"Peter and the Captain" uno dei migliori libri mai scritti

Mario Benedetti

Il defunto di recente Mario Benedetti Tra i suoi tanti titoli, ci ha lasciato una piccola opera intitolata "Peter and the Captain", che appartiene al genere teatrale, anche se, come ha riconosciuto lo stesso autore, non è nato con l'idea di essere rappresentato.

In lei un torturatore e un torturato Hanno un incontro faccia a faccia che dura diverse sessioni in cui il torturatore ha la missione di far parlare il torturato e quest'ultimo di tacere per non tradire i suoi compagni. Una distanza ideologica separa i due personaggi e nonostante il fatto che il Capitano abbia apparentemente il sopravvento, le carte in tavola cambiano durante la storia.

Ed è che Pedro, il torturato, capisce (o si fa capire) che in realtà è già morto, che niente di tutto questo è reale, che non sta accadendo, che non ha nulla da perdere e che il dolore è uno stato mentale che i morti fanno non soffrire in modo che in qualche modo diventi immune alla serie di ferocia che il torturatore commette con lui.

Inoltre, come se non bastasse ... decide di torturare il suo torturatore strofinando la sua resistenza e giocando con lui per toccare i pulsanti psicologico che nessuno aveva mai toccato ...

Personalmente, è uno dei miei libri preferiti e penso che sarebbe un successo se fosse uno dei libri di lettura obbligatoria nelle scuole superiori ... molto da imparare Sulle linee del grande Mario, possa riposare in pace, al quale ringrazio di cuore tutte le parole che ci ha lasciato in eredità nel suo vasto e brillante lavoro.

Riepilogo di Peter e del capitano

Camera

Il lavoro di Pedro e del capitano può essere suddiviso in quattro parti ben differenziate, in cui gli eventi aumentano di intensità con l'obiettivo che ci sia un crescendo nel lavoro. Cioè, cerca quello il lettore vedrà l'evoluzione della situazione e come diventa sempre più pericoloso, interessante. In questo modo Mario Benedetti intrappola il lettore nel gioco a cui vuole giocare.

Le parti di Peter e del capitano sono:

Prima parte

In questa prima parte incontrerai un protagonista, Pedro, che viene portato in una stanza degli interrogatori. Lì lo trovi incappucciato e legato in modo che non possa scappare o vedere nulla finché un altro uomo non entra nella stanza, il cosiddetto Capitano.

La missione di questo è interrogarlo e ottenere le informazioni di cui ha bisogno. Informa Pedro che quello che gli è successo, la lezione che ha ricevuto, è stato solo qualcosa di leggero e morbido rispetto a quello che può aspettarlo se non collabora, avendo torture e punizioni sempre più intense. Qualcosa che nessuno è in grado di sopportare.

Inoltre, ti avverte che tutti parlano in un modo o nell'altro.

Il Capitano cerca di convincerlo a cooperare per sempre, esponendo tutto ciò che gli può capitare se non lo fa, oltre a fargli capire che è una persona che ottiene tutto ciò che vuole. E che ammira il lato di Pedro, perché sa che li ammirano. È una forma di guadagnare la fiducia dell'altro.

Tuttavia, lo minaccia anche, non solo a causa sua, ma anche a causa di sua moglie. In cambio di non sopportare il dolore o di mettere in pericolo ciò che ama di più, oltre a uscire senza che i suoi compagni sappiano che ha collaborato, deve rivelare quattro nomi.

Ma niente di ciò che dice, né in modo amichevole né minaccioso, serve il capitano, poiché Pedro è muto e non risponde a nessuna delle insinuazioni.

Seconda parte di Peter e il Capitano

La seconda parte dello spettacolo presenta di nuovo Pedro, con altre percosse e torture ricevute. C'è il capitano, che cerca di andare d'accordo con il prigioniero e di rispondere a ciò che ha bisogno di sapere. Così, rimuove il cappuccio, qualcosa che, nella prima parte, è sempre presente.

È in quel momento in cui Pedro parla, dove gli dice che non l'aveva fatto prima perché gli sembrava che fosse qualcosa di indegno rispondere con il cappuccio. Tuttavia, lungi dall'essere intimidito, lo è ora Pedro che fa domande al Capitano sulla sua famiglia, che considera una minaccia. Vedendo la reazione, Pedro chiede di nuovo come ci si sente a tornare a casa dopo aver ucciso altri uomini. Questo gli fa perdere la pazienza e finisce per colpirlo, anche se, con Pedro, voleva fingere di essere "uno dei bravi ragazzi".

Dopo pochi minuti per calmarsi, il Capitano si immedesima con Pedro, riconoscendo che si sente male dopo quello che fa, e sperando che la vittima che lo affronta finisca per arrendersi prima che la tortura e la punizione diventino sadiche, un chiaro riferimento che chiede a Pedro di rinunciare alla sua resistenza.

Dopo un silenzio, la risposta di Pedro conclude questa parte.

Terza parte

Ti presenta un Capitano spettinato, i suoi vestiti stropicciati, la cravatta sbottonata. Chiedi al telefono di riportare indietro Pedro, che appare più emaciato e con macchie di sangue sui vestiti.

Credendolo morto, il Capitano gli si avvicina e lo mette sulla sedia. È in quel momento che Pedro scoppia a ridere, ricordando che quella notte, mentre veniva torturato sul pungolo, la luce si spense e non riuscirono a finirlo.

Nel tentativo di riportarlo alla realtà, il Capitano chiama Pedro per nome, al quale risponde che non lo è, ma che il suo nome è Romolo (è il suo alias). Ed è anche morto. Puoi vedere il tentativo da parte della vittima di cercare di sfuggire a quella situazione, di pensare che è già morto e che tutto il dolore che prova è solo nella sua immaginazione, ma che non è reale.

Dopo una discussione con il Capitano, dove morte e follia generano una filippica tra di loro, il Capitano si dispera e ritiene che non otterrà nulla da lui.

È allora che i ruoli cambiano. Pedro inizia a parlare con il Capitano, mentre quello comincia a parlargli con maggiore rispetto. Il Capitano si apre a lui, parla di sua moglie, di come è finito a lavorare come torturatore e di come ha influenzato la sua vita.

Ma è Pedro a ribadire che è morto e che non può dirgli niente.

Quarta e ultima parte di Peter e il Capitano

Appare a terra un Pedro picchiato e praticamente morente. E un capitano sudato, senza cravatta, giacca e molto nervoso.

Assiste a una conversazione di Pedro che, delirante, pensa di parlare con Aurora, anche se è solo. È in quel momento quando il Capitano comprende tutto il male che fa torturando le persone e chiede un nome, un nome qualsiasi, per cercare di salvarlo, ma allo stesso tempo salvare se stesso. Tuttavia, Pedro si rifiuta di farlo ed entrambi vengono condannati ai rispettivi ruoli.

I personaggi di Peter e del capitano

Peter e il capitano coprono

Il gioco è composto solo da due personaggi: Pedro e il Capitano. Si tratta di due figure antagoniste che mantengono la tensione durante l'intera storia, ma anche cambiano il loro modo di pensare, si stanno sgretolando a poco a poco.

Da un lato, hai Pedro, un prigioniero che sembra accettare la sua punizione senza chiedere pietà o implorare per la sua vita. Crede nei suoi ideali ed è disposto a difenderli anche con la vita. Per questo, in un dato momento, ritiene di essere già morto e che tutto ciò che gli accade è solo il risultato della sua mente.

D'altra parte, c'è il Capitano, uno dei personaggi che si evolve di più durante il gioco. Inizia come una persona autorevole che cerca di interagire con l'altra persona esponendo tutto ciò che gli succederà se non collabora, ma allo stesso tempo cerca di "fare amicizia" con lui per farlo.

Tuttavia, man mano che la storia si evolve, anche il personaggio lo fa, riconoscendo che non gli piace il suo lavoro, raccontando parti della sua vita che lo umanizzano di fronte alla tortura che sta infliggendo all'altro. Così cerca una giustificazione per quello che fa. Il problema è che Pedro non lo accetta, continua a non entrare in empatia con lui, il che infastidisce il Capitano perché, anche confessando, continua a non far fare all'altro quello che vuole veramente, a confessare.

In questo modo si vede un'evoluzione dei personaggi. Da un lato, quello di Pedro, che si sta abbandonando alla follia e alla morte sapendo che non uscirà da lì e almeno non dirà nulla. Dall'altra, quella del Capitano, che nell'opera resta senza sapere cosa ne sarà del suo destino.

Vuoi leggerlo? Compralo qui.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.