Rafael Sabatini, 143 anni di un grande romanzo d'avventura

Sono soddisfatte oggi 143 anni della nascita di Rafael Sabatini, uno dei grandi scrittori di romanzi d'avventura. Questo autore di madre inglese e padre italiano ha firmato alcuni dei titoli migliori e più ricordati del genere. Impossibile non aver letto o visto nei suoi adattamenti cinematografici quello Capitano BloodA Falco di mare oa Scaramouche. Quindi per festeggiare il suo compleanno ricordiamo alcune delle sue storie e le loro versioni sul grande schermo.

Rafael Sabatini

Ho paura per nuove generazioni Il nome di Rafael Sabatini non suona loro molto o forse niente. Ma per quelli di noi che hanno già un'età e sono stati bambini spericolati nelle letture e nel cinema Sabatini lo è sinonimo delle migliori avventure. Forse conoscevamo il suo lavoro prima grazie al cinema più che alla letteraturaQuando a Hollywood non c'erano così tanti supereroi con poteri impossibili ei pirati erano reali.

Sabatini erano di carne e sangue, brandivano spade e comandavano navi pirata. Inoltre, provenivano da altri tempi e avevano un'aura di mistero o dovevano cambiare la loro identità. Oppure indossavano maschere o maschere e uscivano sempre dal pericolo con il bene e sconfiggevano i cattivi di turno.

Sabatini è stato anche l'autore di racconti e biografie, ma soprattutto di quei romanzi di ttipo storico, con molta avventura e una documentazione molto precisa. Forse il suo stile, secondo i canoni attuali, è stato un po 'datato, ma il suo contenuto non lo è e rimane anche la sua essenza di narratore avventuroso.

Sabatini muore il 13 febbraio 1950 a Adelboden, Svizzera. La sua seconda moglie, dopo la sua morte, aveva la frase con cui inizia il suo lavoro scritta sulla sua lapide Scaramouche: "È nato con il dono delle risate e l'intuizione che il mondo fosse pazzo".

il suo lavoro

Ha pubblicato il suo primo romanzo, Gli amanti di Ivonne, nel 1902, ma solo quasi un quarto di secolo dopo ha raggiunto il successo con Scaramouche nel 1921. Ambientato durante la Rivoluzione francese, quest'opera fu un best-seller dell'epoca. Il successo si consoliderà l'anno successivo con Capitano Blood.

In totale ha pubblicato 31 romanzi d'avventura, molti dei quali erano adattamenti cinematografici. Ma il le sceneggiature non sono mai state fedeli ai libri e Sabatini negato queste versioni. Oltre ai romanzi d'avventura, ha pubblicato 8 libri di racconti e 6 biografie di personaggi storici. Inoltre ha scritto teatro, compreso un adattamento di Scaramouche.

Quattro versioni cinematografiche

Li abbiamo visti sì o sì. Perché fanno parte di L'avventuriero immaginario di maggior successo di Hollywood degli anni '30, '40 e '50. Perché Errol Flynn come il dottore Peter Blood trasformato nel capitano pirata Blood è indimenticabile. Come è anche in Il falco di mare. Perché ha segnato la fruttuosa relazione e il lavoro di Flynn con il regista Michael Curtiz o con gli attori Olivia de Havilland, Basil Rathbone o Claude Rains.

Perché il maschera per gli occhi, leggings a righe e il meraviglioso duello con la spada tra Stewart Granger e Mel Ferrer en Scaramouche o le incomparabili bellezze di Janet Leigh e Eleanor Parker. Perché è anche fissato nella nostra memoria cinefila che Tyrone Power in sciarpa nera e rossa in cabina con dentro Maureen O'Hara Il cigno nero. E perché, in definitiva, non potremmo divertirci con quelle storie.

Capitano Blood

C'era una prima versione nel 1924, ma la più ricordata è quella di Michael Curtiz, di 1935.

Il dottore Peter sangue è un medico dedito interamente ai suoi pazienti che vive ai margini dei problemi politici. Ma quando lo è accusato ingiustamente di tradimento il suo atteggiamento cambia. Inviato come schiavo nelle Indie Occidentali, ma dotato di grande abilità e astuzia, riesce a fuggire e diventa un temibile pirata, Capitan Blood.

Il falco di mare

Di nuovo da Michael Curtiz che è tornato a dirigere 1940 a Errol Flynn, due anni dopo averlo fatto Robin of the Woods. Come il precedente, lo è un altro classico dell'avventura e del genere pirata.

Racconta le avventure di Geoffrey thorpe, un corsaro inglese, terrore delle navi spagnole. Quando si avvicina a uno di loro, cattura Dona Maria Alvarez di Cordoba, un aristocratico spagnolo, di cui si innamora subito. Quando la regina torna in Inghilterra Elisabetta I Lo manda in una missione importante in cui cadrà nelle mani degli spagnoli.

Il cigno nero

L'ho portata al cinema Enrico re en 1942 e i suoi protagonisti erano Tyrone Power e Maureen O 'Hara tra gli altri.

Torniamo indietro al XVII secolo dove il pirata Henry Morgan è nominato governatore dell'isola di Giamaica dalla Corona inglese. Morgan vuole ripulire il Mar dei Caraibi dai pirati e quindi chiede aiuto a due suoi ex colleghi, Avvertimento e Tommy Blue. Ma un altro di loro, Capitano Leech, non si unirà al gruppo e con l'aiuto dei ribelli rapirà la figlia dell'ex governatore, provocando una sanguinosa battaglia.

Scaramouche

Il regista George Sidney portato dentro 1952 questa versione de sceneggiatura molto cambiata rispetto al romanzo originale di Sabatini. Hanno recitato in esso Stewart Granger, Eleanor Parker, Mel Ferrer e Janet Leigh.

Siamo nel nella Francia di XVIII secolo e il film racconta le avventure di André-Louis Moreau (Stewart Granger), figlio bastardo di un nobile. Philippe de Valomorin, Il migliore amico di André, è un giovane rivoluzionario assassinato dal Marchese de Mayne, un nobile e abile spadaccino. André giura di vendicarsi la morte del suo amico e uccidere il marchese. Il problema è che duellare prima deve imparare a maneggiare la spada.

Nel frattempo, Andre si incontrerà Aline de Gavillac (Janet Leigh) di cui si innamorerà, ma è la fidanzata del marchese. André finirà per unirsi a un gruppo di showmen che gli insegnerà ad essere un buon spadaccino e lo aiuterà a portare a termine la sua vendetta.

Più titoli

  • Bardelys il Magnifico. King Vidor lo adattò al cinema nel 1926.
  • La vergogna del giullare
  • L'estate di San Martín
  • Antonio Wilding
  • Capricci di fortuna
  • Bellarion
  • Il principe romantico
  • Nobiltà
  • Il re perduto

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Recaredo Castillo suddetto

    La verità è che Rafael Sabatini è un autore praticamente sconosciuto, anche se uno dei suoi personaggi insiste per sopravvivere, Capitan Blood. Dico questo perché l'ultima versione cinematografica è, mi sembra, un film russo del 1991. Se qualcuno là fuori vuole ricordare Sabatini, chiama il suo romanzo "Scaramouche", ma non va da quelle parti.
    Comunque, quando si tratta di gusto, nessuno dei due romanzi (anche se sono buoni) è il mio preferito. Quello che mi piace di più è… Che problema, decidere quale mi piace di più! Ce ne sono diversi, la verità, "Bellarión", "La spada dell'Islam", "La maschera veneziana", "Bardelys il Magnifico", sarebbero in cima alla lista, anche se non riesco a smettere di nominare "L'uomo di paglia", "Sul soglia della morte "," Paola "," Amore sotto le armi "," Hidalguía "..., senza che l'ordine determini la preferenza, solo che li chiamo come li ricordo. Non c'è motivo per cui "Il cavaliere della taverna", "Il falco del mare", "Gli amanti di Ivonne", "L'estate di San Martín", "Il santo errante", "Il cigno nero", "Il principe romantico "," Capricci di fortuna "," La bandiera del toro "e" Il marchese di Carabás ". Sì, ce ne sono diversi che non sono sulla lista, ma è perché non li ho trovati, come uno che vorrei leggere, «I cani di Dio» (Forse lo troverò prima di partire, o, se il cielo esiste ed è come vorrei, una biblioteca, può essere lì).
    Oh grazie! Grazie mille! questo post mi ha regalato un momento piacevole