Ramón M.ª del Valle-Inclán. Anniversario della sua nascita. frammenti

Ramón María del Valle Inclan Nacque in un giorno come oggi nel 1866 a Villanueva de Arosa. Faceva parte del Generazione di 98 e la sua vasta opera (coltivando il teatro, la poesia, la storia e il romanzo) è inquadrata all'interno del modernismo. Sviluppato e promosso il bando grottesco, Con Luci bohemien come il titolo più rappresentativo e famoso. Ha anche firmato titoli come Parole Divine, Bandiere Tiranno o Martedì di Carnevale. Esta es una selezione frammenti da ricordare.

Ramón María del Valle Inclán - Frammenti

Giardino ombroso

Ho solo scorto un'ombra che pregava sotto la lampada del presbiterio: era mia madre, che teneva tra le mani un libro aperto e leggeva a capo chino. Di tanto in tanto il vento faceva ondeggiare la tenda di una finestra alta. Vidi allora nel cielo, già buio, il volto della luna, pallido e soprannaturale come una dea che ha il suo altare nei boschi e nei laghi... avevo paura come non ho mai avuto, ma non volevo mia madre e le mie sorelle pensavano che fossi un vigliacco, e io stavo immobile in mezzo al presbiterio, gli occhi fissi sulla porta semiaperta. La luce della lampada tremolava. In cima una tenda della finestra ondeggiava, e le nuvole passavano sulla luna, e le stelle si accendevano e si spegnevano come le nostre vite.

Sonata d'autunno

Sono arrivato nella sua camera da letto, che era aperta. Lì l'oscurità era misteriosa, profumata e calda, come se custodisse il galante segreto dei nostri appuntamenti. Che tragico segreto deve mantenere allora! Cauto e prudente, lasciai il corpo di Concha steso sul suo letto e me ne andai senza rumore, alla porta ero irresoluto e sospiravo. Dubitavo se tornare indietro a mettere l'ultimo bacio su quelle labbra gelate: resistetti alla tentazione. Era come lo scrupolo di un mistico. Temevo che ci fosse qualcosa di sacrilego in quella malinconia che poi mi travolse. Il caldo profumo della sua camera da letto accendeva in me, come un supplizio, il ricordo voluttuoso dei sensi.

Luci bohemien

Scena dodicesima

Max: Don Latino de Hispalis, personaggio grottesco, ti immortalerò in un romanzo!
Don Latino: Una tragedia, Max.
Max: La nostra tragedia non è una tragedia.
Don Latino: Beh, qualcosa sarà!
Max: L'esperanto.
Don Latino: Non torcere la bocca, Max.
Max: Sto gelando!
Don Latino: Alzati. Facciamo una passeggiata.
Massimo: non posso.
Don Latino: Smettila con quella farsa. Facciamo una passeggiata.
Max: Dammi il tuo respiro. Dove sei andato, latino?
Don Latino: Sono al tuo fianco.
Max: Dato che ti sei trasformato in un bue, non ti ho riconosciuto. Dammi il tuo respiro, illustre bue della belenita presepe. Mugo, latino! Tu sei la cavezza, e se muggi, l'Apis Ox arriverà. Lo combatteremo.
Don Latino: Mi fai paura. Dovresti smetterla con quello scherzo.
Max: Gli ultraisti sono dei falsi. Il grottesco è stato inventato da Goya. Gli eroi classici sono andati a fare una passeggiata nel Vicolo del Gatto.
Don Latino: Sei completamente cagliata!
Max: I classici eroi riflessi negli specchi concavi danno l'Espepento. Il significato tragico della vita spagnola può manifestarsi solo con un'estetica sistematicamente distorta.
Don Latino: Miao! Lo stai prendendo!
Max: La Spagna è una grottesca deformazione della civiltà europea.
Don Latino: Potrebbe! mi inibisco.
Max: Le immagini più belle in uno specchio concavo sono assurde.
Don Latino: D'accordo. Ma mi diverte guardarmi negli specchi di Calle del Gato.
Massimo: E io. La deformazione cessa quando è soggetta alla matematica perfetta. La mia estetica attuale consiste nel trasformare le norme classiche con la matematica dello specchio concavo.

Il passeggero

La mia vita è rotta! in combattimento
di tanti anni il mio respiro cede,
e il pensiero orgoglioso giù
l'idea della morte, che lo perseguita.

vorrei entrare in me, vivere con me,
poter fare la croce sulla mia fronte,
e senza conoscere amico o nemico,
appartati, vivi devotamente.

Dove il verde fallimento dell'altezza
con armenti e pastori musici?
Dove godersi la visione così pura

Cosa rende sorelle le anime e i fiori?
Dove scavare la fossa in pace
e con le mie pene fare il pane mistico?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)