La lunga strada verso casa

En La lunga strada verso casa (1998), una ragazza subisce violenze e abusi nel luogo originariamente destinato a darle rifugio e sicurezza, sembra perdere tutto… ma qualcosa cambierà. Questo è il preludio a questo romanzo dell'autrice americana Danielle Steel. Il testo espone la storia di Gabrielle, una ragazza con una vita segnata dalla sofferenza.

Per questo motivo l'idea della famiglia e della casa acquista un significato molto diverso da quello delle credenze tradizionali. Nonostante la forte testimonianza del piccolo protagonista, questo libro ha conquistato il cuore di milioni di lettori. Ed è che entrare in questa storia significa incarnare le difficoltà e l'ingiustizia, tuttavia, la storia mostra anche come superare un contesto così avverso.

Circa l'autore, Danielle Steel

Il 14 agosto 1947, l'attuale scrittrice Danielle Steel è nata a New York City, riconosciuta per molti dei suoi romanzi. Infatti, È tra le più lette negli Stati Uniti e ha suscitato la simpatia dei suoi lettori.. E questo non è raro, il pubblico si collega facilmente con le loro narrazioni interpretate da personaggi persistenti di fronte alle esperienze più difficili.

La vita difficile dell'autore

La biografia di Danielle Steel non è esattamente "un letto di rose". Attraverso le loro esperienze, l'origine dei loro testi può essere compresa in un certo modo. Oltre alla narrativa, l'intellettuale di New York ha anche scritto poesie e un paio di libri di saggistica. Inoltre, nel 2003 ha aperto una galleria per sostenere i giovani artisti emergenti.

inoltre, Steel ha avuto una vita molto particolare, segnata da battute d'arresto a livello di partner e famiglia (ha lasciato cinque matrimoni alle spalle). Tuttavia, è riuscita a superare ogni ostacolo, anzi, ha tratto vantaggio creativo e commerciale da queste situazioni attraverso la scrittura. Al momento, l'autore americano ha un'ottima reputazione letteraria a livello nazionale e internazionale.

Una vita legata alla scrittura

Danielle Steel ha iniziato a scrivere sin dalla tenera età; Già nella sua adolescenza aveva diversi saggi poetici (pubblicati diversi decenni dopo). Dopo —Con 18 anni— ha finito il suo primo romanzo, anche se, simile alla sua poesia, l'ha pubblicata dopo molti anni.

Col tempo, Steel è riuscita a pubblicare più di ottanta libri, alcuni con record di vendite o primi posti di bestseller. Come se non bastasse, Casa del Libro la recensisce come l'autrice più letta al mondo, con oltre 800 milioni di copie vendute. Insieme a questo, è riconosciuta come una creatrice prolifica e originale; Una fiaba (2019) è la sua pubblicazione più recente.

Infanzia tragica come tema centrale

Come il protagonista di La lunga strada verso casa, Danielle Steel ha subito alcuni eventi traumatici durante la sua infanzia. Pertanto, l'infanzia ha rappresentato per lei una grande vita e un tema letterario, soprattutto dopo la perdita di un figlio (Nicholas). Ha sofferto di disturbi mentali fino a quando si è suicidato nel 1997. Sulla scia della morte di suo figlio, Steel ha postato La tua luce interiore.

Pubblicato nell'ottobre 1998, La sua luce brillante -in inglese- è stato uno dei suoi titoli di maggior successo editoriale. Nello stesso anno è stato lanciato Steel La lunga strada verso casa (Maggio) e Il clone (Luglio). Ora questi ultimi due testi ottenuti buone prestazioni aziendali, ma non paragonabile alla categoria dei bestseller dei seguenti libri:

Alcuni dei libri più venduti di Gabrielle Steel

  • Caleidoscopio (Kaleidoscope, 1987).
  • Zoya (1988).
  • Messaggio di Nam (Messaggio da Nam, 1990).
  • Gioielli (Gioie, 1992).
  • Il regalo (The Gift 1994).
  • L'onore del silenzio (Onore silenzioso, 1996).
  • Un porto sicuro (Safe Harbour, 2003).
  • Ecos (Echoes, 2004).
  • Blue (2017).

Riassunto di La lunga strada verso casa

Le ferite

Come dedotto nei paragrafi precedenti, il romanzo ruota attorno al dolore di una ragazza ferita fisicamente e psicologicamente. Per più inri, la bambina di tre anni si considera colpevole degli abusi, perché lo dice sua madre violenta. Di fronte a ciò, il padre - o per indifferenza o per paura - non riesce a fermare le ingiustizie nei confronti di Gabriele.

In questo modo, tra molestie, percosse e insulti all'ordine del giorno, si svolge un'infanzia davvero traumatica. Man mano che la ragazza cresce, aumenta anche l'aggressività fisica, verbale e psicologica. Al punto che, Dopo aver picchiato la ragazza quasi fatale, la madre decide di lasciare Gabrielle in un convento. Non senza prima promettere "tornerò".

La lunga strada

Al convento, la ragazza conosce finalmente l'affetto e il buon trattamento, fino a quel momento senza precedenti per lei. Già da adolescente, Gabrielle si innamora di un prete molto giovane, sperimentando così il suo primo amore per un uomo. Purtroppo il sacerdote muore, quindi, la tragedia colpisce il cuore della sfortunata ragazza.

A questo punto, la ragazza mostra una lodevole determinazione a non farsi sopraffare dallo scoraggiamento oa lasciarsi trasportare dalla nostalgia. Nonostante tutte le perdite dolorose, la protagonista riesce a curare le sue ferite e ad andare avanti. Infine, Gabrielle decide di lasciare il convento per ottenere la libertà dal mondo esterno ... dove le delusioni non mancano, ma sa già come affrontarle.

Analisi

Stile narrativo

La letteratura di Danielle Steel si distingue per la profondità psicologica dei suoi personaggi (Questo romanzo narrato in terza persona non fa eccezione). Sebbene il New Yorker sia stato classificato come scrittore di romanzi rosa, La lunga strada verso casa non ha alcuna relazione con quell'argomento. Al contrario, la crudezza è la sensazione dominante in gran parte dello sviluppo.

Di conseguenza, la vivida descrizione di tutto il dolore fisico ed emotivo provato dal piccolo protagonista è piuttosto scioccante per lo spettatore. Non ci sono fattori attenuanti per la trama, non importa quanto giovane sia il personaggio principale. Allo stesso modo, attraverso la voce di un narratore lontano, il lettore riconosce l'ambiente ostile di Gabrielle insieme ad alcune delle sue confessioni e intimità.

Molto più di un romanzo sugli abusi sui minori

La scena dell'accoglienza è estremamente inquietante: una bambina di tre anni maltrattata dalla madre. La donna ha la complicità (involontaria?) Di un padre incapace di esercitare il suo ruolo di protettore della famiglia. Nonostante questa inquietante “accoglienza”, l'autore riesce gradualmente a trasmettere altre sensazioni.

In questo modo, Steel passa da un ingresso estremamente teso a evocare sentimenti di speranza, anche in mezzo alle disgrazie. (Qui sta l'innegabile hook generato nel pubblico). Poi, i passaggi appaiono con certi tratti teneri, mentre La tenacia e la forza interiore di Gabrielle sono evidenti. Per questo motivo, i lettori rimangono fino all'ultima pagina per conoscere la loro destinazione.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.