Autori indipendenti II. Gabriel Romero de Ávila. 10 domande

Secondo articolo dedicato ad autori indipendenti. Oggi ho Gabriel Romero di Avila, anch'essa con radici a La Solana, ma molto giramondo e ormai insediatasi Galizia, vicino al ponte Rande. Autore di La regina demone del fiume Iside, collabora anche come articulista nel giornale digitale Vigo è.

Nella prova del 10 domande Gabriel Romero de Ávila ci racconta il suo libri e autori preferiti, le loro influenze, i loro hobby, le loro letture, i loro progetti ed esperienze. Insomma, è sempre bello scoprire voci più letterarie.

Chi è Gabriel Romero de Ávila?

sono nato il Madrid, studiato Medicina e ho vissuto a Leeds, Newcastle, Tenerife e Pontevedra, per stabilirmi finalmente a Vigo, ma non sono mai riuscito a smettere di viaggiare.

La regina demone del fiume Iside

Nei primi mesi di 1852 Gli imperi britannico e ottomano si contendono il possesso della bellissima nazione di Nilidia. Presto si renderanno conto che questa battaglia non sarà facile, quando nella lotta per l'anima e per le strade della città di basso intervenire in maniera terribile maledizione, One reliquia con poteri magici, un governatore innamorato di una donna occidentale, la moglie abbandonata, a stregone pro-schiavitù, pirati dal fiume Iside, giubbe rosse, mostri incubo e Allan Quatermain.

10 domande

1. Ricordi il primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

C'erano sempre molti libri a casa mia. Sono cresciuto con i racconti di Andersen, le favole di Samaniego e i romanzi d'avventura di Julio Verne, Arthur Conan Doyle ed Emilio Salgari. Quelli erano tempi pre-computer, quando eravamo tutti più innocenti, c'erano solo due canali televisivi e il nostro grande guaio era guardare i due film di diamanti.

La prima storia che ho scritto è stata una copia sfacciata di Sherlock Holmes, in cui ha cambiato solo i nomi dei personaggi e la trama era infumabile. L'ho fatto con la vecchia macchina da scrivere di mio padre e alcuni enormi fogli di quaderno, e poi mi aiutava a pinzarli. Lo tengo ancora a casa (solo per il valore nostalgico, ovviamente, perché era davvero orribile).

2. Qual è stato il primo libro che ti ha colpito e perché?

Da giovane leggevo Sandokan, il romanzo che mi ha sorpreso di più per molti anni, perché mi ha mostrato che i cattivi sono molto più complessi dei buoni, e che a volte hanno più motivi per fare quello che fanno. Da allora arriva la mia passione per il mare. Poi ho scoperto che avevo persino le vertigini sulle barche Retiro e non potevo essere un pirata in Malesia. Così ho iniziato a scrivere.

3. Chi è il tuo scrittore preferito? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche.

Tra i classici mi perdono Salgari e Hemingway. Ma ammiro anche molti altri, come Steinbeck, Zweig, Sabatini o Anthony Hope.

Tra gli attuali i miei preferiti sono Vazquez-Figueroa, Pérez-Reverte y Javier Reverte. Seguo anche E. da vicinospido Freire e Máxim Huerta. GIÀlessandro Baricco è incredibile.

Il mio problema principale è trova spazio a casa per più libri. Non ho più scaffali liberi, non ho più tempo durante la giornata per leggere di più. Se qualcuno ha una di queste cose, lascia che me la trasmetta.

4. Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

Uno dei migliori personaggi della letteratura degli ultimi tempi è Diego Alatriste: nobile ed eroico, con il fatalismo del suo tempo. Segue da vicino Lorenzo Falco, che gioca con tutti i lati e ha ben poco del glamour di 007.

5. Hai qualche hobby quando si tratta di scrivere o leggere?

Durante la lettura tendo ad avere poca pazienza. Non riesco a finire un libro che non mi agganci. Questo è quello che chiamo "il test di 50 pagine": se in quello spazio non ho trovato elementi che mi piacciono, non ho abbastanza pazienza per continuare.

Quando scrivo, più o meno mi succede la stessa cosa. Ecco perché ho mille romanzi in testa, ma la selezione naturale fa sopravvivere solo i migliori (o le mutazioni che permettono loro di adattarsi all'ambiente).

6. E il tuo luogo e momento preferito per farlo?

Anche se sono cresciuto senza computer, ora sono diventato un dipendente dalle nuove tecnologie, e grazie a loro posso leggere in qualsiasi momento: porto i libri sul cellulare o sul tablet e approfitto di ogni occasione. Anche in macchina, grazie al audiolibri, che è stata la mia migliore scoperta negli ultimi anni.

Con la scrittura, mi succede qualcosa di simile: non c'è un momento perso.

7. Quale scrittore o libro ha influenzato il tuo lavoro di autore?

Ho deciso di non nominare più Salgari, quindi ora lo ripeto Hemingway: non c'è nessuno che padroneggi i dialoghi (e i silenzi) come lui. Ciascuna delle sue pagine è piena di magia. E me lo ha insegnato una grande storia può essere raccontata in pochissimo spazio.

8. I tuoi generi preferiti?

Leggo generi molto diversi, ma adoro romanzi d'avventura e di viaggioS. Anche il romanzo storico e genere noir. Anche un po 'di buone maniere, ma non troppo.

9. Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

Quest'anno ho iniziato la tecnica del "Barca letteraria": metti un euro in una pentola per ogni libro che leggi, e quei soldi possono essere prelevati solo alla fine dell'anno e possono essere spesi solo per più libri. Finora ho già risparmiato 20 euro quest'anno, quindi la mia dipendenza continuerà a crescere. In questo momento sto iniziando Scaramouchedi Rafael Sabatini; Y Fiore del desertodi Waris Dirie.

A proposito di scrittura, sto indagando sulla vita di tribù nomadi del deserto del Sahara, la diffusione dell'Islam in questi territori e gli scontri tra i Corsari barbareschi e gli cavalieri di Malta. Posso avere un romanzo pronto a breve. O venti, perché quei problemi avrebbero fatto molta strada.

10. Come pensi che sia la scena editoriale per tanti autori quanti sono o vuoi pubblicare?

Ha molti vantaggi e alcuni svantaggi. Internet ha dato accessibilità agli scrittori che ora possono facilmente contattare gli editori, autopubblicarsi, promuoversi, mostrare il proprio lavoro, ecc. Il mondo letterario è cambiato molto, ma sono cambiati anche i lettori. Impariamo tutti nuove regole, a volte al volo. Ma è sicuramente un momento affascinante. Non c'è mai stata così tanta attività, così tanti autori e così tanto lavoro da fare. E mi sto divertendo molto.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.