"Alice nel paese delle meraviglie." Un classico di Lewis Carroll incompreso.

Alice nel paese delle meraviglie

Nonostante la sua fama, Alice nel paese delle meraviglie è un romanzo, almeno, frainteso. È sempre stato così dalla sua pubblicazione nel 1865 da parte del matematico, logico, fotografo e scrittore inglese. Lewis Carroll, il cui vero nome era Charles Lutwidge Dodgson. Il piccolo Carroll stesso poteva immaginare che le avventure del alter ego L'opera letteraria di Alicia Liddell, la ragazza a cui è stata ispirata per creare la sua protagonista, finirebbe per godere di una tale popolarità.

Se c'è qualcosa di buono in questa storia, è che, come vedremo di seguito, bambini e adulti possono godersela. Dopotutto, Alice nel paese delle meraviglie non è solo uno dei racconti fantasy più onesti là fuori - e precisamente non aspirando ad essere più di quello che è, riesce ad essere più di quello che sembra-, ma anche uno dei migliori romanzi che la letteratura dell'assurdo abbia prodotto.

Nessuno penserà ai bambini?

"E la morale di questa storia è ... Wow, dimenticavo!"

"Forse non ho morale," osò osservare Alicia.

"Certo che ha una morale!" Esclamò la duchessa. Tutto ha la sua morale, il caso è trovarla.

Tra le principali critiche ricevute Alice nel paese delle meraviglies, soprattutto al momento della sua pubblicazione, lo troviamo manca di morale. È un racconto in anticipo sui tempi, libero dalla noiosa aria moralistica di altri racconti.. La morale non è imposta dall'autore, ma ognuno può trovarne una diversa tra le sue pagine.

Questa amoralità del romanzo gli consente di presentare situazioni assurde, crudeli e illogiche senza remore. Nessuno di loro ha intenzione di dare una lezione ad Alice, solo fargli dubitare di ciò che fino ad allora considerava "realtà" e "sanità mentale".

L'importanza della lingua

"Vuoi dire che puoi trovare la soluzione all'enigma?" Disse la lepre di marzo.

"Esatto," rispose Alicia.

"In tal caso, devi dire quello che pensi", insistette la Lepre.

"È quello che sto facendo," rispose Alicia, "o almeno intendo quello che sto dicendo, che equivale alla stessa cosa."

"Come può essere lo stesso?" Esclamò il Cappellaio. È lo stesso dire "vedo quello che mangio" come "mangio quello che vedo"?

"Come può essere lo stesso!" Ha cantato la lepre di marzo. È lo stesso dire "mi piace quello che ho" e "ho quello che mi piace"?

È evidente, subito dopo aver letto il romanzo, questo Lewis Carroll attribuisce grande importanza al linguaggio. La stragrande maggioranza delle situazioni comiche, e non così comiche, che si sviluppano in esso sono il risultato di Giochi di parole o di incomprensioni linguistiche.

A causa di ciò, molti autori hanno voluto vedere in Carroll un precursore del filosofo Wittgenstein, soprattutto per quanto riguarda la sua teoria sull'isomorfismo o "identità tra linguaggio e realtà". D'altra parte, la sua famosa citazione “tutto ciò che si può dire può essere detto chiaramente; e di cosa non si può parlare, è meglio tacere », da Tractatus logico-philosophicus, è applicato in molti passaggi del romanzo.

L'iconico sorriso del gatto del Cheshire, uno dei più famosi secondari di Alice nel paese delle meraviglie.

Scendendo nella tana del coniglio

"Beh, è ​​in ritardo di due giorni!" Il Cappellaio sospirò. Ti ho già detto che il burro non funziona! Ha aggiunto, guardando la lepre.

—E quello era dal meglio qualità », disse la contrita Lepre.

"Certo, ma il burro deve aver preso delle briciole," ringhiò il Cappellaio; Non avresti dovuto imbrattare l'orologio con il coltello da pane.

La March Hare prese l'orologio, lo esaminò con grave preoccupazione e lo immerse con rammarico nella tazza da tè; Poi lo esaminò di nuovo, ma non riuscì a pensare a niente di meglio che ripetere ciò che aveva detto prima:

"Era burro di meglio qualità!

Si potrebbero dare molte ragioni Alice nel paese delle meraviglies è una bella storia, ma chiudo con la più ovvia di tutte: è divertente. È una storia che non annoia mai, che sorprende ed è in ascesa fino alla fine. Molte volte ci dimentichiamo che il motivo principale per leggere un libro è perché è divertente, qualcosa che ci ricorda, e più che realizza, il lavoro di Carroll.

Quella che a prima vista sembra una favola per bambini contiene una storia affascinante. Ma non illudiamoci: è una favola per bambini. Anche se questo non significa che gli adulti non siano in grado di goderselo, da allora nella sua onestà risiede la sua forza e bellezza. Nietzsche ha detto che "ci sono spiriti che infangano le sue acque per farle apparire profonde". In caso di Alice nel paese delle meraviglie è esattamente l'opposto: come guardare il fondo di un fiume, forse assurdo e illogico, ma trasparente.

"Che mania di litigare con tutte queste creature!" Mormorò Alicia. È che la fanno impazzire! […] Niente… è inutile parlare con lui! Stava dicendo Alicia disperatamente. È uno stronzo perfetto!


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.