José Calvo Poyato. Intervista all'autore de La travesía final

Fotografia: José Calvo Poyato. (c) Pepe Travesía. Per gentile concessione di Ingenio de Comunicaciones.

Jose Calvo Poyato ha una lunga carriera come scrittore di opere storiche popolari e come romanziere, tra i cui titoli ci sono L'incantesimo del re, Evocazione a Madrid, La Bibbia Nera, The Dragon Lady o Il sogno di Ipazia, tra gli altri. Grazie mille per il tempo che ci hai dedicato intervista dove ci racconta il suo ultimo romanzo, Il viaggio finalee su altri argomenti.

José Calvo Poyato - Intervista

  • NOTIZIE DI LETTERATURA: hai appena pubblicato un nuovo romanzo sul mercato, Il viaggio finale. Cosa ci dici in esso? 

Il viaggio finale è, in un certo senso, a continuazione del sentiero infinito, in cui è stato contato il primo giro del mondo di Juan Sebastián Elcano. Ora, il marinaio spagnolo, nato a Getaria, diventa il centro del romanzo in cui si racconta cosa gli è successoDopo aver girato il mondo per la prima volta, perché Elcano scompare dai manuali di storia e il personaggio sembra abbastanza importante per farci sapere cosa gli è successo. A questo si aggiunge che quegli anni successivi al primo giro del mondo sono stati ricchi di grandi eventi della nostra storia. 

  • AL: Puoi tornare alla memoria del primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

Il primo libro che ho letto è stato una storia delle crociate. Era uno di quei libri di Editorial Bruguera in cui il testo era combinato con il fumetto. Il fumetto è stato letto per primo. A volte solo il fumetto. Eravamo bambini di sette o otto anni. Penso che me l'hanno regalato quando ho fatto la prima comunione, non avevo ancora compiuto sette anni.

La prima storia che ho scritto e quello che è diventato un libro è stato uno studio storico sulla crisi del Seicento nella mia città: La crisi del Seicento nella Villa de Cabra. Ha vinto un premio ed è per questo che è stato pubblicato. Sono passati alcuni anni da allora.

  • AL: Qual è stato il primo libro che ti ha colpito e perché?

Ricordo che mi hanno impressionato, da adolescente, i libri di Martín VigilCome La vita incontra. Anche quelli di Maxence Van der Meersch, come Corpi e anime! Come storico, ricordo che un'estate lessi tutto il Episodi nazionali di Galdós. Sono rimasto impressionato. Penso che la lettura decisamente influenzato che Ho finito per essere uno storico e Ero appassionato del romanzo storico. All'epoca non mi era mai passato per la mente che un giorno sarei stato io a scriverle. 

  • AL: Chi è il tuo scrittore preferito? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche.

Ho già accennato a ciò che supponeva don Benito Pérez Galdós. Sono appassionato di Quevedo e dei grandi romanzieri dell'Ottocento come Honoré Balzac o Victor Hugo. Tra gli scrittori attuali, i miei preferiti sono Jose Luis Corral, vero maestro del romanzo storico. Le prove di Juan Eslava Galán e le opere di Don Antonio Domínguez Ortiz sulla Spagna degli Asburgo e il XVIII secolo.

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

Madame Bovary. Mi sembra che sia uno dei personaggi più disegnati della letteratura di tutti i tempi. Non lasciato indietro Lazzaro, il protagonista di Il Lazarillo de Tormeso Sancio Panza. Entrambi mi sembrano fantastici per i loro riferimenti e gli eventi della vita. 

  • AL: Qualche abitudine speciale durante la scrittura o la lettura?

Di solito mi isola discreto, permettendomi di scrivere in posti dove ci sono altre persone che chattano. Ecco perché scrivo spesso in cucina da casa mia, centro di raccolta familiare. Quando apporto la correzione finale di un testo per consegnarlo alla stampa, di solito mi isola e leggo senza interruzioni. A volte scrivo —La scrittura è la fase finale del processo di scrittura— per molte settimane e possono esserci squilibri, cambiamenti di ritmo, che devono essere corretti. Quindi preferisco essere solo e isolato.  

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo?

Come ho già sottolineato, posso farlo ovunque e ora Non ho momenti preferiti. C'erano momenti in cui preferiva scrivere di notte. Ma nel tempo l'ho concluso dovrebbe essere scritto quando si è a proprio agio, sciolti. A volte si insiste per scrivere —Nel senso della scrittura - e le idee non fluiscono. In quei momenti è meglio lasciarlo. Ci sono momenti in cui, al contrario, tutto viene facilmente e devi approfittarne.

  • AL: Altri generi che ti piacciono?

Oltre ai romanzi storici, leggo molto saggio storico; dopotutto, sono uno storico. Ho anche letto romanzo neroentrambi classici del tipo Dashiell Hammett o Vázquez Montalbán come un romanzo poliziesco attuale. Molti lettori sostengono che nei miei romanzi c'è sempre una trama nera che, senza essere propriamente storica, è plausibile e quindi si inserisce bene nel quadro storico del romanzo. 

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

ho finito Infinito in una cannadi Irene Vallejo. sto leggendo Armi della Luce, di Sanchez Adalid e La regina dimenticatadi José Luis Corral. Stai aspettando una biografia di Carlos III. Cerco informazioni su aspetti poco conosciuti del XVIII secolo spagnolo nella sua seconda metà. 

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale per tanti autori quanti sono o vuoi pubblicare?

Forse lo è più complicato negli ultimi anni. La crisi iniziata nel 2008 ha colpito molto il mondo dei libri. Gli scrittori molto bravi sono rimasti senza un editore. È stato molto difficile. attualmente ci sono molti scrittori che hanno l'illusione di pubblicare, ma le possibilità sono limitate. C'è la possibilità del desktop publishing, ma in quel caso la distribuzione fallisce, il che è essenziale. Peccato che tante storie, molto belle e ben raccontate, non vedano la luce o la vedano in modo molto limitato.

  • AL: Il momento di crisi che stiamo vivendo è difficile per te o sarai in grado di mantenere qualcosa di positivo per i romanzi futuri?

La crisi epidemica che stiamo vivendo è essere molto difficile. Non solo per i defunti e gli ammalati che hanno difficoltà a riprendersi. Anche a causa di ciò che comportano reclusione, restrizioni, immobilità o mobilità molto relativa. È qualcosa che la nostra società non si aspettava. Queste epidemie hanno colpito altre parti del pianeta, ma non erano un problema in Europa.

Per me personalmente è stato sopportabile. Vivo in una casa di città   —Tutto un lusso in queste circostanze - y la professione di scrittore è molto solitaria, anche se a volte scrivo, nel bel mezzo di una riunione di famiglia. Penso che possiamo trarre conclusioni da ciò che sta accadendo in quanto siamo più vulnerabili di quanto pensassimo, che ll'umiltà è altamente raccomandata o che la pazienza, in una società dominata dalla velocità e dall'immediatezza, è conveniente che impariamo a coltivarla.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Sixto Rodríguez Hernández suddetto

    Ebbene, cercherò l'opera di questo scrittore perché quello che mi piace di più è il romanzo storico ei libri di storia.
    saluti