Sun of Blood, di Jo Nesbø. Revisione

Sole insanguinato è l'ultimo romanzo appena pubblicato qui da Jo Nesbo. Arriva dopo quattro anni e deve ancora arrivare Il Regno (Il Regno), che è già stato rilasciato in Norvegia e in altri paesi. Potrei leggerlo allora e questa era la mia recensione che ho appena modificato dopo averlo riletto. Per quelli di noi che sono incondizionati di Nesbø e leggono ciò che è necessario di esso. E per quelli che non lo fanno.

Sole insanguinato - Jo Nesbø

Mantengo il titolo originale, Sole di mezzanotte, cambiato qui per motivi di Marketing e coincidenza con un'altra di una famosissima saga di vampiri. Ma, onestamente, non credo che i lettori di entrambi saranno confusi con ciò che vogliono leggere.

Il fatto è che il titolo originale definisce esattamente il luogo, il clima e il continuo passaggio tra buio e luce che il protagonista compie, Jon hansen -o Ulf, come dice di chiamarsi sotto la sua apparenza poco riuscita di cacciatore innocente e incapace - quando arriva in una piccola città perduta nord più a nord di tutti i nord.

Lì incontra e sente con una miscela di fuoco, aria, fede, ateismo, fanatismo, crimine, paura, solitudine, l'oscurità con la chiarezza perpetua di quel sole di mezzanotte in pieno agosto, viltà, resa, redenzione, amor in tutte le sue forme, genitorialità, perdita, dolore, disperazione e speranza. A questo contribuisce che il comunidad che abita la città è chiusa come ultra conservatore.

Hansen sta per trovare Knut, un bambino di dieci anni e sua madre prato, una donna con una storia personale piena di drammi e sorprese.

L'hanno detto, ma non lo sapevano. Nessuno sa. Non io, non tu, non un prete, non un ateo. Ecco perché abbiamo fede. Noi ci crediamo, perché è meglio che rendersi conto che in fondo c'è solo una cosa che ci aspetta, ed è il buio, il freddo. Morte.

La volo Anche il nulla di Hansen finisce. Siamo tornati in e ha fatto un gioco pescador, il più grande pezzo grosso della mafia di Oslo (conosciuto in Sangue nella neve), e ora lo stanno facendo. Tutto a causa della sua incompetenza, o meglio, a causa della sua invalidità uccidere. Si considera un codardo, a patetico perdente che ha commesso molti errori e quando raggiunge quel luogo vicino all'Artico, sente che potrebbe essere la sua ultima fuga.

Su rapporto con la popolazione ermetica, ma soprattutto con il piccolo e curioso Knut e la sua madre riservata ma intuitiva lo costringeranno a prendere una decisione una volta per tutte. O a abbandonare del tutto.

Eccomi qui e ti amo. Buttami fuori se devi, se puoi. Ma io sono qui ad offrirti le mie mani, ed ecco il mio cuore che batte.

Quindi dobbiamo Jo Nesbø è decisamente diventato il massimo del romantico. Scrive un romanzo poliziesco, sì, ma in fondo è quello, un romantico. Forse potrebbe essere l'età, la necessità raccontare storie più brevi e più intime forse per se stesso più che per il lettore (il narratore in prima persona è l'ideale per questo), o per diventare riflessioni possedere convinzioni e sentimenti. A volte ne abbiamo bisogno e semplicemente prendiamo una storia familiare e la raccontiamo a modo nostro. E sappiamo già com'è lo stile del signor Nesbø.

Da un lato alla fine ho temuto il peggio, ma sono rimasto sorpreso che potesse succedere dopo Sangue nella neve. D'altra parte, sono rimasto di nuovo sorpreso da questo capacità leggere una cosa che poi diventa un'altra, il suspense mantenuto fino all'ultimo minuto, e quel tocco grottesco (chi l'ha letto ricorderà quella scena tremenda ed escatologica in Headhunters) che qui va più a cosa gore in un'altra immagine molto grafica. Suggerimento: ce n'è uno simile nel film RobRoy.

L'ho letto è diventato morbido, che si sta appassionando alla prima persona di criminali con un buon background, che quest'ultimo Novelas sono troppo breve o prevedibile o favole senza sostanza. E anche per il fedele di Harry buco, che pensano che, a parte le loro storie, il resto non li convinca (Macbeth, L'erede...). Anch'io vengo da Hole fino in fondo, ma quello che lo scrive è Nesbø. E qui e in tutta la sua opera resta fermo nel suo criterio che ripete più e più volte: che l'amore e la morte sono i temi fondamentali su cui tutto ruota.

Allora cosa devo fare? Mi piace. Per tutto.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.