Aspettando Godot

paesaggio irlandese

paesaggio irlandese

Aspettando Godot (1948) è un'opera teatrale dell'assurdo scritta dall'irlandese Samuel Beckett. Tra tutto il vasto repertorio dell'autore, questa "Tragicommedia in due atti" —come è stata sottotitolata— è il testo con il maggior riconoscimento mondiale. Vale la pena notare che è stato il pezzo che ha formalmente introdotto Beckett nell'universo teatrale e gli è valso il Premio Nobel per la letteratura nel 1969.

Un fatto interessante è che Beckett - un appassionato linguista e filologo - ha fatto uso della lingua francese per scrivere questo lavoro. Non in vano la pubblicazione del titolo È stato pubblicato con la sigla francofona Les Éditions de Minuit, quattro anni dopo che è stato scritto (1952). Aspettando Godot ha debuttato in scena il 5 gennaio 1953, a Parigi.

Riassunto del lavoro

Beckett ha diviso l'opera in modo semplice: in due atti.

Primo atto

In questa parte, la trama mostra Vladimir ed Estragon arrivano ad una tappa composta da «Un percorso in campo. Un albero. —Questi elementi vengono mantenuti per tutto il lavoro— Un pomeriggio. " I personaggi si vestono trasandato e trasandato, il che fa dedurre che possano essere senzatetto, dal momento che di loro non si sa nulla di concreto. Da dove vengono, cosa è successo nel loro passato e perché si vestono in questo modo è un mistero totale.

Godot: il motivo dell'attesa

Quello che si sa veramente, e il lavoro è responsabile di farlo conoscere molto bene, è che aspettano un certo "Godot". Chi è? Nessuno lo saTuttavia, il testo conferisce a questo personaggio enigmatico il potere di porre rimedio alle difficoltà di chi lo attende.

L'arrivo di Pozzo e Lucky

Mentre aspettano chi non arriva, Didi e Gogo - come sono anche chiamati i protagonisti - dialogo dopo dialogo vagano nel non senso e affogano nel nulla dell'"essere". Dopo un po, Pozzo - proprietario e signore del luogo dove passeggiano, secondo lui - e il suo servitore Lucky si uniscono all'attesa.

Pozzo è disegnato come il tipico millantatore ricco. All'arrivo, sottolinea il suo potere e cerca di trasudare autocontrollo e fiducia. Tuttavia, man mano che il tempo brucia nei pettegolezzi, diventa più evidente che - come il resto dei personaggi - l'uomo milionario è impantanato nello stesso dilemma: non sa il perché o il perché della sua esistenza. Fortunato, d'altra parte, è un essere sottomesso e dipendente, uno schiavo.

Un messaggio scoraggiante che allunga l'attesa

Samuel Beckett

Samuel Beckett

Quando la giornata sta per finire senza alcuna indicazione dell'arrivo di Godot, accade qualcosa di inaspettato: appare un bambino. Questo si avvicina a dove vagano Pozzo, Lucky, Gogo e Didi y li informa che, Sì ok Godot non deve venire, È molto probabile fare un'apparizione il giorno successivo.

Vladimir ed Estragon, Dopo quella notizia, decidono di tornare in mattinata. Non rinunciano al loro progetto: hanno bisogno, a tutti i costi, di incontrare Godot.

Secondo atto

Proprio come è stato detto, rimane lo stesso scenario. L'albero, con i suoi rami tetri, tenta in profondità per poter essere utilizzato e porre fine alla noia e alla routine. Didi e Gogo tornano in quel luogo e ripetono i loro deliri. Tuttavia, succede qualcosa di diverso rispetto al giorno precedente, e cioè che cominciano a notare che c'era un ieri, poiché le indicazioni che c'erano sono evidenti.

Puoi parlare poi di una coscienza temporanea, anche se, praticamente, tutto si ripete; una sorta di "Giornata della marmotta".

Un ritorno con cambiamenti drastici

Lucky e il suo signore ritornano, tuttavia, sono in una situazione molto diversa. Il servo ora è muto, e Pozzo soffre di cecità. Sotto questo panorama di mutamenti radicali, persiste la speranza dell'arrivo, e con essa i dialoghi assurdi e senza meta, il quadro dell'irragionevolezza della vita.

Proprio come il giorno prima, il piccolo messaggero ritorna. Tuttavia, interrogato da Didi e Gogo, il bambino nega di essere stato con loro ieri. Cosa sì ripetere di nuovo è la stessa notizia: Godot non verrà oggi, ma è possibile che domani venga.

I personaggi si rivedono, e tra delusione e rimpianto, Sono d'accordo per tornare il giorno successivo. L'albero solitario rimane sul posto come simbolo del suicidio come via d'uscita; Vladimir ed Estragon lo vedono e ci pensano, ma aspettano di vedere cosa porterà il "domani".

In questo modo il lavoro culmina, dando il via a quello che può essere un loop, che non è altro che il giorno dopo giorno dell'uomo e ciò che nel suo pieno esercizio di coscienza chiama "vita".

analisi Aspettando Gogdot

Aspettando Godot, di per sé, è una ridondanza che ci disegna ciò che è il quotidiano dell'uomo. La normale nei due atti del testo —Salvo uno o l'altro cambiamento occasionale— è ripetizione continua che non fa altro che mostrare l'irrimediabile cammino di ogni essere, passo dopo passo, fino alla sua tomba.

La padronanza della semplicità

È nella semplicità dell'opera, anche se sembra un luogo comune, che risiede la sua maestria, che risiede la sua ricchezza: un dipinto sulle tavole che ritrae l'irrazionalità che circonda l'uomo.

Sebbene Godot - il tanto atteso, il tanto atteso - non appaia mai, la sua non presenza si presta a intravedere la tragedia dell'assurdità dell'esistenza umana. Il tempo in scena riceve la sua ragione con azioni che, sebbene sembrino irrazionali, non sarebbero né migliori né peggiori di altre, perché colui che è atteso, allo stesso modo, non verrà.

Qualunque cosa accada, nulla cambierà il destino degli uomini

Nel gioco è lo stesso ridere o piangere, respirare o no, guardare il pomeriggio morire o l'albero seccarsi, o diventare tutt'uno con l'albero e il paesaggio. E niente di tutto ciò cambierà il destino unico: l'arrivo della non esistenza.

Godot non è Dio...

Citazione di Samuel Beckett

Citazione di Samuel Beckett

Sebbene nel corso degli anni ci siano stati coloro che affermano che Godot è Dio stesso, Beckett ha negato tale ragionamento. Ebbene, sebbene lo associno in sostanza alla continua attesa dell'uomo della divinità nelle diverse culture, usando la semplice coincidenza con la parola anglo Dio, la verità è che l'autore ha indicato che il nome deriva dalla voce francofona Godillot, cioè: "avvio", in spagnolo. Allora, cosa si aspettavano Didi e Gogo?Per nulla, la speranza dell'uomo è votata all'incertezza.

anche c'è stato chi ha associato il messaggero di Godot al messia della cultura giudaico-cristiana, e c'è logica lì. Ma tenendo conto di quanto affermato dall'autore, anche questa teoria viene scartata.

La vita: il ciclo

Il finale non potrebbe essere più in armonia con il resto di ciò che è stato sollevato nell'opera, certamente. Quindi torni all'inizio, ma acquisisci la consapevolezza che sei, che c'era un'attesa ieri, come o più cruenta di oggi, ma non meno di domani. E chi dice che deve venire nega di averlo detto ieri, ma promette che potrebbe succedere domani... e così via, fino all'ultimo respiro.

Commenti della critica specializzata su Aspettando Godot

  • «Non succede niente, due volteVivian Mercier.
  • “Non succede niente, nessuno viene, nessuno va, è terribile!«, Anonimo, dopo la prima a Parigi nel 1953.
  • "Aspettando Godot, più realistico che assurdo”. Mayelit Valera Arvelo

Curiosità di Aspettando Godot

  • il critico Kenneth Burke, dopo aver visto lo spettacolo, Ha affermato che il legame tra El Gordo ed El Flaco era enormemente simile a quello di Vladimir ed Estragon. Il che è altamente logico, sapendo che Beckett era un fan di Il grasso e il magro.
  • Tra le tante origini del titolo ce n'è una che dice è venuto in mente a Beckett mentre si godeva il Tour de France. Nonostante il fatto che la gara fosse finita, la gente stava ancora aspettando. Samuel ha chiesto: "Chi stai aspettando?" e, senza esitazione, hanno risposto dal pubblico "A Godot!" La frase si riferiva a quel concorrente che era rimasto indietro e che doveva ancora venire.
  • Tutti i personaggi loro portano un cappello di bombetta. E questa non è una coincidenza Beckett era un fan di Chaplin, così così era il suo modo di onorarlo. Ed è che nell'opera c'è molto del cinema muto, molto di ciò che dice il corpo, di ciò che esprime, senza ritegno, il silenzio. A questo proposito, il regista teatrale Alfredo Sanzol si è espresso in un'intervista a Il Paese dalla Spagna:

“E' buffo, specifica che Vladimir ed Estragon portano la bombetta ed è per questo che in tutta la messa in scena la portano sempre. stavo resistendo. Il fatto è che ho provato berretti e altri tipi di cappelli, ma non hanno funzionato. Fino a quando non ho ordinato un paio di bombette e, ovviamente, dovevano indossarle. La bombetta è Chaplin, o in Spagna, Coll. Provocano molti rinvii. È stata un'esperienza umiliante per me”.

  • Mentre Aspettando Godot è stata la prima incursione formale di Beckett a teatro, ci sono stati due tentativi precedenti che non sono riusciti a concretizzarsi. Uno di questi era una commedia su Samuel Johnson. L'altro era Eleuteria, ma è stato scartato dopo che Godot è uscito.

Citazioni di Aspettando Godot

  • “Abbiamo mantenuto l'appuntamento, tutto qui. Non siamo santi, ma abbiamo mantenuto l'appuntamento. Quante persone potrebbero dire lo stesso?
  • “Le lacrime del mondo sono immutabili. Per ognuno che si mette a piangere, da un'altra parte ce n'è un altro che smette di farlo”.
  • “Ricordo le mappe della Terra Santa. A colori. Molto bello. Il Mar Morto era azzurro pallido. Avevo sete solo a guardarlo. Mi ha detto: andremo lì per trascorrere la nostra luna di miele. nuoteremo. Saremo felici".
  • “VLADIMIR: Con questo abbiamo passato il tempo. ESTRAGONE Sarebbe stato lo stesso, comunque. VLADIMIR: Sì, ma meno velocemente”.

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.