Alcuni miti associati all'arte di scrivere romanzi.

Libro bianco

Di tutti i lavori, quello di scrittore è probabilmente uno dei più importanti Miti si è associato a lui. La stragrande maggioranza di loro non sono nuove, ma sono state create nel corso dei secoli, a volte anche dagli stessi scrittori per dare un alone mistico al loro mestiere. Sebbene credessero davvero in questi miti, o fosse una strategia preconcetta, lo lascio alla discrezione di ciascuno.

Prima di tutto, vorrei sottolineare una cosa: quando parlo di "scrittura" o "scrittori", mi riferisco rispettivamente a "scrivere romanzi" e "romanziere", anche se sono consapevole che non sono sinonimi. Dopotutto, è impossibile analizzare tutte le forme di arte letteraria (poesia, teatro, ecc.) In un unico articolo. Detto questo, vediamo algunos miti associati all'arte di scrivere romanzi.

"Serve talento per scrivere"

Il talento costa meno del sale da cucina. Ciò che distingue le persone di talento dalle persone di successo è il duro lavoro ".

Stephen King.

Cominciamo con un classico: "Non posso essere uno scrittore perché non ho talento". Errore. Non puoi essere un romanziere perché non hai lavorato abbastanza per esserlo, perché non ti appassiona passare il tempo a scrivere, o per mille altri motivi. Ma la mancanza di talento non è una di queste.

In tutta onestà, la mancanza di talento naturale può essere un grosso ostacolo, ma non è affatto un fattore determinante. Come tutte le opere, quella di un romanziere è appresa. Nessuno nasce sapendo scrivere con scienza infusa, non importa quanto pensano alcune persone. Dopotutto, gran parte delle verità in cui crediamo, se ci fermiamo ad analizzarle, risulta non avere né testa né coda.

La verità è che il talento da solo non garantisce che sei un grande scrittore. Al massimo può servire a rendere più confortevole il viaggio, ma non trasporterà le valigie per te.

Tavolo di uno scrittore giapponese.

"Per scrivere bisogna essere ispirati"

"Il genio è l'uno per cento di ispirazione e il novantanove per cento di sudore."

Tommaso Alba Edison.

Questo mito mi infastidisce soprattutto, per quanto è diffuso e per quante persone ci credono. Molte persone pensano che un romanzo dovrebbe essere scritto sull'ispirazione., come se lo scrittore non riuscisse a mettere una sola virgola senza l'intervento della sua musa ispiratrice. Ma pensiamo a questo: non è ridicolo credere che un romanzo di, diciamo, seicento pagine possa essere scritto solo quando sei ispirato?

Gli scrittori non sono sempre, ma devono comunque dedicarsi al loro lavoro ogni giorno, come comuni mortali. Almeno se vuoi essere produttivo e non prenderti tutta la vita per scrivere un solo romanzo. Opzione, d'altra parte, abbastanza rispettabile, ma poco pratica.

Per essere uno scrittore, la cosa più importante è la perseveranza, scrivere ogni giorno. Perché sfortunatamente, molte volte le muse hanno cose migliori da fare che bussare alla tua porta.

"Scrivere non è un lavoro"

"Tutti possono scrivere, ma non tutti sono scrittori".

Joel Dicker.

A metà del 2018, è sorprendente che molti pensino ancora che "scrivere non sia un lavoro", ma succede. Forse è perché, dall'esterno, sembra qualcosa di molto facile, perché in questo momento la stragrande maggioranza delle persone nei paesi sviluppati può leggere e scrivere. Ma Una cosa è scrivere un'e-mail, un rapporto o una lettera e un'altra è scrivere letteratura..

Allo stesso modo in cui nessuno si considererebbe un musicista se non sapesse cantare o suonare uno strumento, perché c'è la falsa convinzione che qualcuno sia uno scrittore? Siamo tutti potenzialmente tutto, ma arrivare a quel punto richiede lavoro e impegno preventivo..

Questo mito, che stranamente contraddice il primo, si smonta in modo molto semplice: proponendo a chi ci crede di scrivere un romanzo. Le risposte non deludono mai.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Carolin suddetto

    Vero.