1. Uno dei "buoni" (o abbastanza corretti) agenti di polizia e investigatori

Ho appena iniziato L'ultima nave, il nuovo e attesissimo romanzo di Domenica Villar con il suo ispettore di Vigo Leo Caldas come protagonista. Caldas è uno dei pochissimi agenti di polizia nazionale che ho seguito con devozione per molto tempo, perché sono più un ufficiale delle forze dell'ordine o un investigatore di altre parti del mondo. Così ho ritrovato la sua bontà, il suo buon lavoro e le buone maniere, la sua natura nostalgica e molto galiziana, e allo stesso tempo la sua efficienza. Y Ho ricordato altri colleghi contemporanei simili. Per i lettori di romanzi gialli che preferiscono quelli onesti, altruisti, retti e incorruttibili servitori dell'ordine e della giustizia.

Un americano, un norvegese, un italiano, un francese e un tedesco-scozzese

Cosa condividono?

Ce ne sono molti altri, ma Ho deciso per questi sei. Provengono tutti da serie e scrittori riconosciuti con la loro nazionalità. E uno non appartiene alla Polizia, ma è un investigatore dilettante, ma entra nella lista per essere uno di quei caratteri positivi, gentili, amichevoli, generosi e sacrifici per i propri amici e parenti. Tutti condividono virtù simili iIndipendentemente dai loro caratteri e dalle loro origini.

Sono efficiente, con integrità, sacrificato per il proprio team, il proprio personale o i propri amiciAnche se sono diventati mascalzoni come il caso di Luca Betti e Marco Tanzi, il poliziotto "buono" e il poliziotto "cattivo" della serie Milan Negro firmata Romano De Marco.

anche tendono alla solitudine e alla malinconia, persino alla depressioneproprio perché riconoscono quella natura onesta e generosa. Ma sicuramente condividono tutti la necessità non soccombere al lato attraente e potente del male con cui convivono tanto. Sì, forse è una sfida più difficile essere buoni che cattivi nel romanzo poliziesco.

Martin Servaz - Bernard Minier

Il comandante francese della Polizia di Tolosa Martin Servaz ne soffre soprattutto depressione e bisogno trattamento professionale in un momento molto traumatico. È ciò che deve affrontare durante quattro romanzi a nemesi spietata con la quale, al momento, non sembra esserci modo di finire.

Bernard Minier ce l'ha presentato a Sotto il ghiaccio e continuiamo con Il cerchio, Non spegnere la luce y notte. Ed è diventato uno dei più seguiti del genere. Servaz è apprezzato compassione (troppo forse già soprattutto nell'ultimo titolo) e di come abbia sacrificato buona parte della sua stabilità emotiva per il suo lavoro.

La sua lotta è più feroce dal contrasto con quell'invincibile psicopatico che cattura tanti e lo perseguita senza sosta. E soffriamo con lui per sua figlia, per le sue perdite e per le sue sforzo costante nel superare le tue paure, ma farlo bene.

Jan Fabel - Craig Russell

Jan Fabel lo è Commissario capo della polizia di Amburgo. Mezzo scozzese e mezzo tedesco, ha quelle belle metà che condivide con il suo creatore, lo scozzese amante dei tedeschi ed ex poliziotto Craig Russell.

Fabel è sincero finché non ha detto abbastanza, incontaminato nei suoi modi e fermo ma premuroso con una squadra che lo rispetta e lo ammira. Lui, in cambio, è sempre in attesa di loro così come sua figlia, che è in pericolo più di una volta. Va anche meravigliosamente d'accordo con la sua ex moglie, anche se i lettori possono sospettare che lei non sia grano puro in vari momenti.

L'abbiamo solo visto mezzo vacillare una volta (che nessuno dei due) a livello personale, quando ha gettato in aria un capello grigio inaspettato a El Señor del Carnaval. Di fronte a tanta rettitudine, forse Russell gli diede una pausa, approfittando di quell'atmosfera carnevalesca a Colonia. Ma mostra un forte controllo di tutti i tuoi sentimenti, anche quelli di noi che vogliono indovinarti per un componente della tua squadra. Per me è il più indenne.

Myron Bolitar - Harlan Coben

L'americano Harlan Coben ha creato nell'ex giocatore di basket, rappresentante sportivo e ricercatore dilettante Myron bolitar a tale amico che tutti noi vogliamo avere. Non puoi chiedere più simpatia o disponibilità ad aiutare e prendersi cura degli altri quando hanno un problema. Inoltre, è il figlio perfetto con un amore assolutamente devoto per i suoi genitori. E ovviamente il miglior fidanzato e il più innamorato, sempre per il meglio.

Ma la cosa più interessante è il rapporto di affetto e sostegno incondizionato con il suo migliore amico Vinci Lockwood, il riflesso opposto, oscuro e sinistro dello stesso specchio. Insieme sono invincibili per complementari e sono una delle migliori coppie letterarie contemporanee del genere.

Luca Betti - Romano De Marco

È lo stesso di Luca betti e Marco Tanzi. Romano De Marco ha creato questi due poliziotti della serie Milan Black che trucco Scomparso y Città di polvere. Devi essere persone molto buone, e molto alla maniera italiana, finire per aiutare il tuo partner e migliore amico che un giorno è passato al lato oscuro e ti ha anche tradito con tua moglie, ma che è finito a vivere per strada e poi sua figlia scompare.

Il buon Luca Betti non solo prende e aiuta Tanzi, ma deve fare i conti con quella già ex moglie di cui è ancora innamorato, più sua figlia, più un nuovo compagno che arriva all'appartamento. Il punto è che tocca la sua onestà e il modo in cui accetta di non poter fare a meno di essere così, nonostante ulteriori complicazioni e la possibilità di scottarsi di nuovo. Quindi non puoi fare a meno di ammirarlo.

Holger Munch - Samuel Bjørk

Munch è quel commissario veterano, comprensivo, buon padre, marito e nonno. E nel suo lavoro è a capo di una squadra di cui si sente anche lui mentore. Il norvegese Samuel Bjørk creato nel Viaggio da solo y Il gufo il prototipo poco visto in quelle parti nordiche del poliziotto gentile, che cerca di prendere i casi peggiori con il massimo controllo.

Munch è un altro esempio con la sua controparte in Mia Krüger, il giovane ma instabile ispettore a cui deve rivolgersi nuovamente per lavoro. Quindi apprezzi la loro particolare tranquillità.

Leo Caldas - Domingo Villar

Più galiziano del polpo feira e più buono del ricco pane della loro terra. E con quel tocco di senzatetto, nostalgia e ritirata che caratterizza i suoi connazionali. Lo è anche Leo Caldas efficiente, instancabile, intuitivo e con molta mano sinistra. Ma è anche fantastico buongustaio, un figlio attento e preoccupato per suo padre oltre che molto segnato dalla morte prematura di sua madre. E soprattutto, molto ferito da una rottura sentimentale.

sì anche Lo opponi a un assistente aragonese senza freno né misura, sconvolto dalla ritirata galiziana, ma fedele, leale e con una risoluta risolutezza, ottieni uno dei le migliori coppie del genere nero nativo. Hanno già la loro trilogia con Occhi d'acqua, La spiaggia degli annegati y è L'ultima nave.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.