato nell'oscurità, pubblicato su 2018.

È considerato uno dei più grandi poeti e saggisti contemporanei di lingua inglese, ma è anche molto ammirato sulla scena poetica internazionale. Ha vinto Premio Pulitzer 1990 per la poesia ed è anche un poeta laureato degli Stati Uniti.

Più opere

  • Smantellare il silenzio 
  • Hotel di insonnia
  • Il mondo non finisce e altre poesie
  • Dov'è il gatto?
  • Un unico difetto che guasta tutto, che raccoglie i suoi ricordi.
  • La voce alle tre del mattino 

poesie

La nostra banda

Come le falene

appeso intorno a un lampione

all'inferno

noi eravamo.

Anime perse,

tutti e ciascuno.

se li trovi,

restituirli al mittente.

**

Farfalla nera

Nave fantasma della mia vita

sovraccaricato di bare,

salpare

con la marea della sera.

**

In questa nostra prigione

Dove il direttore è così discreto

che nessuno lo vede mai

fai il tuo giro,

devi essere molto coraggioso

per toccare una parete cellulare

quando le luci sono spente

aspettando di essere ascoltato,

se non per gli arcangeli del cielo,

sì per i dannati dell'inferno.

**

Telefono senza linea

Qualcosa o qualcuno che non posso nominare

mi ha fatto sedere e accettare questo gioco

Continuo a giocare anni dopo

senza conoscere le loro regole o saperlo con certezza

chi sta vincendo o perdendo,

tanto quanto mi sono arrovellato a studiare

l'ombra che proietto sul muro

come un uomo che aspetta tutta la notte

una chiamata da un telefono senza linea

dicendosi che forse suona.

Il silenzio intorno a me così denso

che sento un rumore di carte mescolate,

ma quando mi guardo le spalle, inquieto,

c'è solo una falena nella finestra,

la sua mente insonne e sconvolta come la mia.

Da poesie selezionate

Angurie

Buddha verdi
Al banco della frutta.
Mangiamo un sorriso
E ci sputiamo i denti.

**

Nota scivolò sotto una porta

Ho visto un'alta finestra accecata
Alla luce del sole del tardo pomeriggio.

Ho visto un asciugamano
Con molte impronte scure
Appeso in cucina.

Ho visto un vecchio melo
Uno scialle antivento sulle spalle,
Avanzando da solo a poco a poco
Via delle colline aride.

Ho visto un letto disfatto
E ho sentito il freddo delle sue lenzuola.

Ho visto una mosca inzuppata nell'oscurità
Della prossima notte
Guardandomi perché non potevo uscire.

Ho visto pietre che erano arrivate
Da una grande distanza viola
Affollamento intorno alla porta d'ingresso.

**

Paura

La paura passa da uomo a uomo
Non sapendo,
Come una foglia passa il suo tremito
Ad un altro.
All'improvviso l'intero albero sta tremando
E non c'è segno del vento.

**

La sedia

Questa sedia era una volta allievo di Euclide.

Il libro delle sue leggi poggia sulla sua sedia.

Le finestre della scuola erano aperte

Così il vento ha voltato le pagine

Sussurrando le gloriose prove.

Il sole tramontava sui tetti d'oro.

Ovunque le ombre si allungavano

Ma Euclide non disse niente del genere.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.