Sirene e la sposa zingara. Due grandi opere crude nere.

Sirene y La sposa zingara sono due dei romanzi neri di maggiore proiezione nel panorama odierno. E si scopre che ce ne sono anche due opere prime di successo che firmano inglese Giuseppe Knox y Carmen Mola, la pseudonimo dell'autore (o autore) che ha sorpreso maggiormente la critica e il pubblico nazionale. Li leggo e do loro una recensione.

La verità è che devo togliermi il cappello. Tutti noi che facciamo quello che scriviamo vorremmo vedere un romanzo nel nostro primo lungometraggio uscire e anche farlo pubblicare in grande stile, ma esce solo per alcuni. Gli ultimi esempi sono quelli di questi scrittori che, con le loro prime due opere, hanno rivoluzionato la scena nera con due storie di quelle in cui tutto sembra tondo: struttura, stile, trama, epilogo e finali potenti che rimangono aperti.

Sirene - Joseph Knox

Joseph Knox ha poco più di trent'anni, è nato a Manchester, e ha lavorato in bar, pub e librerie prima di trasferirsi a Londra. Con SireneCon gran parte della sua esperienza e osservazione mentre lavorava in quegli ambienti, ha raggiunto quel successo la prima volta.

E ha usato un ottimo stile (una cruda narrazione in prima persona da parte del protagonista) e buoni personaggi, dal principale al secondario. Anche da una struttura di parti e brevi capitoli che vengono letti senza interruzioni. A ciò aggiungiamo un'atmosfera oscura come la narrazione (le strade grigie e aspre e i locali ei quartieri più marci di Manchester). E una trama in cui molto radiografia dura del farmaco e la fauna che la circonda ei suoi effetti in un quadro tanto tetro quanto privo di pietà o speranza.

Queste Sirene, titolo che fa riferimento a le ragazze che passano la droga in quei posti e che poi devono portare i soldi raccolti ai trafficanti di turno, hanno raggiunto il meritato successo. Con un retrogusto di un classico del genere, è un grande lavoro che forse lo è un po 'criptico nei dialoghi e anche austero nelle descrizioni, ma che fanno parte del irrequietezza e stato mentale del protagonista e del resto dei personaggi. 

Vorrei, e questa è già la mia opinione più personale, che il protagonista mi arrivasse più dentro, un requisito particolarmente essenziale quando si entra in una storia. Ma non sono riuscito a connettermi con Aidan aspetta, il caotico poliziotto infiltrato a cui non sai cosa pensare, che diffida di tutto e di tutti e che porta con sé una storia personale di sradicamento.

Inoltre non sono stato in grado di connettermi bene con i suoi demoni e le sue dipendenze né con i suoi rapporti con gli altri personaggi. Forse è stata quell'atmosfera di disagio e sfiducia che trasuda la storia. Ma le loro perdite oi loro interessi sono rimasti con me prima di arrivare a ciò di cui ho bisogno da un personaggio per colpire i nervi. Tuttavia l'intera immagine raggiunge l'equilibrio. 

E solo un altro punto anche solo aneddotico: che è un fan di La teoria del Big Bang e adorare un personaggio così grande del genere come Bud White (LA Confidenziale, James Ellroy), quello dei secondari, più cattivo che cattivo, si chiama Sheldon White non mi ha aiutato a crederci. Tuttavia, sì, consiglio un buon bagno scuro con questi Sirene.

Joseph Knox sta già lavorando a un secondo romanzo, quindi ci saranno più Aidan Waits.

La sposa zingara - Carmen Mola

Carmen Mola è lo pseudonimo dell'autore che ha firmato un debutto epocale nel più nero panorama letterario. Questo gioca molto a loro favore in quanto aumenta l'aspettativa e il mistero. Quindi hai già un primo grande successo. Il secondo è l'aver trasferito magistralmente un orrore, contorto e crudeltà in trame, dettagli, personaggi e tempi che abbiamo letto ad altri autori dall'esterno, ma non tanto da queste parti.

Ci sono tratti, ad esempio, del francese Pierre Lemaitre o Franck Thilliez più inquietante o britannico Mo Hayder nella sua serie dark Jack Caffery e Daniel cole con i suoi anche recenti Bambola di pezza. E con loro, Mola organizza una trama impeccabile attorno al macabro assassinio di due giovani sorelle zingare in tempi diversi ma circostanze simili.

In parti guidate da una narrazione di terribili eventi passati, i capitoli presenti sono lunghi poco più di tre pagine, con frasi concise e descrizioni accattivanti che facilitano una lettura tanto veloce quanto facile. E si aggiunge una squadra di poliziotti di personaggi tanto delineati quanto efficaci, a cominciare dal protagonista, l'ispettore Elena Blanco, senza dubbio un altro successo in questi tempi dei famosi responsabilizzazione femminile.

Ma tutti formano un "cast" corale, perché senza dubbio anche la loro creazione è totalmente cinematografica, non solo nelle loro descrizioni e comportamenti, ma anche nel ritmo con cui tutti si connettono tra loro e con l'azione. Inoltre, e per quelli di noi che vivono o si spostano abitualmente a Madrid, seguirli nelle loro indagini attraverso quel centro storico o quartieri periferici così riconoscibili è anche un'emozione in più.

L'ultimo successo: un finale molto scioccante, uno di quelli che lascia la porta aperta a più orrore quello che non pensavi più possibile dopo quello che hai letto. In altre parole, Elena Blanco e tutta la sua squadra non pensano che ci vorrà molto per tornare. E scommetto che manterranno l'eccellente livello di questo ottimo inizio della serie.

I miei unici ma sono esclusivamente personali, ovviamente. In letteratura non mi piace molto il tempo in cui vivo, né mi piacciono le cose quotidiane di questo presente o di questo paese. Quindi sento un curioso contrasto tra il bene della storia, la sua narrazione ei personaggi con il poco che mi attrae che si muovano o si svolgano in luoghi che conosco. E uno dei miei problemi più grandi che, senza dubbio, è politicamente scorretto in questi giorni: sono più un protagonista maschile. Ciò che mi accingo a fare.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.