Alcune delle grandi poltrone di famose opere letterarie

grandi poltrone di opere letterarie note - Trono di Spade

Si scopre che in alcune occasioni, il protagonista principale di certi libri non ricade sul ruolo di un personaggio principale o secondario, come si intuisce a priori ... Ma in alcune città, animali o oggetti che circondano quei personaggi si scopre. Oggi veniamo a parlarvi di questo, e più specificamente, di quelli grandi poltrone di famose opere letterarie. Parleremo di quattro di loro, e se rimani a leggere, potresti persino scoprirne uno che ancora non conoscevi.

"Il racconto della sedia di vimini" di Hermann Hesse

"Il racconto della sedia di vimini" è un racconto dell'autore tedesco Hermann Hesse. Come molte delle storie di questo scrittore, esiste un file coppia di costumi potrebbe funzionare come un buon insegnamento per le persone.

Uno di questi è che a volte non guardiamo o non diamo l'importanza che merita a ciò che abbiamo faccia a faccia finché qualcuno, un'altra persona, non lo fa. È il caso di quella sedia di vimini che per il giovane pittore-scrittore di questa storia, era passato del tutto inosservato finché non legge in un altro libro che c'è un pittore diventato famoso dipingendo qualcosa di semplice e ordinario come uno sgabello in casa sua.

L'altra morale è che a volte ci sforziamo di essere qualcosa per cui siamo nati. In questo libro di Hesse, il giovane protagonista dipinge una cosa dopo l'altra e nessuno schizzo che fa è "attraente" e degno di contemplazione. Si rende conto che gli mancano dettagli, precisione e più ornamenti di quelli che invece riesce a descrivere con la parola ... Così si rende conto che la sua vera vocazione è quella di essere uno scrittore.

Grandi poltrone di famose opere letterarie

"Proprietà di una poltrona" di Julio Cortázar

In questa occasione vi porto la sinossi ufficiale di un libro che se non l'avete letto è da me assolutamente consigliato:

«A casa di Jacinto c'è una sedia molto strana: è una sedia per cui morire. Questa sedia ha una stella d'argento sul retro: più brillante è la stella, più vicina è la morte. I suoi figli gioiscono nell'invitare i visitatori a sedersi su di lui in assenza della madre. I visitatori che sono già consapevoli delle proprietà della sedia si scusano con grande confusione per non sedersi su di essa. Man mano che i bambini crescono, perdono interesse per la sedia. I genitori poi ne approfittano per chiudere a chiave la stanza e il padre guarda ogni mattina la porta per assicurarsi che sia ancora chiusa.

In questo libro, Cortázar dà una tale intensità alla storia di questa caratteristica poltrona che la sua lettura diventa brevissima. Usa il semplice e semplice figura di una poltrona per creare un'intera storia attorno ad esso.

Poltrona Sherlock Holmes

Se cerchiamo appunti e saggi sul grande lavoro del detective conosciuto in tutto il mondo come Sherlock Holmes, vedremo come nella stragrande maggioranza di essi il protagonista sia legato alla sua caratteristica poltrona in cui ha cominciato a pensare e divagare caso dopo caso che ha incontrato.

Sherlock Holmes lo era senza dubbio un grande detective con poltrona e pipa in mano e in tutti i suoi libri possiamo trovare queste due figure che rappresentano bene sia il suo carattere che la sua professione.

grandi poltrone di famose opere letterarie - Sherlock Holmes

Game of Thrones

Se c'è una figura statica e rappresentativa della saga di Game of Thrones è senza dubbio il famoso e adorato da tutti, Trono di Spade. E non è per meno (cercherò di non fare 'spoiler'), poiché chiunque riuscirà a sedersi su quel grande trono avrà il potere assoluto del Sette regni. E solo, in assenza del re, è il Primo Cavaliere del Re che può sedersi su di esso.

Questa poltrona, o grande trono di ferro, lo è freddo, duro e forgiato con le spade dei nemici arresi, questi sono un totale di 1.000. Ci sono voluti 59 giorni per raggiungere questo glorioso trono, in cui anche le spade sono affilate. Aegon I Targaryen, Fu lui a farlo costruire, e secondo lui, un re non dovrebbe mai stare a suo agio su un trono ... Quindi, chi ci si siede deve stare molto attento a non tagliarsi sulla nitidezza di esso.

Conosci poltrone più caratteristiche come quelle viste finora? Cosa ne pensate di queste storie? Prendi la tua sedia relax e commenta 😉


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Comfort in linea suddetto

    Grazie mille per il contenuto, non mi aspettavo che una poltrona potesse essere la protagonista di una storia.

bool (vero)