Neruda non è morto di cancro

Neruda non è morto di cancro

Neruda, Poeta cileno e Premio Nobel per la letteratura, non è morto di cancro come indicato dal suo certificato di morte. Gli esperti forensi che hanno indagato su questo caso controverso, hanno stabilito la scorsa settimana a Santiago del Cile che le cause della morte del poeta avrebbero potuto essere altre come hanno indicato in un documento consegnato al giudice Mario Carroza, in cui espongono tutte le loro conclusioni. Questo è chi oggi è in prima linea nelle indagini alla morte del poeta, morto durante la dittatura di Augusto Pinochet.

Come indicato dal professore spagnolo Aurelio Luna, che fa parte di questa ricerca: «Gli studi relativi all'indice di massa corporea utilizzando il diametro della propria cintura ci permettono di escluderne al 100% l'esistenza cachessia«. Luna ha spiegato che la causa della morte dello scrittore non era «cachessia«, (Profonda alterazione dell'organismo caratterizzata da malnutrizione, deterioramento organico e grande debolezza fisica), come indicato nella relazione.

Ma questo non è solo ciò che è stato scoperto in tale ricerca, ma è stato anche rilevato un elemento che potrebbe essere a batteri coltivati ​​in laboratorio. Quest'ultima scoperta è in fase di studio e studio ei risultati saranno noti entro sei mesi a un anno. "Con i risultati che abbiamo ora, non possiamo né escludere né affermare la natura, naturale o violenta, della morte di Pablo Neruda", ha aggiunto il professor Aurelio Luna.

Come sicuramente già saprai, chi ha seguito la vita e l'opera dell'autore cileno, Pablo Neruda in quel periodo, faceva parte del Comitato Centrale del Partito Comunista ed è morto solo due settimane dopo il colpo di stato che ha sconfitto il presidente socialista Salvador Allende. Dall'altra c'è la versione data dall'autista del poeta, Manuel Araya, che ha sempre assicurato che Neruda è stato assassinato con un'iniezione mortale ordinata da agenti del regime.

Come spesso si dice in questi casi, la verità viene quasi sempre alla luce, ... Ci auguriamo che quella in questo caso vedrà presto la luce e finalmente si possa fare giustizia.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Jose Stenio Ferreira Luz suddetto

    Sono stato il più assassinato dei suoi colpi di sangue.