Il sì delle ragazze

Leandro Fernandez de Moratin.

Leandro Fernandez de Moratin.

Il sì delle ragazze È la più importante commedia teatrale del neoclassicismo spagnolo. Pertanto, rappresenta il montaggio di maggior successo sulle tavole dell'intera penisola iberica durante il XIX secolo. Questo pezzo è stato presentato in anteprima il 24 gennaio 1806 a Madrid. In totale, i calcoli stimano la presenza di circa 37.000 spettatori per sette settimane ininterrotte al Teatro La Cruz.

Insieme all'impressionante performance al botteghino, il titolo è diventato anche un fenomeno editoriale. Così tanto che un anno prima della sua prima, circolavano già almeno due edizioni. Inoltre, nel 1806 furono stampate diverse serie di copie aggiuntive. sia in Spagna che in nazioni come Francia e Italia. Ciò ha permesso a diverse società di far avanzare le proprie assemblee. In effetti, è stato fatto anche senza avvisare l'autore.

Leandro Fernández de Moratín: la mente

Leandro Fernandez de Moratin È uno dei più influenti drammaturghi spagnoli degli ultimi secoli e una figura di riferimento all'interno dell'Illuminismo castigliano. Nasce a Madrid il 10 marzo 1760 da una nobile famiglia delle Asturie. Cosa c'è di più, suo padre era il poeta Nicolás Fernández de Moratín. Questo ha rappresentato uno stimolo cardinale per entrare nel mondo delle lettere.

Durante la sua infanzia e adolescenza, Il fragile stato di salute di Leandro lo rendeva estremamente timido e riservato. Per questo i libri sono diventati il ​​suo rifugio e la sua finestra per conoscere il mondo. Alla fine, i suoi scritti sono diventati il ​​modo per mostrare e celebrare la sua esistenza al mondo.

Il drammaturgo del neoclassicismo spagnolo

Eccezionale poeta e scrittore di viaggi, Fernández de Moratín ha trovato nella drammaturgia il suo mezzo di espressione preferito. L'autore ha optato per la commedia, un sottogenere piuttosto rischioso per l'epoca. E sì, parliamo di tempi di chiusura cronologicamente con la fine del Età dell'oro spagnola. Inoltre, il periodo classico aveva riempito il palco di pezzi (per lo più) drammatici.

L'umorismo come risorsa riflessiva

Grazie alla sua originalità e determinazione, il drammaturgo madrileno è passato alla storia come autore dei pezzi più rappresentativi della fine del XVIII e dell'inizio del XIX secolo. Nello stesso modo, ha osato teorizzare l'importanza di far riflettere il pubblico attraverso la risata.

D'altra parte, Fernández de Moratín ha mostrato una predilezione per gli atti semplici e quotidiani. Perché - a loro avviso - oltre ad essere divertenti e divertenti, lasciano lezioni per analizzare e imparare. Come molti drammaturghi dei tempi precedenti, ha inteso il teatro come uno spettacolo con funzione educativa e moralizzante.

Semplicità in scena

Il drammaturgo ha applicato perfettamente i postulati teatrali nevralgici dell'Illuminismo: semplicità e unità, prima di tutto. Dove la diegesi e lo scorrere delle ore "reali" sono simili, entro un tempo determinato. Pertanto, durante i cambi di scena si verificano puntini di sospensione o intervalli.

Cioè, tutte le azioni si verificano in un unico spazio. I dialoghi e le azioni si sovrappongono ai set e agli effetti speciali. Là, i suoi personaggi rispondono (o cercano di rispondere) ai disegni della ragione. Pertanto, qualsiasi approccio superstizioso (sinonimo di ignoranza per l'autore) o interamente religioso viene respinto.

Il sì delle ragazze, un'opera controversa in anticipo sui tempi

Il sì delle ragazze.

Il sì delle ragazze.

Puoi acquistare il libro qui: Il sì delle ragazze

Tutte le caratteristiche di stile descritte nei due paragrafi precedenti sono osservabili in Il sì delle ragazze. Di conseguenza, parte delle tenute più conservatrici della società madrilena esprimeva disagio per le idee espresse dai personaggi di questo pezzo. Tuttavia, quando è stato rilasciato non c'era un re in Spagna o il tempo di censurare un'opera che placava le masse.

La forbición

Nel 1815 l'esercito invasore di Napoleone fu sconfitto e Ferdinando VII riguadagnò il trono. Poi, l'inquisizione fissò gli occhi sugli scritti di Fernández de Moratín. Il risultato: il divieto dei suoi pezzi più emblematici: Il sì delle ragazze y Il prude. Entrambi, pur non opponendosi apertamente ai dogmi cattolici, hanno messo in dubbio il potere della famiglia sui giovani.

Il vero amore

In particolare, Il sì delle ragazze parlare contro l'abitudine di sposare giovani donne con uomini più anziani, sovrapposizione di interessi economici. Questo problema viene criticato tra le righe e criticato per il numero di unioni infelici e matrimoni disfunzionali. Così come la mancanza di prole perché sono gentiluomini senza la capacità fisica di procreare.

Il vero amore, secondo il modo di pensare delle famiglie più tradizionali ritratte nella trama, non è altro che una sciocchezza. In altre parole, una fantasia infantile inutile e poco pratica nel mondo reale. Per più inri —del settore ecclesiastico—, Fernández de Moratín indica il clero come partner morale in questa aberrazione.

La trama

Don Diego è un ricco gentiluomo di 59 anni che si è innamorato di Doña Francisca, una fanciulla di appena 17 primavere. Nel bel mezzo di uno sfogo appassionato, chiede alla madre della giovane donna, Doña Irene, di permettergli di sposare sua figlia. Questa proposta gli sembra fantastica il capostipite, una vedova con tre matrimoni al seguito e 21 gravidanze abortite.

ovviamente, a quel tempo tali matrimoni significavano assicurare il futuro di un'intera famiglia. Ma Doña Francisca è innamorata di un altro uomo: Don Carlos (il nipote del suo fidanzato). Tuttavia, né lei né il suo amante osano contravvenire ai desideri degli anziani. Di conseguenza, si rassegnano ad andare avanti con le loro vite destinate all'infelicità e alla sofferenza.

Il sì delle ragazze: il trionfo dell'amore e della ragione

Frase di Leandro Fernández de Moratín.

Frase di Leandro Fernández de Moratín.

Scritto in prosa e con dialoghi brevi e precisi - salvo alcune lunghe esposizioni necessarie - il lavoro lascia una morale abbastanza chiara. Indica: Quando la ragione prevale sulla passione, la felicità è garantita a tutte le persone coinvolte. Anche in modi inaspettati.

Sulla base di questa premessa, il risultato finale permette il trionfo dell'amore nel miglior stile delle fiabe "… e vissero felici e contenti". Sebbene Fernández de Moratín affermi che per raggiungere questi propositi “maturi”, è necessario pensare con la mente e non con il cuore.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Gustavo Woltman suddetto

    Sembra molto attraente e la morale che traggono alla fine è semplicemente divina. Scrivere su questi temi durante quel secolo significava un atto di incommensurabile coraggio, lo scrittore correva il minimo rischio di essere censurato e il massimo di essere ucciso o torturato. Ottimo articolo.
    -Gustavo Woltman.