Rafael Cadenas, Premio Cervantes 2022. Poesie selezionate

Rafael Cadenas è il nuovo Premio Cervantes 2022

Catene di Raffaello, poeta venezuelano, è il nuovo vincitore del Premio Cervantes 2022. Anche traduttore, professore e saggista, nasce a Barquisimeto nel 1930. Sin da giovane si appassiona alla letteratura e si dedica anche alla politica. Andò in esilio a causa della sua appartenenza al partito Comunista, sebbene sia tornato a Caracas nel 1957. Ha lavorato come professore di letteratura inglese e spagnola. Il suo lavoro lo ha reso uno dei grandi riferimenti della Poesia modernista ispano-americana.

Titoli come I quaderni dell'esilio, false manovre, All'apertoAnnotazioni, Amante o Appunti su San Giovanni della Croce e il misticismo. Ha ricevuto premi tra cui il Premio Nazionale Saggio, la Premio nazionale di letteratura e il Premio San Giovanni della Croce nel 1991. Questo Cervantes ha dato il tocco finale alla sua carriera. Poi ce n'è uno selezione di poesie slip selezionati.

Rafael Cadenas - Poesie selezionate

Guardare

Vedo un altro percorso, il percorso del momento, il percorso dell'attenzione, sveglio, incisivo, Sagittario! Viscera Peak, Extreme Diamond, Hawk, Lightning Route, Thousand Eyes Route, Magnificenza, Line Route to the Sun, Surveillance Beam Reflection, Beam Now, Beam This, Royal Route con la sua Legione dei frutti viventi il ​​cui climax è quel posto ovunque e da nessuna parte .

Paura

Qualcuno chiude una porta a un uomo che tace, si guarda nella sua cella con un solo sfogo e dubita che lui stesso esista.
A volte, per qualche istante, viene portato fuori a vedere il sole, ma torna al suo posto con i suoi stessi passi.
Lì almeno sa che soffre.

Inquisitori

Vanno da un posto all'altro misurando, segnando, addentando qua, là, pieni di bava del passato, smorfie, etichette. Indicano, segnalano, dettano, correggono, molestano. Lì, dicono, è il colpevole. I nostri codici principali ti inseguiranno abbaiando giorno e notte. Eccolo, i nostri mastini annusano la scia sporca. Lui è la macchia sulle nostre piastrelle. Offende la nostra purezza. In giro per il mondo, sempre, con i loro libri contabili, le loro matite perverse, il loro questo sì questo no, le loro autos de fe, le loro pozioni vendicative, stendendo un righello rosso sul corpo che il branco andrà a inseguire.
C'è chi ci ha tradito, dice. Sputiamo, ecco che arriva.
Spiiamolo come un occhio solo.

Storia

Apro la finestra e vedo un esercito che raccoglie le sue vittime. Fantasmi che portano in braccio fantasmi e ovunque cammino scopro le loro bocche. La miseria dei loro abiti non è nulla in confronto a quella dei loro occhi, e al pus dell'eroismo, che dire di tutto ciò? Corpi trasparenti al sole, con tessuto di fantasmi. Se dimentico, so ancora che continuano a raccogliere vittime - sono solo all'inizio - e non c'è fine, durerà fino a notte e ogni notte e domani e dopodomani e dopo e sempre. Dentro, cinque, nove, cinquanta, duecento anni riaprirò la finestra e la scena non sarà cambiata. Gli spettri saranno gli stessi degli altri, ma lei non verrà alterata, non ci saranno modifiche, una correzione dell'ultimo minuto.

Fonti: Audiolit, Una mezza voce


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Manuale suddetto

    Congratulazioni a Rafael Cadenas.
    Meritato Premio Cervantes.
    Poeta e persona eccezionale.