Paco Roca. "Sto finendo un nuovo fumetto: Return to Eden."

Fotografia: sito web di Paco Roca.

Paco Roca (Valencia, 1969) è uno dei nostri referenti del fumetto e graphic novel i più seguiti, famosi e internazionali. La sua graphic novel Rughe Lo ha messo al vertice di un genere così specializzato e, allo stesso tempo, così vario e lì continua. Y lo scorso 25 luglio ha vinto uno dei prestigiosi Premi Eisner by La casa, un lavoro molto intimo e personale dedicato a suo padre.

È stato un piacere che me lo abbia concesso intervista che apprezzo molto, per il tuo tempo dedicato e la gentilezza del tuo team di comunicazione. In esso ci racconta il suo influenze, primo saluti e nuovo progetto che uscirà a novembre: Ritorno all'Eden.

Intervista a Paco Roca

  • NOTIZIE DI LETTERATURA: Ricordi la prima immagine che hai visto o immaginato e che ti ha ispirato a disegnare?

PACO ROCK: Sicuramente ce ne sono state alcune precedenti, vignette di Mortadelo e Filemon, di Asterix… Ma Le guerre sarebbe una di quelle cose che mi ha ispirato in modo molto diretto. Non appena ho finito di vederla, ho voluto farla rivivere, e il modo in cui dovevo farlo era disegna il mio fumetto sul film. Quel modo di rivivere i momenti speciale è cosa continua a portarmi a fare fumetti.

  • AL: Qual è il lavoro o l'autore che ti ha maggiormente influenzato e perché li metti in risalto?

PR: Ci sarebbero stati molti lavori e autori che mi avrebbero influenzato. In ogni momento della vita scopri opere che ti ispirano. Il primo sarebbe gli album di tintinnio e il raffinatissimo disegno di Hergé. Paracuello, de Carlos GimenezMi ha influenzato anche in un altro momento della mia vita. Fino a quel momento i fumetti che avevo letto riguardavano storie epiche, avventurieri e supereroi. E all'improvviso mi sono trovato di fronte a una semplice storia, di bambini in un orfanotrofio. L'epopea dei sentimenti.

  • AL: Quale personaggio di un fumetto o di una graphic novel ti sarebbe piaciuto incontrare o creare?

PR: Al capitano Haddock. Amavo la sua scontrosità, la sua predisposizione al whisky e il suo ricco lessico quando si trattava di bestemmiare.

  • AL: Qualche hobby quando si tratta di disegnare?

PR: Non ho molti hobby. Forse sì musica di sottofondo. Trovo difficile disegnare in silenzio.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo?

PR: Anche se preferisco disegnare il mio studio con buona luce e comfort, attingendo anche al tavolo della sala da pranzo, in Hotel, sul treno ... e Preferisco la mattina nel pomeriggio.

  • AL: A cosa devi ancora Rughe?

PR: Tutto quello che ho. Rughe Mi ha messo sulla mappa e continua a darmi gioia ogni volta che viene pubblicato in un paese o in un altro. Da quando è stato pubblicato la mia vita è cambiata, ho potuto vivere di fumetti e, nel bene e nel male, da allora non ho avuto una settimana di tranquillità.

  • AL: In L'inverno del fumettista fai un giro della mitica casa editrice Bruguera e dei nomi più importanti dei fumetti spagnoli. Puoi tenerne uno speciale?

PR: Con Escobar. Sebbene il suo umorismo fosse a volte anacronistico, ho sempre amato il suo modo di disegnare. E più ho saputo di Escobar, più l'ho ammirato come persona e come artista irrequieto capace di scrivere, disegnare o inventare strani espedienti.

  • AL: I tuoi generi preferiti all'interno della graphic novel?

PR: Mi piacciono la storia, la biografia, ma soprattutto il storie con personaggi potenti che mi eccita.

  • AL: Nuovi progetti in vista?

PR: Sì, sto finendo un nuovo fumetto che se tutto va bene uscirà a novembre. Sarà chiamato Ritorno all'Eden e si tratta di una fotografia, l'unica che mia madre aveva con sua madre.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale, in particolare quella dei fumetti e delle graphic novel, per tanti autori quanti sono o vogliono iniziare a pubblicare?

PR: Vivere di cultura è difficile in qualsiasi disciplina. Riuscire a vivere dei dischi, dei libri o dei fumetti che vendi non è facile. Ma il mezzo del fumetto è uno dei più liberi che esistono, puoi dire quello che vuoi senza alcuna limitazione. E sebbene il nostro mercato sia piccolo, credo che con il tempo sia più ampio in questo mondo visivo in cui viviamo. Non riesco a pensare a una professione migliore.

  • AL: Il momento di crisi che stiamo vivendo è difficile per te o puoi mantenere qualcosa di positivo per i lavori futuri?

PR: Sebbene alcune professioni come gli autori di fumetti siano abituate alla solitudine e al confinamento, questa prigionia ha superato tutti noi. Ma all'interno del dramma che questa situazione è stata, Ho potuto approfittarne.

Ho letto molto, ho visto le serie che i miei amici mi consigliano e che non ho avuto il tempo di vedere, ho aggiornato la posta e ho potuto lavorare senza le interruzioni dei miei continui viaggi. Questa sosta dovrebbe servirci per riflettere su cosa ci è piaciuto e cosa non ci è piaciuto della vita che abbiamo condotto.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)