In una giornata come quella odierna, François Mauriac, Premio Nobel, morì nel 1952

In una giornata come quella odierna, François Mauriac, Premio Nobel, morì nel 1952

Nell'anno 1970, ma In questo giorno François Mauriac, vincitore del Premio Nobel, morì nel 1952. Questo autore francese nato a Bordeaux, oltre ad essere uno scrittore, è stato giornalista e critico, ed è stato considerato uno dei migliori scrittori cattolici del XX secolo.

Tra le sue distinzioni, spiccano le seguenti:

  • Nel 1933 fu nominato Membro dell'Accademia di Francia.
  • Nel 1952 fu proclamato Premio Nobel per la letteratura.
  • E infine, nel 1958, il Gran Croce della Legion d'Onore.

Le opere più eccezionali

Alcune delle sue opere più famose sono:

  • "Il bacio al lebbroso" (1922), il libro che lo ha consacrato.
  • «Genitrix » (1923).
  • "Il male" (1924).
  • "Il deserto dell'amore" (1925).
  • "Thérèse Desqueyroux" (1927).
  • "Destins" (1928).
  • «Nodo di vipere » (1932).
  • "Asmodeus" (il suo primo romanzo teatrale nel 1937).
  • «L'agnello" (1954).
  • «Un adolescente d'altri tempi» (1969).
  • "Maltaverne" (lavoro postumo pubblicato nel 1972).

Possiamo dirlo François Mauriac era uno di quegli scrittori che osavano fare qualsiasi cosa: da poesia (i suoi primi due libri erano poesie), fino a quando saggi, facendo un passo come non il romanzo e osando con lui teatro (In quest'ultimo ha ricevuto alcune critiche al suo lavoro).

Va anche notato che tra lavoro e lavoro è stato cronista sui giornali 'L'Écho de Paris », e successivamente in "Le Figaro '.

Frasi e aneddoti di François Mauriac

E continuiamo con un classico in Actualidad Literatura: raccogliamo alcune delle parole che questo grande scrittore ha lasciato nel mondo prima della sua partenza. E infine, un piccolo aneddoto-annotazione su un episodio della sua vita:

  • "Non ho voglia di giocare in un mondo in cui tutti imbrogliano".
  • "Un cattivo scrittore può diventare un buon critico, per lo stesso motivo per cui un cattivo vino può diventare anche un buon aceto".
  • "La morte non ruba i nostri cari. Al contrario, li conserva per noi e li immortala nella nostra memoria. La vita ce le ruba tante volte e sicuramente ».
  • "La maggior parte degli uomini sembrano grandi palazzi abbandonati: occupano solo poche stanze e hanno chiuso le ali dove non ti avventuri mai."
  • «Non confondere Gesù, il maestro, con i poveri che lo seguono da lontano. Non aspettarti che la sua incoerenza possa servirti eternamente come scusa ».
  • "Scrivere è ricordare, ma leggere è anche ricordare".
  • "Leggere, una porta aperta su un mondo incantato."
  • "È inutile che l'uomo vinca la Luna se vuole perdere la Terra".
  • "Quanto costa costruire castelli in aria e quanto è costosa la loro distruzione!"

E come annotazione della tua vita: Ha partecipato come autista di ambulanze alla prima guerra mondiale.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.