Quartiere letterario di Madrid. Passeggiate, percorsi e luoghi

Vie del Barrio de las Letras. Fotografie di (c) Mariola DCA.

El Quartiere letterario di Madrid È nel cuore della Villa e della Corte ed è il suo cuore letterario. Tappa obbligata per autoctoni e stranieri, le sue strade conservano i suoni, gli aromi e le orme dei fantasmi dei nostri autori più famosi, soprattutto del Secolo d'Oro. Quevedo, Lope de Vega o il vecchio soldato di Lepanto e la gloria universale don Miguel de Cervantes condividono strade sullo stesso isolato. Così devi andare e perderti laggiù tra bollite, piume, calamai, mantelle e spade quando possibile.

Dov'è il Barrio de las Letras

È a pochi isolati da Distretto ufficiale del centro e il nome di Barrio de las Letras è più sentimentale, popolare e pratico per attirare il turismo in tutte le sue forme. Cultura, gastronomia e angoli architettonici appartati Pieni di storia, si incontrano in strade strette, per lo più pedonali, tranquille e autentiche. Ma la verità è che, per gli spiriti più letterari, è facile viaggiare indietro nel tempo e immagina saluti o dardi avvelenati tra i vicini famosi che li hanno calpestati.

Ma per mettere a fuoco con la mappa il quartiere è delimitato dal Carrera de San Jerónimo, Paseo del Prado, Calle Atocha e Calle de la Cruz. Puoi anche espandere l'area da Cruz alla strada Carri, che esce da Puerta del Sol. E puoi evidenziare strade come Victoria, Príncipe, la bellissima Plaza de Santa Ana con il magnifico teatro spagnolo, le piazze vicine di Matute o del Ángel.

E sebbene Lope, Quevedo e Cervantes siano i nomi più ricercati, nel Barrio de las Letras ci sono anche strade dedicate a Moratín, San Agustín o José de Echegaray. In uno dei suoi limiti c'è anche la Plaza de Jacinto Benavente.

Tre strade rappresentative

Huertas Street

Punteggiata di frammenti letterari sul pavimento, è forse la strada più emblematica e trafficata del quartiere. Due strade fondamentali corrono parallele: quella di Lope de Vega, con il Convento dei Trinitari Scalzi di San Ildefonso, del XVII secolo, dove fu sepolto Cervantes e dove professava suor Marcela, figlia di Lope. Lungo la strada si passa dal Parrocchia di San Sebastián, dove si crede che riposino i resti di Lope de Vega.

Via Cervantes

È fondamentale visitarlo per vedere il luogo dove visse e morì l'autore di Don Chisciotte. Un po 'più basso è il Museo della casa di Lope de Vega dove ha vissuto fino alla sua morte. Puoi visitare e vedere la ricreazione dell'ufficio in cui il Fénix de los Ingenios scrisse le sue opere.

Strade Cervantes e San Sebastián. Fotografie (c) Mariola DCA.

Quevedo Street

Situato tra quelli di Cervantes e Lope de Vega, è una strada molto piccola. Ancora una volta una targa ricorda il luogo in cui si trovava la casa e le date del suo soggiorno.

Visita gratuita Cervantes

È un percorso abbastanza completo che dura uno un'ora e mezza e il Martedì, giovedì e sabato alle 12:15.

Inizia da Piazza Santa Ana con il teatro spagnolo, che è stato costruito su uno dei recinti di commedie più conosciuti al mondo. Età dell'oro spagnola: quella del Principe. È seguito da Huertas, Cervantes e Lope de Vega, dove vengono spiegate le origini della grande inimicizia che esisteva tra questi due geni vicini. E finisce per scendere in Plaza de las Cortes, davanti al Congresso dei Deputati. C'è la Statua di Cervantes, il primo dedicato a Madrid a un personaggio non religioso.

Ma il meglio ...

Es perdersi in quelle strade. Una mappa o il browser e nient'altro. Giù verso Anton Martin, o imbattersi in lui Ateneo o il Teatro Monumentale. Scopri l'appartata plaza de Matute, ideale per sedersi un po 'su una delle sue terrazze. O estendersi un po 'oltre i suoi limiti fino alla piazza Tirso de Molina o avvicinati e attraversa la strada di Zorrilla dietro le spalle del Congresso.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.