Julia Ward Howe, la donna che ha lanciato la moderna festa della mamma

Julia Ward Howe, la donna che ha lanciato la moderna festa della mamma

Julia Ward Howe è nato nel 1819 a New York. Era una nota attivista per i diritti delle donne e il suffragio femminile, abolizionista e scrittrice, riconosciuta per essere la donna dalla quale l'idea del celebrazione della festa della mamma. Sebbene questa celebrazione abbia antecedenti già nella mitologia e nella storia classica, la celebrazione della festa della mamma oggi ha molto a che fare con la storia di questa donna.

Sebbene in Europa la celebrazione della festa della mamma sia legata alla tradizione cristiana e alla maternità della Vergine, l'influenza che le tradizioni e le feste nordamericane hanno sulla cultura internazionale ci incoraggia a ricordare la figura di questa grande donna, Julia Ward Howe.

Julia Ward ha avuto una vita difficile. Suo padre era un banchiere calvinista. Quando era molto giovane, è rimasta orfana di una madre. È stata educata da uno zio di mentalità liberale, che le ha permesso di studiare con buoni insegnanti. Julia si interessò di matematica e letteratura, conoscendo il pensiero di vari scrittori. Inoltre, ha imparato diverse lingue. Frequenta la società di New York e all'età di 20 anni scrive a Critica letteraria pubblicato in forma anonima sulla rivista letteraria e teologica di New York.

En 1843 Giulia Ward si è sposato con il medico e abolizionista Samuel Gridley Howe (1801-1876). Nonostante il fatto che Samuel ammirasse Julia per le sue idee e condividessero la stessa lotta contro la schiavitù, dopo il matrimonio non le permise di vivere fuori casa, quindi non poteva partecipare a cause pubbliche o gestire i suoi beni. Inoltre vivere isolato, Julia ha vissuto Sometida a un uomo violento e controllante che ha minacciato di portare via i suoi figli se avesse insistito per il divorzio.

Mentre si prendeva cura dei suoi figli, si dedica all'autoeducazione, studiando filosofia e storia. Sopra 1854 Julia ha pubblicato in modo anonimo una raccolta di poesie intitolata Fiori della passione, un verso in cui ha scaricato la sua sofferenza e l'infelicità domestica e la mancanza di apprezzamento di suo marito. Ben presto la sua paternità fu conosciuta e suo marito la considerò una sfida e un tradimento, e raggiunsero un accordo con il quale rilasciato dalle richieste del marito e si è assicurata il proprio reddito. Fu allora che divenne più coinvolto nella scrittura e nella vita pubblica.

En 1862 Julia Ward ha pubblicato la poesia Inno di battaglia della Repubblica, con cui è diventata nota, e la sua fama le ha portato ancora più autonomia, così le sue ambizioni hanno cominciato a diventare realtà. Da quel momento in poi è diventata un membro attivo del movimento per i diritti delle donne, così come del suffragio femminile.

Nel 1870 scrisse il Proclamazione della festa della mamma, un appello alle donne del mondo affinché si uniscano per la pace e il disarmo. Ha organizzato conferenze di pace negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Ha inoltre promosso la creazione di una giornata dedicata alle Donne e alla Maternità: la Festa della Mamma, come simbolo di unione e pace. Ma allora non ebbe successo, sebbene questa iniziativa fu ripresa da un'altra donna, Anna Jarvis, che riuscì a istituire ufficialmente la festa della mamma nel 1914. Dal 1872 al 1879, Julia si unì a Lucy Stone e suo marito Henry Brown Blackwell nel montaggio Diario delle donne, quotidiano settimanale che la coppia aveva fondato nel 1870, a Boston.

Quando rimase vedova nel 1876, Julia Ward aveva già una carriera tutta per sé, in cui eccelleva come predicatrice, riformatrice, scrittrice e poetessa.

Julia Ward ha viaggiato per il mondo tenendo conferenze sulla promozione dei diritti delle donne e della riforma dell'istruzione. Era autrice di saggi, libri di narrativa per bambini, libri di viaggio, poesie, una biografia di Margaret Fuller (1883) e un'autobiografia intitolata saluti (1899). Alcune delle sue opere non videro la luce fino a dopo la sua morte come Leonora o il mondo stesso (1917) y Sant'Ippolito (1941).

Nel 1908 fu il prima donna eletta all'American Academy of Arts and Letters.

Julia Ward Howe morì nel 1910.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.