Terenci moix

Terence Moix.

Terence Moix.

Terenci Moix è lo pseudonimo con cui era conosciuto il famoso romanziere e saggista di origine spagnola Ramón Moix Meseguer (05 gennaio 1946-02 aprile 2003). La sua straordinaria carriera nella letteratura castigliana moderna è dovuta alla sua flessibilità nell'affrontare argomenti diversi con stili e generi letterari diversi.

Oltre ad essere un noto scrittore, ha anche avuto una carriera televisiva e una posizione importante come difensore dei diritti della comunità omosessuale. Al momento, ci sono due prestigiosi premi letterari istituiti in suo onore per essere stato un pezzo chiave nella costituzione della letteratura omosessuale in Spagna.

Profilo biografico

Infanzia e primi anni

Terenci Moix, il cui nome è Ramón Moix Meseguer, è nato il 5 gennaio 1946 a Barcellona, ​​in Spagna. È cresciuta con la sorella minore Ana María Moix - che in seguito è stata una rinomata poetessa, traduttrice ed editrice spagnola - in una famiglia nel quartiere Raval di Barcellona.

Attraverso un'intervista per il quotidiano Il Paese Il 14 febbraio 2002 commenta così i suoi studi: “Ho studiato agli Scolopi, cioè… con i sacerdoti! Era uno studente schifoso, ma divertente ”. Eppure, nonostante la sua grazia, Moix ha trascorso la maggior parte della sua adolescenza impantanato nella solitudine.

Una solitudine che è riuscito solo ad attenuare con la sua assidua fascinazione per il cinema. Al termine della fase educativa con l'unione ecclesiastica, ha continuato a completare la sua formazione accademica. Ha studiato commercio, teatro, ha preso lezioni di stenografia e disegno topografico. Determinando in questo modo il corso della sua vita e della sua carriera professionale.

Terenci Moix: un personaggio poliedrico

Prima dei suoi inizi nel mondo letterario e grazie al suo vasto curriculum, Ramón Moix Meseguer ha svolto diversi lavori. È arrivato a occupare una posizione come personale amministrativo, era nella vendita di libri e ha anche lavorato come consulente letterario. Ha inoltre collaborato a riviste e quotidiani come, ad esempio, Nuovi frame, Tele-Express, Destination, Tele-Estel o El País.

Tuttavia, Anni dopo, il suo talento e la sua grande determinazione lo hanno portato a scoprire il suo aspetto di autore catalano, drammaturgo e infine traduttore e narratore.. Tra il 1988 e il 1989 Terenci Moix ha fatto un salto sui piccoli schermi di tutta la Spagna, come presentatore televisivo.

Programmi come Terenci a la fresco o Più stelle che nel cielo —Programma di interviste per personaggi di Hollywood— trasmesso sul canale 1 di TVE, lo hanno catapultato alla fama televisiva.

Egitto: un amore inestimabile

Le grandi passioni di Moix sono sempre state i film e i viaggi. Nel 1962 si reca a Parigi e alla fine degli anni Sessanta conosce già gran parte dell'Europa e dell'Egitto. I paesaggi, la storia e la cultura di quest'ultima meta sono state una delle sue più grandi muse. Lo dimostra in diverse occasioni in opere come: Non dire che era un sogno (1986) y La ferita del sfinge (1991).

Il fascino di Terenci per la civiltà egizia risale alla sua infanzia, quando attraverso il cinema è riuscito a percepire immagini dell'antico Egitto. Quei paesaggi con la storia gli davano un profondo interesse, che professava attraverso le sue opere letterarie.

Tale era la sua devozione a questa nazione, quella richiese come ultima volontà prima di lasciare il piano terreno la dispersione di una parte delle sue ceneri nella baia di Alessandria. Il suo desiderio è stato rispettato e realizzato dopo la sua morte. Dopodiché, tutta la sua eredità letteraria riposa nella biblioteca di questa storica città.

Citazione di Terenci Moix.

Citazione di Terenci Moix.

L'asse dell'omosessualità

Non solo il genere fantasy e la civiltà egizia erano la firma visibile del romanziere. Il suo lavoro ruotava anche attorno a un terzo tema: l'omosessualità maschile. Moix non ha mai pensato di separare la sua vita pubblica dalla sua vita privata, i due sono andati di pari passo. Per questo motivo, è sempre stato apertamente un membro della comunità gay.

La sua vita sentimentale era così aperta al pubblico, che divenne un difensore delle discussioni sociali allusive alla sessualità, così come era contrario a movimenti che considerava omofobici. Ha avuto una storia d'amore con l'attore spagnolo Enric Majo, che ha concluso dopo 14 anni.

Analisi delle sue opere

Come tutti gli scrittori, Moix ha seguito diverse correnti nel corso della sua vita. Man mano che acquisiva esperienze personali, il suo lavoro si è evoluto e ha preso nuove direzioni. Tuttavia, non c'è dubbio lo stile letterario di questo autore punta principalmente verso una passione per la cultura e la storia.

Città come il Messico, l'Italia, l'Egitto o la Grecia hanno dato a questo autore l'ispirazione per la creazione di un portfolio letterario sui viaggi. Inoltre, una serie di titoli in cui prevalgono la mitologia greco-romana e l'antico Egitto.

Da vero spagnolo, ha permesso di osservare in profondità nelle sue opere la cultura catalana, il periodo franchista, la sessualità e l'educazione religiosa, combinando in loro la ricchezza del catalano e dello spagnolo. Naturalmente, questa miscela di lingue lo ha posizionato al vertice letterario come uno degli autori più preziosi della letteratura spagnola.

Ray Sorel e le prime opere

Come Terenci Moix, Ray Sorel era il soprannome adolescenziale con cui si faceva chiamare Moix Meseguer. Nel 1963, a soli diciassette anni, Sorel era affascinata dalla scrittura di gialli. Per questo motivo, durante quell'anno pubblicò quelli che sarebbero stati i suoi primi due lavori nel genere del romanzo poliziesco: Bacerò il tuo cadavere y Hanno ucciso una bionda.

Decennio tra gli anni '60 e '70

Dopo le sue pubblicazioni nel 1963, Moix ha conquistato la narrativa della lingua spagnola con i seguenti titoli scritti in catalano: La torre dei vizi capitali (1968) Onde su una roccia nel deserto (1969), Il giorno in cui morì Marilyn (1970) Viaggio sentimentale in Egitto (1970) Mondo maschile (1971) y La coscienza non creata della razza (1976).

Questa era è stata una sorta di iniziazione come autore rispettato nell'industria letteraria. Da lì, ha iniziato a usare lo pseudonimo con cui è meglio conosciuta: Terenci Moix. A poco a poco le sue opere si sono avvicinate sempre di più alla storia e alla cultura dei popoli antichi.

Gli anni '80: l'era dell'Egitto

L'era degli anni '80 consolida Terenci Moix tra i migliori autori spagnoli. È anche diventato famoso per essere diventato uno dei primi a scrivere così apertamente sull'omosessualità in un momento così difficile per la comunità gay. Nel 1982 finì Nostra vergine dei martiri, un'opera inizialmente scritta in lingua spagnola. Nel 1983 ha pubblicato Terenzio del Nilo, e poi, nel 1984, ha scritto Con affetto, Alfredo!

Ma non è stato fino al 1986 che un'opera ha chiamato Non dire che era un sogno, gli ha conferito fama in tutta la comunità spagnola. Ha concluso gli anni Ottanta pubblicando il titolo Il sogno di Alessandria (1988).

Gli anni '90: successi e trilogie

Per chiudere in bellezza la sua corrente del sottogenere di romanzo storico, Moix ha pubblicato i seguenti titoli: La ferita della sfinge (1991) Venere bonaparte (1994) y L'amaro dono della bellezza (1996). Negli anni '90 scrive anche Il sesso degli angeli (1992), opera che fece scalpore tra il pubblico dei lettori e con la quale vinse numerosi premi.

Terenci ha iniziato e concluso gli anni '90 con grandi creazioni letterarie. Si può dire che è stato il periodo più produttivo dell'autoreEbbene, non ha smesso di pubblicare libri anno dopo anno. Allo stesso tempo ha pubblicato, ha anche ideato altri progetti, come le sue due trilogie: Peso della paglia y Esperpentos della fine della Spagna del millennio

Il sesso degli angeli.

Il sesso degli angeli.

Il primo è un'opera autobiografica in cui Moix racconta scherzosamente la sua infanzia in tre volumi: Il cinema il sabato (1990), Il bacio di Peter Pan (1993) y Straniero in paradiso (1998). La seconda è una trilogia narrativa sulla società spagnola, dove sono inclusi il sarcasmo e l'opinione dell'autore. Si compone dei seguenti titoli: Artigli atrascan (1991) Molto donna (1995) y Bello e famoso (2000).

Il nuovo millennio, l'ultima opera e la sua morte

Con l'arrivo del nuovo millennio, il famoso scrittore ha rivelato quella che sarebbe stata la sua ultima opera letteraria scritta in vita: L'arpista cieco (2002). Da lì iniziò a litigare per le vicissitudini della sua salute. Moix, fumatore accanito da 40 anni, è stato gravemente colpito da enfisema polmonare.

Questa condizione, in seguito, il 2 aprile 2003, ha causato la sua morte. Ha lasciato il piano terreno a casa con le sue due vedove: sua sorella Ana María Moix e la sua segretaria e fedele amica Inés González.

Saggista incallito

A Terenci Moix piaceva anche scrivere saggi in prima persona. Oltre alle opere narrative, questo genere diventa il mezzo attraverso il quale si lascia fluire e condivide un'altra delle sue grandi passioni: il cinema. Dai suoi inizi fino ai suoi ultimi giorni, è stato legato a questo tipo di produzione letteraria. In effetti, l'ultimo titolo che scrisse sul letto di morte e in seguito divenne la sua opera postuma, I miei immortali, anni '60 (2003), è un saggio che fa parte di una serie di lavori - 20, 30 e 40 - sugli autori hollywoodiani dell'epoca.

Elenco completo dei suoi libri

narrazione

  • Bacerò il tuo cadavere. (1965).
  • Il casino. (1965).
  • Hanno ucciso una bionda. (1965).
  • La torre dei vizi capitali. (1968).
  • Onde su una roccia deserta. (1969).
  • Il giorno in cui è morta Marilyn. (1970)
  • Mondo maschile. (1971).
  • Melodramma, o, La coscienza non creata della razza. (1972).
  • La caiguda de l'imperi sodomita i altres històries herètiques, (1976).
  • Sadico, grottesco e persino metafisico. (1976).
  • Lilí Barcelona i altres travestiti: tots els contes, (1978).
  • Tutti i conte, storie. (1979).
  • La nostra vergine dei martiri. (1983).
  • Con affetto, Alfredo! o polvere di stelle. (1984).
  • Non dire che era un sogno. (1986).
  • Il sogno di Alessandria. (1988).
  • Il peso della paglia. Il cinema il sabato. (Plaza e Janés, 1990).
  • La ferita della sfinge. (1991).
  • Artigli di Astrakhan. (1991).
  • Il sesso degli angeli. (1992).
  • Il peso della paglia. Il bacio di Peter Pan. (1993).
  • Sospiri di Spagna. (1993).
  • Venere Bonaparte. (1994).
  • Molto femminile. (1995).
  • Marius Byron. (1995).
  • L'amaro dono della bellezza. (1996).
  • Il peso della paglia. Straniero in paradiso. (1998).
  • Bello e famoso. (1999).
  • Il demonio. (1999).
  • L'arpista cieco. (2002).

    La nostra vergine dei martiri.

    La nostra vergine dei martiri.

Test

  • Introduzione alla storia del cinema. (Brugera, 1967).
  • Iniziazione a una storia del cinema.
  • Fumetti, arte di consumo e forme pop. (Libres de Sinera, 1968).
  • Il sadismo della nostra infanzia. (1970).
  • Cronache italiane. (Seix Barral, 1971).
  • Terence del Nilo. (Plaza e Janés, 1983).
  • Tre viaggi romantici (Grecia-Tunisia-Messico). (Plaza e Janés, 1987).
  • I miei immortali del cinema. Hollywood, anni '30. (Planet, 1996).
  • I miei immortali del cinema. Hollywood, anni '40. (Planet, 1998).
  • I miei immortali del cinema. Hollywood, anni '50. (Planet, 2001).
  • I miei immortali del cinema. Hollywood, anni '60. (Planet, 2003).

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)