Marechal e la sua eterna venuta ...

Un autore che non si è mai fermato o non smetterà mai di appassionarsi a me lo è Leopoldo Marechal. Molti devono saperlo, come molti devono ignorare di cosa si tratta.

Scrittore Argentino, Nato l'11 giugno 1900 e morto il 26 giugno 1970, è stato uno dei più grandi scrittori che questa nazione ci abbia lasciato.

Una delle sue opere più importanti è stata "Adam Buenosayres", Il suo primo romanzo che dà inizio alla trilogia che in seguito avrebbe completato con"Il banchetto di Severo Arcángelo", E"Megafono o guerra". Oltre a scrivere romanzi, si è dedicato molto al teatro (con opere come “Don Juan"E"Antigone Velez”), Oltre che sviluppato come grande poeta e narratore.

Non ritengo opportuno approfondire qui la biografia dell'autore, anche se in piccoli dettagli che ritengo piacevole conoscerlo molto meglio, anche in relazione ad un contesto storico, ed un contesto di boom letterario dove i suoi amici erano tanti "il più grande".

Lo scrittore è stato molto importante seguace del peronismo, durante il suo sviluppo e, successivamente, in Argentina. A causa dei conflitti politici che questa ideologia ha sollevato nel corso della storia, le opere di Marechal sono state in gran parte relegate all'oblio forzato. "Adam Buenosayres"Non è stato ampiamente riconosciuto al momento della sua pubblicazione, nel 1948, anche se lo è stato, e fortunatamente, da autori successivi nel paese.

Leopoldo è nato nella città di Buenos Aires, anche se ha viaggiato per molte estati nell'entroterra con gli zii, dove quando è arrivato lo chiamavano “buenosayres” per via della sua origine. Da qui è nato il nome del protagonista del suo libro, Adam, che in qualche modo si può dire essere se stesso, così come è possibile ritrovare le meravigliose coincidenze identitarie anche nella cerchia di amici del protagonista, con il amici di Marechal in realtà: Xul Solar, Borges e Jacobo Fijman tra gli altri.

L'alto grado di nazionalismo che l'opera dimostra lo rende uno dei pilastri della letteratura argentina, insieme al “Martin Fierro","Don Secondo Sombra", E"Facundo".

Per quanto riguarda il tuo "Adam Buenosayres", Scrive Leopoldo:"Scrivendo il mio Adán Buenosayres non capivo come uscire dalla poesia. Fin dall'inizio, e basato sulla poetica di Aristotele, mi è sembrato che tutti i generi letterari fossero e dovessero essere generi di poesia, sia epica, drammatica e lirica. Per me la classificazione aristotelica era ancora valida, e se il corso dei secoli aveva messo fine a certe specie letterarie, non lo aveva fatto senza creare loro dei "sostituti". Fu allora che mi sembrò che il romanzo, un genere relativamente moderno, non potesse essere altro che il "legittimo sostituto" dell'antico poema epico. Con questa intenzione, ho scritto Adán Buenosayres e l'ho adattato alle norme che Aristotele ha dato al genere epico.»

Il libro riflette il periodo della grande immigrazione che il paese ha vissuto all'inizio del secolo, dove intere famiglie provenivano da Spagna, Italia, Francia e altri paesi europei, in cerca di lavoro, e allo stesso tempo in fuga dalle persecuzioni politiche che nelle loro nazioni hanno sofferto. La promessa di ricchezza con cui furono trascinati nel paese era ancora una promessa e le loro tasche sembravano vuote come anni prima, motivo per cui sovrappopolavano alcune zone della città di Buenos Aires. Questa classe di personaggi è quella che Marechal prende per sviluppare il contesto in cui vive Adán.

Ciò che è interessante della letteratura di questo autore, e in particolare del romanzo di cui parlo, è l'intenso lavoro di appuntamenti, nonché l'esercizio filosofico e metafisico con cui i personaggi si sviluppano nelle loro relazioni. Più precisamente, a riguardo, non potrebbe essere l'amico di Adam, il filosofo Samuel Tesler, un personaggio apocrifo i cui risultati come attore di innumerevoli fatti derisori sono sempre motivo di risate incredibili. E allo stesso tempo, come in ogni Essere che si presta ad essere, degno della ridondanza, non si può ignorare un fattore fondamentale, inerente a tutti noi, che è l'amore. E poiché anche Adam è parte di noi, amava. Dedicando ai suoi amati costanti appunti che portava con sé nel suo taccuino dalla copertina blu che, verso la fine del romanzo, glieli consegna, incontrando domande che superano anche il bisogno stesso.

E poiché l'intero libro è un tour dello stesso, anche se anche di tanti altri, Marechal non poté fare a meno di permettersi di rendere omaggio a Dante Alighieri, creando il proprio inferno, o meglio, "l'inferno di Schultze", l'astrologo amico di Adamo. Pertanto, siamo trascinati capitolo dopo capitolo, attraverso ciascuno degli inferni che compongono il più grande, essendo ognuno un'eccellente parodia di una Buenos Aires condannata alle fiamme più deliziose degli inferi.

Questo è ancora un tour di qualcosa di già noto, o forse motivo di stupore per alcuni (spero). Forse una scusa per leggerlo di nuovo, o per iniziare a leggerlo, dal momento che non fa solo parte della storia letteraria argentina, ma anche parte dei migliori testi della storia.

Bibliografia di Leopoldo Marechal:

Poesia-
 "Aguiluchos", 1922
 "Odi per uomo e donna", 1929
 "Labirinto d'amore", 1936
 "Five Southern Poems", 1937
 "Il centauro", 1940
 "Songs to Sophia", 1940
 "Canto di San Martín", 1950
 "Heptameron", 1966
 "The Robot Poem", 1966
Teatro-
 "Antígona Vélez", 1950
 "Don Juan", 1956

Romanzo-
 "Adán Buenosayres", 1948
 "Il banchetto di Severo Arcángelo", 1965
 "Megafono o guerra", 1970

Link consigliati: http://www.elortiba.org/marechal.html; www.marechal.org.ar


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   pc77 suddetto

    Marechal e Borges erano amici?