Juan de Mena

Citazione di Juan de Mena.

Citazione di Juan de Mena.

Juan de Mena (1411-1456) è stato uno scrittore spagnolo che si è distinto per la sua ricerca di un vocabolario poeticamente elevato in castigliano. Il suo lavoro più noto è Labirinto fortuna, in lei sono evidenti i tratti di una lirica colta, un po 'rigida e invariabile. Pertanto, il suo stile privilegia un contenuto sublime a scapito di un'espressione più comune e attuale.

Sebbene il suo lavoro sia stato inquadrato dalla maggior parte degli studiosi come parte del periodo prerinascimentale, la sua metrica mostra il "sovraccarico" tipico del barocco. Nello specifico, pur andando avanti da più di cento anni, la poesia di Juan de Mena si sposa perfettamente con le caratteristiche culteranismo

Biografia

Nato a Córdoba nel 1411, rimase orfano in tenera età. Secondo fonti come writer.org, "l'assenza di documentazione sui suoi genitori fa sospettare che avesse un'origine ebrea convertita". Nel 1434 si laureò all'Università di Salamanca con il grado di Master of Arts. Nel 1441 Mena si recò a Firenze come parte del seguito del cardinale de Torquemada.

Da lì si trasferisce a Roma per completare la sua formazione umanistica. Due anni dopo è tornato in Castiglia per servire Giovanni II come segretario dei necrologi latini. Al suddetto monarca, Juan de Mena ha dedicato la sua poesia più famosa, Labirinto della Fortuna. Nel 1444 fu nominato cronista del regno, anche se alcuni storici contestano la sua paternità delle cronache di Giovanni II.

Problemi personali

Ci sono pochi documenti affidabili e un gran numero di incertezze sulla vita sentimentale e privata di Juan de Mena. Tra queste "voci", si ritiene che durante la sua giovinezza abbia sposato una giovane donna di buona famiglia di Córdoba. Tuttavia, il nome della donna non è stato nemmeno determinato con precisione e la coppia non sembra aver avuto discendenti.

D'altra parte, Marina de Sotomayor è un'altra delle nobili femmine associate al poeta cordovano. Ma gli storici non sono mai stati unanimi nel determinare se fosse nel ruolo di (seconda) moglie o amante. Non ci sono nemmeno registrazioni ufficiali di bambini riconosciuti da Juan de Mena.

Un poeta ossessionato dal suo lavoro e legato all'aristocrazia

Juan de Mena è stato descritto da eminenti intellettuali del suo tempo, tra cui Alonso de Cartagena e Juan de Lucerna, come un uomo ossessionato dalla poesia. A tal punto che molte volte ha trascurato la sua salute per questo. Allo stesso modo, ha sviluppato una stretta amicizia e ha condiviso gusti letterari con personalità come Álvaro de Luna e Íñigo López de Mendoza, marchese di Santillana.

Proprio attorno alla figura di quest'ultimo aristocratico Juan de Mena ha scritto I cinquanta. È una poesia molto diffusa dalla sua pubblicazione (1499)Anche conosciuto come Incoronazione del Marchese di Santillana. In realtà, la base di questo lavoro è stata scritta in prosa, Commento all'incoronazione (1438).

La poesia di Juan de Mena

Coplas contro i sette peccati capitali o Ragionare con la morte era l'ultima poesia scritta da lui. L'opera fu completata postuma, poiché Juan de Mena non poté terminarla prima della sua morte a Torrelaguna (Castiglia), nel 1456. Tuttavia, Fino alla sua ultima opera il poeta spagnolo mantenne una consistenza stilistica abbastanza solida, coerente con le poesie dei suoi predecessori.

Caratteristiche e stile

  • Metro a dodici sillabe, privo di ritmo, con poca flessibilità e accenti monotoni ogni due sillabe non accentate.
  • Poetica nell'arte superiore con terminologia sofisticata. Inoltre, alcuni dei suoi scritti presentano versi di otto sillabe di complessità simile.
  • Cultismi e neologismi attraverso parole portate direttamente dal latino (senza modifiche).
  • Uso frequente dell'iperbato, così come dei verbi al participio presente e all'infinito.
  • Uso di arcaismi per adattarsi alla metrica.
  • Retorica deliberatamente barocca - sovraccarica - di amplificazioni: perifrasi (deviazioni o evasioni), epanalepsis, ridondanze (anafora), chiasmi, duplicati o polyptoton, tra gli altri.

labirinto de Fortuna o I trecento

Si compone di 297 distici nell'arte maggiore. Secondo Ruiza et al. (2004) quest'opera è “considerata uno degli esempi più riusciti della tendenza allegorico-dantesca sorto nella letteratura spagnola del XV secolo, il Labirinto della Fortuna si distingue per l'uso dell'arte maggiore, il suo ritmo sonoro e il linguaggio eloquente ed elaborato ”.

A parte il suo simbolismo, il significato del testo risiede nella descrizione appassionata di eventi storici che cercano di fare appello al patriottismo iberico. Perciò, l'intenzione del poeta spagnolo di generare un sentimento di unità nazionale rappresentato dal re Giovanni II è molto palpabile.

chiaroscuro

Labirinto della fortuna.

Labirinto della fortuna.

Puoi acquistare il libro qui: Labirinto della fortuna

Questo lavoro dimostra l'ossessione del poeta cordovano per la preparazione di una letteratura raffinata. Si distingue per l'uso misto di stanze di arte maggiore (dodici sillabe) e arte minore (ottosillabi). Allo stesso modo, Nel suo contenuto, le nozioni di concettualismo sono evidenti in un contesto veramente oscuro e liricamente intenso.

La prosa di Juan de Mena

Come con la sua opera poetica, Juan de Mena ha usato un lessico latinizzante nella sua prosa. Per questo motivo, il suo modo di scrivere è stato più volte accennato dagli umanisti rinascimentali Hernán Núñez ed El Brocense. Oltre a quanto sopra Incoronazione del Marchese di Santillana, lo scrittore spagnolo ha adattato il IliadeIntitolata Homer romance (1442).

Allo stesso modo, dedicato al re Giovanni II, Homer romance fu molto lodato e di successo durante il XV secolo, perché rappresentava una versione sintetizzata del Iliade originale. Allo stesso modo, storici e accademici di epoche diverse hanno accettato di lodare la preparazione del prologo di questo libro per la sua straordinaria concezione artistica.

Altra importante prosa di Juan de Mena

Nel 1445 ha scritto Trattato sul titolo del Duca, un testo relativamente breve di carattere formale e cavalleresco. Juan de Mena ha scritto questo documento in onore del nobile Juan de Guzmán, dopo essere stato proclamato Duca di Medina Sidonia dal re Juan II. Infine, Memoria di alcuni antichi lignaggi (1448) è l'ultima opera in prosa conosciuta dell'intellettuale spagnolo.

Quest'ultimo è un testo relativo al vero albero genealogico (con i rispettivi emblemi) di Giovanni II. Ulteriore, Juan de Mena ha preparato la prefazione al libro di Álvaro de Luna, Libro delle donne chiare e virtuose. Lì, elogia il suo amico e protettore per il suo coraggioso difensore di quelle donne che erano state oggetto di commenti offensivi in ​​diverse pubblicazioni dell'epoca.

Poesie di Juan de Mena

confronto

(CVIII)

"Va bene come quando un malfattore,

nel momento in cui godono di un'altra giustizia,

la paura del dolore lo rende cobdicia

da allora in poi per vivere meglio,

ma la paura è passata da lui,

tornare ai suoi vizi come prima cosa,

è così che mi hanno spinto alla disperazione

desideri che vogliono che l'amante muoia ”.

Canta di Macias

(CVI)

"Gli amori mi hanno regalato una corona di amori

perché il mio nome per più bocche.

Quindi non era il mio peggior male

quando mi danno piacere dai loro dolori.

Dolci errori conquistano il cervello,

ma non durano sempre un secondo dopo il piacere;

Beh, mi hanno fatto sentire male il fatto che tu cresca

sappiate non amare l'amore, amanti ”.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.