Autori autopubblicati, qualità o finzione?

The Enigma of the Witches di Magda Kinsley, vincitrice del premio Red Circle, la principale società di autopubblicazione spagnola.

Gli autori autopubblicati sono il fenomeno letterario di questo secolo. Nessuno dubita che la tecnologia sia il grande motore dei cambiamenti sociali nel XNUMX ° secolo. Tutti i settori hanno subito grandi cambiamenti e l'editoriale non è diverso. Il fenomeno del libro digitale ha portato con sé la pirateria e anche le possibilità che chiunque possa pubblicare i propri scritti su una piattaforma commerciale come Amazon.

Il numero di autori che, stanchi di aspettare una risposta editoriale o che, per ignoranza del mercato editoriale, non possono essere letti da un editore, decidono di non lasciare i loro romanzi a prendere polvere in un cassetto e di autopubblicarsi.

Gli autori autopubblicati hanno una qualità inferiore rispetto a quelli che pubblicano con il metodo tradizionale?

Dipende. Quelli che mangiano Roberto Martinez Guzman era con uno dei suoi libri, Seven Books for Eve, XNUMX giorni consecutivi al primo posto nelle vendite su Amazon poche settimane fa. Quando qualcosa del genere accade in un libro auto-pubblicato, con poca promozione, senza supporto editoriale e senza investimenti in pubblicità, è chiaro che il libro non solo ha un'alta qualità e che cattura i lettori, ma ha anche molto di merito. È vero che, in questo caso, le opere di Martínez Guzmán arrivano al lettore in uno stato di correzione impeccabile, invidiabile da qualsiasi grande editore.

"Forse se riesci a inserire i tuoi libri nella Top 100 di Amazon non ti interesserà pubblicarne uno, non importa quanto grande." (Roberto Martínez Guzmán)

L'autopubblicazione è una risorsa solo per gli scrittori alle prime armi?

Non molto di meno. Noi troviamo autopubblicato derivante dalla pubblicazione in un editore, ma che, a causa di disaccordi, dati di vendita o altri criteri, non si sentono a proprio agio, non continuano e passano alla pubblicazione come Mariola Diaz-Cano Arevalo. Altri sono entrati nel mercato editoriale per mano di un prestigioso editore come Esteban Navarro. Questo autore con una lunga carriera letteraria e diciotto romanzi pubblicati è entrato nel mercato editoriale con Ediciones B. Dall'ottavo romanzo pubblicato con questo editore, ha iniziato a combinare l'editoria tradizionale con l'editoria con il desktop publishing. Ed è che il modello di scrittore asociale rinchiuso nelle sue stanze senza sapere nulla del mondo mentre lascia lavorare il suo genio interiore, è già in disuso e oggi, con l'editore e senza l'autore non solo corregge, ma anche è il volto visibile della promozione di qualsiasi romanzo, si muove sui social network ed è accessibile ai suoi lettori.

"Oggi l'appoggio di un editore non è più così importante come poteva esserlo in un'altra epoca, perché il sacrificio ricade comunque sempre sull'autore". (Esteban Navarro)

Premi per l'auto-pubblicazione?

A volte. Come potrebbe essere altrimenti, i premi non ci volle molto per apparire come un modo per attirare l'attenzione Gli autori autopubblicati valgono la pena. Il più famoso il Amazon India, un premio internazionale che diventa ogni giorno più rilevante, per i lavori autoprodotti. Tra i vincitori ci sono autori come David Zaplana e Ana Ballabriga, che oggi pubblicano in una casa editrice tradizionale o come Pilar Munoz, vincitore dell'ultima convocazione per il premio. C'è anche premi concessi da società di self publishing: Círculo Rojo, la società di servizi editoriali per l'autoeditoria con il maggior impatto sul mercato, ha il suo premio, che è ancora uno striscione dell'editore per avvertire i lettori che pubblicano anche grandi romanzi. Quest'anno il vincitore è l'autore Magda Kinsley. 

«L'autopubblicazione è stata una tappa decisiva nella mia carriera letteraria. Non solo mi ha aiutato a superare quella paura iniziale del fallimento che soffrono alcuni scrittori alle prime armi, ma mi ha anche avvicinato a molti lettori e amici scrittori e mi ha permesso di realizzare il sogno di vedere il mio libro nelle mani di persone che non incontrerò mai. , ma con cui sarò sempre, unito dai legami della letteratura. (Magda Kinsley)

L'autopubblicazione è il modo per raggiungere un editore tradizionale?

In molti casi. Non dimentichiamo i grandi nomi che si sono cimentati nell'autopubblicazione come Eva García Sáenz de Urturi, Federico Moccia, EL James (50 sfumature di grigio), Fernando Gamboa o Eloy Moreno.

Altri, che lo sono convinto che il futuro dell'editoria sia attraverso l'autopubblicazioneCome Clara Tiscar , sono diventati punti di riferimento del desktop publishing e continuano a pubblicare i loro lavori in modo indipendente nonostante la loro fama.

«Se hai capacità di editing o contatti professionali che possono aiutarti, l'auto-pubblicazione è un'opzione conveniente che controlli dal primo momento. A tuo piacimento e modo, anche se devi anche prendere tempo ed entusiasmo ". (Mariola Díaz-Cano Arévalo)

Questo significa che non manca la qualità nell'autopubblicazione?

Ciò significa che dipende, ma sono tanti i segni che ci dicono quando siamo di fronte a veri tesori come quelli citati in questo articolo e che di noi lettori non vorrebbero scoprire il prossimo bestseller prima che i suoi libri siano noti al grande pubblico?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Manuel Castano Casquero suddetto

    È vero. Sono appena entrato in quel mondo e lo trovo eccitante. Ti costringe a correggere e curare meglio la tua scrittura e ad utilizzare strumenti precedentemente sconosciuti con la possibilità di essere l'ideatore delle tue copertine. Ti costringe anche ad essere più in contatto con i tuoi potenziali lettori.

  2.   Roberto Martinez Guzman suddetto

    Grazie per avermi menzionato. E sì, il desktop publishing non significa che un libro sia migliore o peggiore, ma che è stato creato, modificato, pubblicato e promosso dall'autore stesso. E come accade nelle case editrici, ci saranno autori che avranno più cura del proprio lavoro e altri meno.
    In pratica, è un mondo appassionante, ma molto laborioso, in cui l'autore deve coprire il lavoro che il tuo editore fa nell'editoria tradizionale (correzione di bozze, editing, impaginazione, progettazione grafica, promozione, ecc.).
    Pro: totale libertà di creazione e maggiore vantaggio economico.
    Contro: maggiore volume di lavoro e meno canali di distribuzione, soprattutto.
    Di solito ci arrivi per obbligo e rimani fuori dalla devozione. Ma anche per un altro motivo, nell'autopubblicazione di solito hai i tuoi lettori nell'ebook e nell'edizione tradizionale, nel libro cartaceo. Ciò significa che passare da uno all'altro sarà rischioso quanto il numero di lettori che hai accumulato fino a quel momento, perché in larga percentuale li perderai.

  3.   Antonio Zignago suddetto

    Sono entrato nel mondo dell'autopubblicazione e ho trovato enormi e gratificanti sorprese, tra queste Cristian Perfumo, un thriller argentino di scrittura, fantastico e avvincente, consigliatissimo.