Blas Malo Poyatos. Intervista all'autore di Disdain and Fury

Fotografia: sito web di Blas Malo Poyatos.

Blas Malo Poyatos È originario della Mancia, ingegnere civile e scrittore, appassionato anche di storia, in particolare dell'impero bizantino e del medioevo. Ha già pubblicato alcuni romanzi, tra gli altri, Il Signore di Castiglia, Il veneziano o il custode delle parole. l'ultimo lo è Lope de Vega. Disprezzo e furore. Apprezzo molto il tuo tempo e la tua gentilezza per questo intervista in cui ce ne parla e tanti altri argomenti.

Blas Malo Poyatos — Intervista

  • LETTERATURA CORRENTE: Il titolo del tuo ultimo libro è Lope de Vega. disprezzo e furore. Cosa ci racconti a riguardo e da dove è nata l'idea?

BLAS BAD POYATOS: Racconto la vita di Lope de Vega, nel suo periodo di maturità e di confronto a Madrid con gli autori che difendevano l'antica arte della scrittura, in particolare contro Miguel de Cervantes. La loro inimicizia si estese a tutti i livelli, dividendo la città e la corte tra seguaci di Lope e seguaci di Cervantes. Altri coinvolti erano Quevedo e Góngora. L'idea è nata nel 2005 con il 400° anniversario della pubblicazione di don Chisciotte della macchiadi Cervantes. Tutti parlavano di Cervantes. Volevo difendere la memoria di Lope.

  • AL: Puoi tornare al primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

BMP: Il più vecchio che ricordo chiaramente è L'isola del tesoro, di Stevenson, un'edizione dell'Estinto Editoriale Everest con immagini favolose e, naturalmente, la mia prima storia è stata ispirata da lei. Aveva uno scheletro, un tesoro perduto, un ragazzo che l'ha trovato. L'ho scritto quando avevo 10 anni.

  • AL: Un capo scrittore? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche.

BMP: Distinguo tra autori viventi e autori morti. Molti possono essere consigliati, sceglierne alcuni significa scartare gli altri. Molto influenti in me sono JRR Tolkien e Isacco Asimov. Più moderno, Steven Saylor, Joseph soto ragazza y Sebastian Roa. Tra i classici, che devi divertire e imparare, in questo momento consiglierei Gustave Flaubert.

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

BMP: Sinuhe, creazione di Mika Waltari da quello che sembra fosse un personaggio egiziano che esisteva. Y Claudio l'imperatore, brillantemente realizzato da Robert Graves.

  • AL: Qualche abitudine o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere?

BMP: Per leggere necessario silenzio. Per scrivereHo bisogno che provenga da notte. Sono usanze che si sono fossilizzate. Ho difficoltà a leggere con il rumore o a scrivere durante il giorno. Tuttavia, studiare per documentarmi non richiede silenzio o quegli orari.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo?

BMP: Non mi interessa il sito finché lo è confortevole e quanto sopra è soddisfatto. A casa, scrivo meglio quando tutti gli altri sono andati via o dormono. Non sopporto di essere interrotto mentre creo. Ho due bambini piccoli, è difficile trovare il momento giusto.

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono?

BMP: Ho ancora un gusto per fantascienza. E vorrei leggere molto di più, romanzi di spionaggio d'avventuraCome quello di Clive Cussler. Sono molto divertenti. e leggi di più classico. Ma non ho tempo per tante cose in sospeso.

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

BMP: Adesso lo sono Lettura I romanzi di Gustave Flaubert, mentre ascolto conferenze su di lui e sulla sua scrittura, perché lo trovo un uomo affascinante come scrittore. E i diversi libri di Marco Tulio Cicerone, che sono incredibili. Digitando, ora sono nel Medioevo.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale e cosa ti ha deciso di provare a pubblicare?

BMP: Come sempre, è saturo di manoscritti. Ma un buon manoscritto trova un editore, prima o poi. Ognuno ha l'ego di voler vedere il proprio libro tra gli altri nelle librerie, Ecco com'è. Per un imprenditore di libri correre il rischio di pubblicarmi è un complimento per me. Così deve essere.

  • Il momento di crisi che stiamo vivendo è per te difficile o riuscirai a conservare qualcosa di positivo per le storie future?

BMP: Lo sono fortunato. Nessuno nella mia famiglia è morto di covid. La mia vita non è cambiata in peggio, ma in meglio, perché recentemente sono tornato padre e ora siamo in quattro a casa. Devi continuare a viverese c'è covid o no. Chi non la pensa così dovrebbe andare al cimitero a seppellirsi e stare in pace.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Nipote Marina suddetto

    Buon pomeriggio,
    Sto imparando a conoscere i blog e ho trovato il tuo.
    L'ho trovato divertente e piuttosto interessante.
    A presto,
    Nipote Marina