Intervista a David Zaplana e Ana Ballabriga: quando il successo arriva a quattro mani.

Il genere nero-romantico sta colpendo duramente con i lettori di thriller che fuggono dalla violenza estrema.

Il genere nero-romantico sta colpendo duramente con i lettori di thriller che fuggono dalla violenza estrema.

Abbiamo il privilegio e il piacere di avere oggi sul nostro blog con David zaplana (Cartagena, 1975) e Ana Ballabriga, (Candasnos, 1977), due scrittrici del genere nero, Vincitori di Amazon Indie Award con il suo romanzo Nessun vero scozzese, che ora stanno entrando in questo nuovo genere letterario che combina il romanzo rosa con il romanzo poliziesco e questo sta iniziando a colpire molto duramente tra i lettori, con Sono Rose Black.

Notizie dalla letteratura: Noi scrittori abbiamo la reputazione di essere soli, timidi e anche un po '"strani" Come fai a scrivere a quattro mani? Il profilo dello scrittore sta cambiando nel XNUMX ° secolo?

David Zaplana e Ana Ballabriga: Conosciamo già alcune coppie di scrittori che scrivono a quattro mani, anche se è evidente che non è ancora molto comune. Il lavoro di uno scrittore è molto solitario e condividerlo con un'altra persona (nel nostro caso, con la coppia) lo rende più sopportabile, perché hai un progetto comune di cui parlare e affrontare insieme i problemi che si presentano. Inoltre, quando si scrive in coppia, i viaggi promozionali (presentazioni, festival, ecc.) Sono più divertenti.

La parte negativa, tra virgolette, è che devi imparare a negoziare, ad accettare le critiche ea scartare idee che ti sembrano molto buone, ma non agli altri. Tuttavia, crediamo che il risultato che si ottiene lavorando insieme sia sempre migliore che da soli. Quando scrivi a quattro mani devi rinunciare al tuo ego, smetti di essere un artista per diventare un artigiano.

AL: Hai iniziato a scrivere più di 10 anni fa, facendoti conoscere attraverso l'auto-pubblicazione con grande successo, vincendo il concorso Amazon Indie 2016 con No True Scotsman. Cosa ha significato questo premio nella tua carriera letteraria?

DZ E AB: In realtà scriviamo da più di vent'anni. Il nostro primo romanzo (Attraversato nel tempo) non è stato pubblicato e i due successivi (Dopo il sole di Cartagena y Morbido gotico), le pubblichiamo con piccoli editori. L'esperienza è stata molto buona per quanto riguarda il trattamento personale, ma la distribuzione è fallita: i libri non sono arrivati ​​in libreria. Questo è il problema principale per i piccoli editori. Così abbiamo deciso che il prossimo avremmo dovuto pubblicare in un grande editore. Finito Il paradosso del bibliotecario cieco negli anni più duri della crisi e abbiamo cominciato a inviarlo alle grandi case editrici, ma la risposta era sempre la stessa: "Mi dispiace dirti che il tuo lavoro non rientra nella nostra linea editoriale". Quindi lo mettiamo in un cassetto. Nel 2015 abbiamo finito un altro romanzo, Nessun vero scozzese. Abbiamo ricominciato il viaggio delle spedizioni ad editori e agenzie letterarie riconosciute con lo stesso risultato. Testimone della nostra frustrazione, un'amica (Blanca, alla quale saremo sempre grati) ha costantemente insistito sul fatto che il futuro fosse nelle piattaforme digitali e, in particolare, in Amazon, per la facilità con cui autopubblicarsi. Quindi abbiamo deciso di provarlo. Abbiamo caricato i nostri primi tre romanzi per vedere come funzionavano, riservando gli altri due nel cassetto. E dopo diversi mesi di ricerca nei forum, promozione sui social network e utilizzo degli strumenti che Amazon mette a tua disposizione, con nostra sorpresa, i libri hanno iniziato ad essere venduti. Soprattutto, Dopo il sole di Cartagena, che ha tenuto il primo dei bestseller per diversi mesi. È stato allora che ci è arrivato un messaggio che annunciava il concorso Amazon Indie e abbiamo deciso di presentare Nessun vero scozzese con cui (ancora non ci crediamo) siamo riusciti a vincere tra più di 1400 candidati.

Vincere il concorso è stato un enorme impulso. La prima sorpresa è stata che siamo stati invitati a partecipare al FIL a Guadalajara (Messico) per presentare il nostro romanzo. È stata un'esperienza incredibile, ma la cosa più importante che ci ha portato il premio è stata trovare un buon agente e pubblicare con Amazon Publishing. Questo premio ci ha dato visibilità, contatti e ci ha aperto le porte. Ora, quando finiamo un romanzo, sappiamo che è più facile pubblicarlo.

AL: Dopo due romanzi gialli, anche duri, nell'ultimo si entra in un nuovo genere, a metà tra il romanzo giallo e il romanzo romantico. Sono passati alcuni anni da quando i romanzi polizieschi in stile nordico interpretati da assassini psicopatici che uccidono per il piacere di vedere il dolore negli occhi della vittima hanno cominciato ad avere un'attrazione tra i lettori. I lettori ora chiedono un romanzo giallo più dolce?

DZ E AB: Penso che ci siano lettori di tutto. Quasi a tutti piacciono le storie di mistero, ma non a tutti piacciono le storie difficili che ti fanno passare un momento difficile o riflettono sulla durezza della realtà che ci circonda. Rose Black è una storia comoda da leggere e quindi crediamo che possa raggiungere un pubblico molto più ampio rispetto ai nostri libri precedenti.

Tuttavia, non abbiamo deciso di fare in modo che Rose Black vendesse di più. Ci piace provare cose diverse e che i nostri romanzi siano molto diversi. Se c'è qualcuno che ci segue, non vogliamo annoiarlo raccontandogli sempre la stessa storia. Avevamo scritto in precedenza diversi romanzi romantici che abbiamo autopubblicato con uno pseudonimo. Rose Black è emersa come la fusione di entrambi i mondi, rosa e nero, il romanticismo e il romanzo giallo.

AL: Parlaci del tuo nuovo protagonista. La sua prima storia si intitola I am Rose Black. Chi è Rose Black?

DZ E AB: Rose Black è un avvocato che compie 40 anni e (come accade a molti di noi quando raggiungiamo questa età) si chiede cosa abbia fatto della sua vita fino ad allora.

Il primo ragazzo di Rose è scomparso quando lei aveva vent'anni senza lasciare traccia. Ossessionata dal caso, ha seguito dei corsi per diventare un investigatore privato, ma alla fine ha iniziato a lavorare come avvocato e non ha mai ottenuto la licenza. Ora un cliente le chiede di scoprire se suo marito le è infedele e Rose vede un'opportunità per riprendere un sogno che si era lasciata alle spalle da tempo. Rose a quarant'anni fa ciò che la maggior parte delle persone non osa: smette di compiere anni e inizia a realizzare i suoi sogni.

Sul piano sentimentale Rose considera la possibilità di avere figli, ma sa che con il suo attuale compagno sarà molto difficile: Pedro è un uomo meraviglioso, bello e ricco, ma è divorziato e ha già due figlie. Dall'altra c'è Marc Lobo, il poliziotto incaricato di indagare sulla scomparsa di Alex. Marc rappresenta la possibilità di un nuovo amore.

In altre parole, Rose è combattuta tra un amore del passato, un amore presente e un possibile amore futuro.

AL: Rose Black è qui per restare? Scommetti su un protagonista che dura nei tuoi romanzi?

DZ E AB: Sì, Rose Black è nata con l'intenzione di diventare una saga. Stiamo infatti già terminando la seconda parte, che sarà sicuramente pubblicata dopo l'estate. Ogni romanzo si conclude da solo, anche se ci sono alcune trame che rimangono aperte fino alla fine della saga.

Un'altra cosa che ci interessava molto era la letteratura metal. Ecco perché abbiamo inventato che Rose è la figlia di un noto scrittore di romanzi gialli, Benjamin Black, e che uno dei suoi amici vuole diventare uno scrittore di romanzi rosa. Ci ha dato un gioco per parlare del mondo degli scrittori e persino ridere di noi stessi.

AL: Primo romanzo di un editore: Versatile. Prima di allora, entrambi già noti nel settore letterario, assidui a incontri di grande attualità nel genere come la Settimana Nera di Gijón e molti altri. Come vivi ora il passaggio dall'autopubblicazione alla pubblicazione convenzionale?

DZ E AB: Ogni mondo ha le sue cose buone e cattive. Quando autopubblichi, devi occuparti di tutto: scrittura, correzioni, impaginazione, design della copertina, marketing ... La cosa buona di avere un editore alle spalle è che ti toglie molti di questi compiti e, soprattutto, il distribuzione nelle librerie.

La cosa migliore dell'autopubblicazione, almeno con Amazon, è che puoi conoscere istantaneamente i tuoi dati di vendita e addebitare dopo due mesi, mentre con un editore tradizionale devi aspettare un anno intero.

AL: Come sono David e Ana come lettori? Simile nei gusti o diverso? Quali sono i libri della tua biblioteca che rileggi ogni pochi anni? Qualche autore che ti appassiona, uno di quelli da cui compri i loro romanzi non appena vengono pubblicati?

Sono Rose Black, una storia che combina il genere noir e il romanzo rosa.

DZ E AB: In generale, siamo abbastanza d'accordo sui gusti (suppongo sia perché stiamo insieme da molti anni) e così come siamo interessati agli stessi argomenti quando scriviamo, siamo d'accordo quando leggiamo. Penso che entrambi abbiamo imparato a raccontare storie leggendo Agatha Christie, Jules Verne o Stephen King, per esempio. Ora abbiamo alcuni scrittori di riferimento, come Dennis Lehane, che in alcune delle sue storie solleva dilemmi morali capaci di scuoterti dall'interno. Ci è piaciuta molto la trama di Sporco e malvagio di Juanjo Braulio; e seguiamo Almudena Grandes per il suo stile attento o Javier Cercas per il suo modo intelligente di presentare le storie.

AL: Nonostante l'immagine tradizionale dello scrittore introverso, rinchiuso e senza esposizione sociale, c'è una nuova generazione di scrittori che twittano ogni giorno e caricano foto su Instagram, per i quali i social network sono la loro finestra di comunicazione sul mondo. Com'è il tuo rapporto con i social network?

DZ E AB: Quando il libro viene pubblicato sei immerso in una serie di interviste, presentazioni, tavole rotonde, festival, ecc. in cui bisogna saper intrattenere e conquistare il pubblico. Se le persone ti vedono lì e pensano che non puoi parlare, penseranno anche che non puoi scrivere, anche se non c'entra niente.

Oggi lo scrittore deve essere un uomo di spettacolo, piaccia o no, e i social media ne fanno parte mostrare attraverso le sue creazioni. Ana è più attiva nelle reti, ma è evidente che oggigiorno sono una parte essenziale della promozione. UN Tweet un influencer con milioni di follower puoi inserire un libro nel file top di tutte le classifiche di vendita. Ricordo il caso di La ragazza sul treno che è diventato un file bestseller dopo che Stephen King ha scritto su Twitter che non era stato in grado di metterlo giù per tutta la notte.

AL: Pirateria letteraria: una piattaforma per i nuovi scrittori per farsi conoscere o danni irreparabili alla produzione letteraria?

DZ E AB: Sono contrario alle piattaforme che offrono libri piratati (o film o musica) e traggono profitto dal lavoro di altri attraverso la pubblicità o altri mezzi. Tuttavia, non sono contrario alle persone che non possono permettersi di pagare per un libro scaricandolo e leggendolo. Anche se, in realtà, possono farlo anche in biblioteca. Esistono già librerie che consentono di scaricare il file ebook completamente legale e gratuito.

L'hacking è lì e devi conviverci. Per me ha una buona parte: coinvolge la democratizzazione della cultura. Ma credo anche che ogni persona dovrebbe essere responsabile delle proprie azioni e questo può essere raggiunto solo attraverso l'istruzione. Se puoi permetterti di pagare per leggere un libro, pagalo, perché altrimenti gli scrittori non potranno continuare a scrivere, né gli editori a pubblicare.

AL: Carta o formato digitale? Sei d'accordo?

DZ E AB: Sì, siamo d'accordo. Prima di entrare nel mondo di Amazon, eravamo molto contrari al digitale. Ma da quando abbiamo acquistato l'e-reader, abbiamo praticamente letto solo in ebook. Una volta che ci si abitua, è molto più comodo, anche se ha anche i suoi svantaggi, come che non si vede la copertina del libro ogni volta che lo si prende in mano o che è più difficile tornare indietro, se si bisogno di cercare qualcosa.

AL: Imprenditori, genitori, sposi e scrittori professionisti, qual è la tua formula?

DZ E AB: Dormi poco, hahaha. Ci alziamo alle 6 del mattino per fare un'ora per scrivere e leggere la sera, dopo aver messo a letto i bambini. Il resto della giornata lo trascorrevamo impegnati tra lavoro e genitorialità.

AL: Per finire, vi chiedo di dare ai lettori un po 'di più di voi stessi: quali cose sono successe nelle vostre vite e quali cose volete che accadano d'ora in poi? Sogni realizzati e ancora da realizzare?

DZ E AB: I nostri figli ei nostri libri sono stati finora i nostri più grandi successi. Vincere il premio Amazon è stato un sogno diventato realtà. Continuando a sognare, vorremmo, un giorno, riuscire a guadagnarci da vivere di letteratura. E a livello personale, convincere i nostri figli a diventare brave persone, persone di beneficio.

Grazie, David Zaplana e Ana Ballabriga, Ti auguro di continuare a raccogliere successi in ogni nuova sfida e altro Sono rosa nera sii il primo di una grande saga di magnifici romanzi che ci farà godere i tuoi lettori.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.