Breve analisi dell'opera «Cuentos» di Jorge Luis Borges

Lo scrittore Jorge Luis Borges È uno dei più importanti autori argentini di letteratura universale ed è conosciuto in questo mondo letterario per le sue magnifiche storie. Avere due fasi nettamente differenziati nella loro fase letteraria: il primo di essi è associato al estetica ultraista e il secondo al poesia più intima e concentrata.

Nella sua stadio ultraista, che in gran parte coincideva con gli anni vissuti in Spagna, intendeva "inquietare l'arte", eliminando ogni elemento che potesse minacciare la purezza espressiva. Se vuoi leggere qualcosa di suo da questa fase letteraria, puoi scegliere tra tre delle sue opere: «Fervore di Buenos Aires» (1923). "Luna davanti" (1925) y "Taccuino San Martín" (1929).

In questo articolo, effettuiamo una breve analisi del lavoro "Storie", lavoro eccezionale nella sua carriera letteraria.

"Storie"

Le storie di Jorge Luis Borges sono spesso alcune variazioni delle stesse temi: L' l'identità dell'uomo, Il suo destinazione, il tempo, la eternità o infinito, l'enigma di universo e della muerte.

La casa di Asterion

Nel suo racconto di "L'Aleph", Borges ricrea la leggenda del Minotauro, un mostro con la testa di un toro e il corpo di un uomo che, secondo la mitologia, visse rinchiuso nel labirinto fino a quando Teseo non lo uccise. Lo scopo di Borges è quello di trasmettere tutta l'assurdità che riguarda l'esistenza e l'angoscia, sempre viste dal lato più scettico, di un uomo che cammina smarrito e disorientato, incapace di penetrare il proprio destino o addirittura di governarlo.

The Postponed Witcher

Qui parliamo della narrazione a cui appartiene "Storia universale dell'infamia". Questa storia, che affronta il tema del tempo, è una ricostruzione di una delle storie più note del lavoro medievale "Conte Lucanor"di don Juan Manuel.

Questo libro è una raccolta di racconti scritti dall'autore, il primo dei quali è pubblicato nel 1935. Sono stati pubblicati separatamente nel "Diario critico" tra gli anni 1933 e 1934.

Se ti piacciono queste brevi analisi e vuoi che le facciamo su uno dei tuoi libri preferiti, non ti resta che farcelo sapere nella sezione commenti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Alberto Fernandez Diaz suddetto

    Ciao carmen.

    Queste brevi recensioni vanno bene.

    Potresti farne un po ', ad esempio, "The Name of the Rose", "Tokyo Blues", "Captain Alatriste", "Comanche Territory", "Chronicle of a Death Foretold" o "One Hundred Years of Solitude".

    Saluti da Oviedo e grazie di tutto.

  2.   Aliciab zabaleta suddetto

    Ciao
    Mi sarebbe piaciuto un commento più ampio su questi lavori. Ad esempio in The Aleph, ci sono molti punti interessanti da evidenziare.
    Ad ogni modo, sono contento che Borges venga preso in considerazione. Il suo lavoro ha molteplici letture ed è molto arricchente.
    A proposito, c'è un errore nel titolo poiché nessuno dei suoi libri si chiama "Tales". Quindi nell'articolo si specifica molto bene a quale appartiene ogni storia.
    Un abbraccio da Buenos Aires