Louise Glück vince il Premio Nobel per la letteratura 2020

Foto Louis Gluck. Shawn Thew. EFE

Louise glück è il vincitore di Premio Nobel per la letteratura 2020. Il poeta americano ha vinto il più alto riconoscimento letterario a livello mondiale ed è il secondo nella professione lirica a farlo. È anche la quarta donna a entrare nella lista dei premi negli ultimi dieci anni. La giuria lo ha considerato in questo modo per via del "suo inconfondibile voce poetica, che con una bellezza austera rende universale l'esistenza individuale ».

Louise glück

Nato a New York in 1943, Glück ha vinto il Pulitzer di poesia in 1993 by L'iride selvatica e successivamente il National Book Award nel 2014 per Notte fedele e virtuosa. Qui lo modifica Pre-testi, che ha pubblicato sei titoli: L'iris selvaticoArarat, Seleziona la poesia, Le sette età y Inferno.

Nella sua giovinezza ha sofferto di Glück anoressia nervosa, l'esperienza più importante del suo tempo formativo, come ha raccontato in prima persona nei suoi libri. Era molto grave e l'ha costretta a lasciare il liceo nel suo ultimo anno, e per iniziare un lungo trattamento di psicoanalisi. Il suo lavoro poetico è stato valutato come intimo e allo stesso tempo, austero.

Il Premio Nobel per la letteratura

Nella corsa al Nobel di quest'anno c'erano nomi come Maryse Condé, la favorito nelle scommesse. Il russo la seguì Liudmila Ulitskayper. E poi c'erano i clienti abituali come l'eterno Haruki Murakami, Margherita Atwood, Assistente Da Lillo o Edna O'Brien. Suonava anche il nostro Javier Marías.

Il Nobel letterario ha Anni di storia 120116 scrittori l'hanno presa, di cui solo 16 donne. L'80% è andato in Europa o in Nord America. E invia il file lingua inglese contro il francese, il tedesco e lo spagnolo.

Per la situazione sanitaria globale, la consegna tradizionale è stata annullata di diplomi e medaglie che il Dicembre 10, anniversario della morte di Alfred Nobel. Quindi quest'anno i vincitori riceveranno il diploma e la medaglia nel loro paese, in una serie di atti pubblico ridotto che può essere seguito virtualmente dal municipio di Stoccolma.

Louise Glück - Poesia

L'iris selvatico

Alla fine della sofferenza mi aspettava una porta.

Ascoltami bene: quella che chiami morte mi ricordo.

Lassù, rumori, ondeggianti rami di pino.

E poi niente. Il debole sole tremante sulla superficie asciutta.

Terribile sopravvivere come coscienza, sepolto in una terra oscura.

Poi tutto è finito: quello che avevi paura,

essere un'anima e non poter parlare,

finisce bruscamente. La terra rigida

magra un po ', e quello che ho preso per gli uccelli

affonda come frecce in bassi cespugli.

Tu che non ricordi

il passaggio di un altro mondo, ti dico

potrebbe parlare di nuovo: quello che torna

dall'oblio ritorna

per trovare una voce:

dal centro della mia vita è germogliato

una fresca primavera, ombre blu

e acquamarina blu intenso.

Fonti: El Mundo, El País, La Vanguardia


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Gustavo Woltman suddetto

    Ogni premio presuppone un contributo di qualche tipo, sia a livello scientifico che letterario, e per me questa donna ha contribuito abbastanza da essere degna di tale distinzione.
    -Gustavo Woltmann.