Blacksad. Tutto cade, di Juanjo Guarnido e Juan Díaz Canales. Recensione

Blacksad 6. Tutto cade - Prima parte è la nuova storia che presentano Immagine segnaposto Juanjo Guarnido (disegno) e Juan Diaz Canales (sceneggiatura) di questo gatto detective gli anni 50 che ha già compiuto 20 anni. Ed è un lusso, come i precedenti. Ho già parlato di loro e di lui, quindi oggi mi concentro su quest'ultimo. Questo è il mio recensione.

Blacksad 6. Tutto cade - Parte prima - reseña

All'inizio di Blacksad 6. Tutto cade - Prima parte vediamo il sorriso sardonico di a frasi declamanti di coccodrillo di La tempesta, di William Shakespeare. Questo è il primo genio, come il resto delle vignette fino alla fine. Per finire, la storia inizia con queste parole dirette da John Blacksad, nella sua narrazione in prima persona dall'inizio della serie con Un posto nell'ombra.

Che la vita non sia altro che uno spettacolo è qualcosa che tutti intuiamo. E io, senza alcuna vocazione, sono diventato un dramma professionale. Pubblico e attore con un open bar di basse passioni e miseria umana. I ragazzi torturati e colorati sono i miei co-protagonisti. Con un panorama del genere, non capisco perché mi piaccia ancora il teatro.

E ovviamente, beh, come fai a non continuare? Devi farlo perché sai solo che leggerai e vedrai un'altra fantastica storia di questo (pezzo di) gatto detective. Poco è stato profuso in questi 20 anni di esistenza, la verità, perché sìCi ha raccontato solo 6 storie, ma come sono! E quest'ultimo, inoltre, è in Parti 2. Il secondo è previsto per il 2023, qualcosa che dovrà essere apprezzato perché non saranno gli 8 che ha preso.

Ma è dimostrato ancora una volta che i loro autori impiegano così tanto tempo perché ognuno è una gemma. Ora, con questa divisione, la storia si svolge con più calma ed è più elaborata. Lo si vede e si nota non solo nei disegni più dettagliati, in più vignette che in realtà sono inquadrature cinematografiche, ma anche nella sceneggiatura di Díaz Canales che, invece, continua a ricamarla.

Succede anche che sia lui che Guarnido più quella volta hanno plasmato e perfezionato le loro creature su ogni nuovo album. Come sempre ci sarà chi ha il suo preferito, ma sono tutti bravi, anche se è consigliabile conoscere questo gattino dalla nascita.

Ci sarà anche chi definirà questa storia - o l'intera serie - troppo prevedibile o afflitta da luoghi comuni, ma è così i cliché funzionano, soprattutto in questo genere.

Blacksad è tanto duro quanto romantico, a omaggio perfetto a noir più classico, sia letterario che cinematografico, dalla sua estetica alle sceneggiature e, più specificamente, al nordamericano. Immergersi nelle sue pagine è farlo in Perversità, Il Sonno Eterno, La Perdizione, Il Sentiero Oscuro o Fuorilegge, dove attraversano il Filippo Marlowe di Bogart o il Jeff Bailey di Mitchum su Ritorno al passato. E mille e uno in più riferimenti a qualunque titolo abbia firmato martello, droghiere o È buono O uno di quei film dell'età d'oro degli anni '40 e '50 al cinema.

Di cosa si tratta e i suoi personaggi

En Blacksad 6. Tutto cade - Prima parte dobbiamo John Blacksad in città dopo i precedenti casi accaduti ad Amarillo (Texas), New Orleans o Las Vegas. E che iniziare con uno spettacolo teatrale apparentemente calmo porterà a un complotto di corruzione e interessi politici nelle alte sfere coinvolgendo il sindaco, un importante costruttore e il direttore di quella compagnia teatrale.

Con loro abbiamo di nuovo , il cronista dei tabloid e l'elemento più comico, oltre a fare da contrappunto alla serietà e alla forza di Blacksad. Tuttavia, questa volta gioca a ruolo più importante e decisivo alla fine che, ovviamente, viene lasciata aperta con a grande sorpresa che, non sospettato, ha meno effetto. Anzi. È il miglior successo, il Cliffhanger Anglosassone, che lascia il miele sulle labbra e tutto aspettative e desiderio di quella seconda parte.

Ovviamente anche noi continuiamo a godercelo creazione del personaggio antropomorfo abbronzatura eterogeneo come scioccante e un marchio di espressività di casa Guarnido, che tanto deve alla Disney e, allo stesso tempo, toglie tutta l'aureola infantile o innocente della compagnia dei topi.

Niente come un tacchino altezzoso come il buio sindaco Schumann di una New York mai citata ma chiaramente riflessa sia negli edifici, nelle strade e nei parchi sia nell'essenza urbana cento per cento americana. E niente come un halcón con sguardo penetrante e portamento potente per rappresentare Salomone, quel costruttore che gioca con tutto e tutti dall'alto che indubbiamente domina per natura.

E da quelle altezze scendiamo nelle profondità della terra dove, naturalmente, ci sono gli operai talpe, ratti o topi nel buio di Metro. Il suo rappresentante, Kenneth Clark, è un pipistrello chi vogliono togliersi di mezzo ed è per questo che assume Blacksad, consigliato da Iris Allen (un grazioso lama), il regista teatrale a cui Blacksad ha evitato un conflitto con la Polizia con cui inizia questa storia.

Quindi il nostro gatto farà finta di essere un più lavoratore per scoprire e fermare il sicario (Logan, un feroce e senz'anima grizzly) che appartiene alla banda mafiosa che ne controlla alcuni donnole, sempre con cattiva stampa e che ricordano quelli di Chi ha tradito Roger Rabbit?, un'altra buona storia nera del cinema, anche se più squilibrata e infantile.

Vedremo anche per la prima volta il redazione di Cosa c'è di nuovo, dove lavora Weekly, e incontreremo il suo nuovo direttore, una veemente porcospino, che ha deciso di scommettere su un giornalismo più impegnato che sensazionalista.

I secondari più potenti sono Olaf, un malizioso alano, autista e scagnozzo di Salomone, e Shelby, un misterioso gabbiano chi fa il lavoro più sporco per il falco, chi lo usa sotto minaccia.

Tutti si mischiano in questo teatro cocktail, gestioni di poteri politici e imprenditoriali e vecchi conti che hanno in sospeso. E tutti finire in circostanze inquietanti —Con quell'apparizione stellare alla fine di un personaggio molto importante per Blacksad—, che preannuncia una seconda parte piena di emozione e intensità.

In breve

Il meglio: todo.

Peggio: che sono solo 58 pagine.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.