Roberto Corral. Intervista all'autore di Gala de Hispania

Roberto Corral ci rilascia questa intervista

Roberto Corral. Fotografia: sito dell'autore

Robert Corral è nato a Madrid nel 1961) e si è laureato in Storia dell'Arte. La sua vita professionale si è sviluppata in insegnamento. La sua carriera letteraria è iniziata con a libro di storie per bambini e ha già pubblicato due romanzi: Il percorso delle ossa y L'odore delle onde, che è stato finalista per il Premio Nadal.

Ora unisce la passione per la scrittura alla direzione di CULTUREST, a Scuola di spagnolo e cultura spagnola per stranieri. Il suo ultimo romanzo è Gala dell'Hispania. Regina e schiava, dove entra per la prima volta nel genere storico con il ritratto della figura di Elia Gala Placidia, che fu regina dei Goti e imperatrice di Roma, figlia, moglie, sorella e madre di imperatori, ma anche ostaggio e schiava. È andata molto bene perché ha vinto l'ultimo Premio Edhasa per le narrazioni storiche. In questo intervista Ci racconta di lei e di tante altre cose. Ti ringrazio per il tuo tempo e la tua gentilezza.

Roberto Corral – Intervista

  • ACTUALIDAD LITERATURA: Nel tuo ultimo romanzo, Gala de Hispania, tocchi per la prima volta il genere storico. Cosa ci dici e perché sarà interessante? 

ROBERTO CORRAL: Sarà interessante, sicuramente, perché Si tratta di un personaggio dalla vita tortuosa e allo stesso tempo avventurosa.. Inoltre, perché riguarda la vita di una donna straordinaria incomprensibilmente sconosciuta nonostante le mille vicissitudini che circondarono la sua esistenza. Allo stesso modo, susciterà interesse l’epoca in cui visse: il V secolo, un secolo cruciale per l’Impero Romano (prima la sua divisione; poi, la sua caduta definitiva) e per la formazione di quella che sarà la futura Europa. E sarà interessante anche e soprattutto perché è a storia delle persone, di ciò che hanno vissuto, sofferto e amato. Nel romanzo si può sentire e perfino toccare l'amore: l'amore tra Helpidia e Gala, l'amore tra Maia e Helpidia, l'amore tra Gala e Ataúlfo... E l'amore degli altri attrae sempre perché evoca il nostro. Sì, senza dubbio, sarà interessante.

  • AL: Ricordi qualcuna delle tue prime letture? E la prima cosa che hai scritto?

RC: Anche se può sembrare strano, la mia prima grande lettura è stata la Iliade. Ricordo che il mio maestro, Don Agustín, mi prestò il libro. Mi è sembrato un atto di grande fiducia e l'ho sfogliato con estrema cura affinché le pagine non si rovinassero e potessi restituirlo nello stesso modo in cui l'ho ricevuto. Credo di non aver capito molto (avevo nove anni), ma la mia voglia di imparare era già risvegliata.

Per quanto riguarda la prima cosa che ho scritto, lo è stata una storia per i miei figli qualificato Gulo, l'elefantessa anoressica. Successivamente a queste furono aggiunte altre quattro storie e la casa editrice Messenger pubblicò un libro con le cinque.

  • AL: Un autore di primo piano? Puoi sceglierne più di uno e tra tutti i periodi. 

RC: Amin maalouf, Paolo ostrica e luglio Verne, nella mia giovinezza.

Personaggi e costumi

  • AL: Quale personaggio ti sarebbe piaciuto incontrare e creare? 

RC: Incontro il mio idolo d'infanzia: il principe Ben-Hur. Quanto alla creazione, a Vito Corleone.

  • AL: Qualche abitudine o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere? 

RC: Vado sempre a letto con un taccuino nel cassetto del comodino di notte per annotare rapidamente le idee che mi vengono in mente prima di andare a letto o durante la notte. Un'altra usanza è scrivere tovaglie di carta nei bar dove mangio abitualmente.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo? 

RC: Scrivi notte nell'angolo destro del divano dal mio soggiorno (casa mia), con il mio perro ai piedi. Alcuni scrittori sono accompagnati dalle loro muse (che fortuna!), il mio cane lo fa per me. Russa e di solito non mi dà una sola idea.

  • AL: Quali altri generi ti piacciono? 

RC: Il classico e il romanzo comico.

Outlook attuale

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

RC: In questo momento sto leggendo La tesi di Nancy, di Ramón J. Sender. E Ho iniziato un altro romanzo storico. Sono in una fase molto iniziale: raccolgo e organizzo la documentazione e scrivo singole frasi, idee... Il protagonista questa volta sarà Romolo Augustolo, ultimo imperatore dell'Impero Romano d'Occidente. Continuerò cioè a immergermi in quell'emozionante V secolo di cui ho parlato all'inizio.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale?

RC: Non lavoro in una casa editrice, ma penso le nuove tecnologie stanno influenzando. Dobbiamo avere fiducia che i buoni libri e i buoni lettori non manchino mai.

  • AL: Come stai gestendo il momento attuale in cui viviamo? 

RC: In attesa delle tante similitudini con la caduta dell'Impero Romano: i movimenti migratori, la fragilità delle istituzioni, la tendenza alla frammentazione territoriale, il paganesimo del V secolo sarebbe paragonabile all'atonia religiosa del secolo in cui viviamo, alle guerre e alle situazioni prebelliche... Ci serve solo Attila.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.