Il monte delle anime

Il monte delle anime.

Il monte delle anime.

Il monte delle anime è una delle storie di cui fanno parte Soria, una collezione dell'autore spagnolo Gustavo Adolfo Bécquer. Questa leggenda dell'orrore gotico fu pubblicata il 7 novembre 1861 sul giornale Il contemporaneo insieme ad altre sedici storie. Il lavoro è diviso in una breve introduzione, tre parti e un epilogo in cui il narratore aggiunge nuovi dettagli alla storia.

Racconta le disavventure di Alonso, un giovane cacciatore dall'atteggiamento innocente che è convinto facilmente da sua cugina Beatriz per andare al Monte delle Anime proprio durante la notte del Giorno dei Morti. Proprio il luogo meno adatto da visitare nel bel mezzo dei festeggiamenti di Ognissanti.

Chi l'Autore

Battezzato con il nome di Gustavo Adolfo Domínguez Bastida, nato il 17 febbraio 1836 a Siviglia, in Spagna. Suo padre, Don José Domínguez Bécquer, ei suoi fratelli erano pittori famosi. Nella capitale andalusa ha trascorso l'infanzia e l'adolescenza; lì ha studiato scienze umane e pittura. Fu lasciato sotto la tutela di suo zio, Joaquín Domínguez Bécquer, dopo essere rimasto orfano all'età di undici anni.

Primi lavori

Prima di diventare letterato, si trasferì a Madrid nel 1854, dove lavorò come giornalista e l'adattamento di opere teatrali straniere. Nel 1958, durante un soggiorno nella sua città natale, si ammalò gravemente e dovette trascorrere 9 mesi a letto a causa di una grave malattia. Ad oggi, gli storici non sono d'accordo sulla natura della malattia (tra tubercolosi e sifilide).

Suo fratello Valeriano si prese cura di lui e lo aiutò a pubblicare la sua prima leggenda: Il capo con le mani rosse. In quel periodo conobbe anche Julia Espín, designata da molti accademici come sua musa ispiratrice Rimas. Altri pensavano che fosse Elisa Guillén a ispirarlo. Nel 1861 sposò Casta Esteban, figlia di un medico. Anche se non è stato un matrimonio felice, hanno avuto tre figli.

Tra leggende y Rimas

La prima metà degli anni Sessanta dell'Ottocento fu il suo periodo più produttivo in termini letterari per Gustavo Adolfo Bécquer. Non per niente ha scritto la maggior parte dei suoi leggende durante questo periodo. Allo stesso modo, ha lavorato all'elaborazione di cronache giornalistiche e ha iniziato il suo manoscritto di Rimas. Nel 1866 divenne un censore ufficiale dei romanzi, così poté concentrarsi maggiormente sui propri testi.

La rivoluzione del 1868 gli fece perdere il lavoro e sua moglie lo lasciò. Di conseguenza, si trasferisce a Toledo con suo fratello e poi nella capitale spagnola. Lì ha diretto la rivista L'Illuminismo di Madrid (suo fratello ha lavorato come illustratore). La morte di Valeriano nel settembre 1870 lo precipitò in una profonda depressione. Gustavo Adolfo Bécquer morì tre mesi dopo.

Legacy

Gustavo Adolfo Becquer.

Gustavo Adolfo Becquer.

Gustavo Adolfo Bécquer è - insieme a Rosalía de Castro - considerato il massimo rappresentante della lirica post-romantica. Un sottogenere poetico che si distingue per il suo approccio intimo e la natura espressiva di una retorica meno elaborata rispetto al romanticismo. Inoltre, Bécquer ha influenzato in seguito grandi artisti, come Rubén Darío, Antonio Machado e Juan Ramón Jiménez, Tra gli altri.

Il monte delle anime di per sé è un'opera con un'eredità particolare. È apparso in diversi temi musicali e opere di artisti come Rodríguez Losada, il gruppo metal menestrello "Saurom" e il gruppo degli anni '80, Gabinete Caligari. Attualmente esiste un itinerario turistico a Soria ispirato alla leggenda di Bécquer.

Analisi di El Monte de las Ánimas

Personaggi

Alonso

È l'ingenuo cugino di Beatriz. Denota il suo carattere innocente dopo essere stato facilmente persuaso da esso ad andare a cercare un nastro azzurro nel Monte de las Ánimas. Il problema è che era proprio la notte di Ognissanti, quando più spiriti vagano per il posto.

Il cacciatore ed erede dei castelli Alcudiel è stato un vero imbroglione nel rischiare la sua pelle in questo modo. Ancora di più, essendo così ben informato sulle storie relative agli spiriti dei Templari che morirono nella loro guerra con gli hidalgo. Alonso finisce per contravvenire alle proprie convinzioni per compiacere la persona che amano.

Beatriz

Un giovane di irresistibile bellezza, ma con un contegno freddo e calcolatore. La figlia dei conti di Borges ha mostrato il suo egoismo quando ha chiesto al cugino Alonso di andare a Monte de las Ánimas per recuperare un indumento smarrito. Non gli importava minimamente delle circostanze della notte o del pericolo che il suo familiare correva lì.

Beatriz è l'incarnazione del puro narcisismo. Una donna con un ego eccessivo e un comportamento capriccioso, dotato di un'intelligenza letale che è riuscita a sfidare Alonso. A tal punto che suo cugino non ha potuto contrastare la richiesta di andare a cercare un indumento in una notte così pericolosa.

Caratteri secondari

  • I Conti di Alcudiel, genitori di Alonso.
  • I Conti di Borges, i genitori di Beatriz.
  • Gli scudieri, i cacciatori e i servi del palazzo.
  • Gli assistenti al palazzo dei Conti d'Alcudiel durante la notte di Ognissanti.
Citazione di Gustavo Adolfo Bécquer.

Citazione di Gustavo Adolfo Bécquer.

Riepilogo della legenda

Alonso conosceva bene la leggenda del Monte de las Ánimas. Nel bel mezzo di una giornata di caccia con i bambini e le pagine di Los Condes de Borges e Alcudiel, ha raccontato loro storie sui Templari che governavano la montagna. Erano guerrieri e religiosi che morirono lì per mano dei soldati del re di Castiglia quando il monarca decise di espellere gli arabi dalla città di Soria.

Secondo il mito, gli spiriti dei Templari sepolti nel luogo uscirono a guardia della montagna insieme agli animali durante la notte di Ognissanti. Per questa ragione, nessuna persona sana di mente si è avventurata vicino a quella montagna durante quei festeggiamenti.

la sfida

Durante la cena al palazzo dei Conti di Alcudiel, Alonso e Beatriz rimasero a parlare davanti al caminetto. Dice alla cugina che presto partirà e le vuole regalare un gioiello come souvenir. Accetta il regalo, nonostante la sua iniziale riluttanza. Ma Alonso vuole prendere anche un souvenir da suo cugino.

Beatriz gli dice che gli darà un nastro blu. Tuttavia, l'indumento si perde nel Monte de las Ánimas. Quindi, usa la sua ironia per mettere in dubbio il coraggio di Alonso e si comporta in modo indifferente. Di conseguenza, lui decide dimostra il tuo valore andando a recuperare il legame di tuo cugino... Tutto per renderla felice.

Nastro

Beatriz fece fatica ad addormentarsi quella notte. All'inizio pensava di aver esagerato spaventandosi e pregando ripetutamente per gli incubi che aveva sofferto. Ma un oggetto inquietante poggia su un tavolo nella sua stanza: un nastro blu insanguinato. Quando il servo dei Borges va a dargli la notizia della morte di Alonso a causa dei lupi, Beatriz viene trovata morta.

Qualche tempo dopo quello che è successo, una notte un cacciatore era al Monte de las Ánimas. Prima di morire, l'uomo ha affermato di aver visto uscire gli scheletri dei Templari e dei nobili Sorian ivi sepolti. Inoltre, ha avvistato la figura di una bella donna arruffata con i piedi insanguinati, che camminava intorno alla tomba di Alonso.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.