Kirk Douglas. Il figlio dello straccivendolo e leggenda del cinema compie 100 anni.

Il figlio dello straccio. Kirk Douglas Autobiography.

Il figlio dello straccio. Kirk Douglas Autobiography.

Kirk Douglas (9 dicembre 1916), una delle più grandi leggende cinematografiche di tutti i tempi, compie 100 anni oggi. Lui e Olivia de Havilland, entrata nel secolo già il 1 luglio, sono gli ultimi miti dalla Hollywood più dorata che ancora calpesta questo mondo. Ma veramente sono già eterni.

Quindi nessuna data migliore per leggere o rileggere la sua autobiografia, Il figlio dello straccio (1988). I più cinefili levitiamo con la vita eccitante di questo attore e uomo che ha già trasceso se stesso. I meno troveranno interessante anche il racconto che ne fece lo stesso Douglas.

Sono stato a conoscenza di Kirk Douglas per tutta la vita, come immagino succeda a tutti noi, ma senza dubbio una delle prime volte che mi ha affascinato è stata in Venti mille leghe di viaggi sottomarini (1954), il classico di Richard Fleischer per Disney. Quel marinaio Ned land T-shirt a righe, orecchino e fossetta sul mento sorridente non possono essere dimenticati quando sei una ragazza impressionabile, lettrice e cinefila precoce. La mia infatuazione era totale quando si è ripetuto con Fleischer come quello spaventoso e fantastico viking einar nella più grande I vichinghi(1958).

Il figlio dello straccio tenere conto di ciò che l'attore vuole raccontare, naturalmente. E uno come Douglas, con una reputazione per difficileSicuramente ha lasciato diversi numeri in cantiere, ovviamente i più oscuri. Ma che importa ... È stato e sarà uno dei più grandi nella storia del cinema, con a carisma senza eguali.

Alcuni dati

Ricordiamo che è nato a New York sotto il nome di Issur Danielovic Demsky. Figlio di immigrati ebrei russi che è venuto negli Stati Uniti all'inizio del XX secolo, il loro padre era uno stracciatore. Quindi il titolo della sua autobiografia non poteva essere un altro. La sua infanzia e giovinezza sono state molto difficili, ma non ha mai negato le sue umili origini.

Quindi andava avanti e quello spirito combattivo lo ha significato nella sua vita. lo so di fronte ai grandi studi del cinema, quando la sua carriera iniziò a decollare, a causa delle politiche di assunzione draconiane che imponevano ai loro "lavoratori". Ma anche denunciato il lato oscuro più sociale che lo circondava, quella del Maccartismo, la censura e il reclusione di attori e registi per le loro idee.

Douglas ci racconta anche del suo percezioni dei colleghi la cui lista sarebbe eterna come lui. E, naturalmente, ci racconta anche del suo film come L'idolo di argilla, che lo catapultò in quel cielo stellato. O come lo abbia segnato molto profondamente interpretare il pittore Vincent Van Gogh in I folli capelli rossi.

Ci racconta i suoi fallimenti e successi con registi e sceneggiatori come Dalton Trumbo, Preminger, Elia Kazan o Stanley Kubrick, con il quale potrebbe recitare nei due migliori lavori della sua carriera: Sentieri della gloria y spartacus (romanzo di Howard Fast e sceneggiato da Trumbo). Ma ha lavorato con tutti i grandi, che hanno tirato fuori interpretazioni memorabili di qualsiasi personaggio, dai mascalzoni agli eroi, più intimi, più vanagloriosi ... Qualunque cosa.

Ci sono così tanti titoli: Ritorno al passato, fantastico Prigionieri del Male, 21a Brigata, Duello dei Titani, Il grande carnevale, Lo strano amore di Marta Ivers, L'ultimo treno di Gun Hill... O uno per cui io e mio fratello abbiamo una devozione speciale, Il conto alla rovescia finale, già dal 1980. Impossibile nominarli tutti.

Insomma, quello per onorare Douglas, niente di meglio di versetto una buona manciata dei suoi film (meglio se in versione originale) oppure leggi o rileggi questa autobiografia. Il figlio dello straccio sfumature di el ritmo perfetto di una narrazione in prima persona su una vita degna di essere raccontata come poche altre. E forse questa leggenda di leggende potrà ancora raccontare qualcosa.

Alcune curiosità

-È stato d'accordo in sette film, quasi tutti occidentali, con Burt Lancaster ma non sono mai stati amici.

-Né ha fatto amicizia con John Wayne, un repubblicano pro, con il quale il democratico Douglas ha avuto famigerate liti. Tuttavia, ha mantenuto buoni rapporti con i presidenti repubblicani come Ronald Reagan.

-Gli è stato offerto il ruolo del colonnello Truman in Con le spalle al muro (1982), ma si è dimesso perché i produttori hanno rifiutato di accettare il suo proposta che John Rambo muoia alla fine del film, come nel romanzo originale.

-Non ha mai vinto un Oscar, un altro dei grandi colpi che l'Accademia ottiene di tanto in tanto si è ritorto contro. Gliene hanno dato uno onorifico nel 1996 (immagino per vergogna). Durante il gala ha ricevuto il Omaggio a Spielberg per il suo sostegno a Dalton Trumbo nel Caccia alle streghe.

Il 9 dicembre 2006 ha detto: “Mi chiamo Kirk Douglas. Forse hai sentito parlare di me. In caso contrario, cercami su google. Io sono il padre di Michael Douglas e suocero di Catherine Zeta-Jones. Oggi ho 90 anni e, nel mio caso, raggiungere questa età non è solo speciale, ma anche miracoloso ». Il miracolo è arrivato a 100.

Le più grandi congratulazioni, ammirazione e grazie, signor Douglas. Y ... "Io sono Spartacus!"


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.