Il libro che ha ispirato tre assassini e ha "posto fine" alla vita di Lennon

omicidio-di-john-lennon-cadavere

Autorità che rimuovono il corpo di John Lennon.

Lungo la storia molti libri sono stati considerati maledetti. Morti in circostanze strane, serial killer o sparizioni sono stati innegabilmente collegati a varie opere o scrittori.

Forse uno dei casi più famosi è quello con il libro "Il cacciatore nella segale" di JD Salinger pubblicato nel 1951. Quando il lavoro è stato pubblicato negli Stati Uniti, ha generato scalpore nella società americana per aver affrontato i temi della sessualità, dell'alcolismo o della prostituzione in modo provocatorio e con un vocabolario non usuale all'epoca.

Comunque, questa polemica che si è trasformata dopo la sua pubblicazione l'unica cosa che ha causato un aumento del numero di vendite e della popolarità dell'opera. Anche negli anni successivi divenne il secondo libro di lettura obbligatoria più studiato nelle scuole. Allo stesso tempo, durante gli anni '90 fino al 2005, "Il guardiano tra il centro" è rimasto al 10 ° posto in classifica Libri più letti in Nord America.

Nonostante questa innegabile popolarità, questo libro ha anche un certo mistero e controversia a causa del fatto che vari assassini sono stati coinvolti o sono stati coinvolti in questo romanzo come causa o causa dei loro atti criminali.

Il primo di questi casi è quello di Mark Davis Chapman che, nel 1980, ucciso a colpi d'arma da fuoco John Lennon fuori dall'edificio Dakota a Manhattan. Dopo aver ucciso il famoso membro dei Beatles, l'assassino si è seduto tranquillamente a leggere una copia di questo romanzo fino a quando le forze di sicurezza non lo hanno arrestato senza opporre resistenza.

Una volta sequestrato il libro, gli investigatori si sono resi conto che, all'interno della copertina, Mark Davis Chapman aveva scritto a matita: "Questa è la mia dichiarazione". A parte questa informazione, quando è stata presa una dichiarazione poche ore dopo il suo misfatto, l'assassino ha assicurato che era convinto che la maggior parte di lui fosse Holden Caulfield (personaggio principale del libro) e che il resto di lui doveva provenire dal Diavolo.

Il secondo caso relativo al libro è avvenuto appena un anno dopo l'omicidio di Lennon. In questa occasione, le intenzioni dell'assassino non sono passate all'approvazione della sua vittima, lo stesso Ronal Reagan. John Hinckley Jr, che era il nome dell'individuo in questione, tentò nel 1981 di porre fine alla vita del presidente americano sparandogli con una pistola.

Il proiettile sparato da John Kinckley ha colpito il corpo del presidente attraverso la sua ascella e si è conficcato a pochi centimetri dal suo cuore. Infine, come abbiamo già accennato, Reagan è riuscito a sopravvivere all'attacco. Comunque, l'attaccante ha ripetutamente affermato per tutta la vita di essere veramente ossessionato dal libro Stiamo parlando di.

Infine, il seguente caso si è verificato nel 1989. Robert John Bardó ha ucciso l'attrice Rebecca Lucile Schaeffer sulla porta del suo appartamento dopo averla molestata per tre anni. Quando l'assassino è stato arrestato Ha anche tenuto una copia di "Il cacciatore nella segale".

Se il libro fosse direttamente correlato a questi eventi è qualcosa che non possiamo garantire. Anche così, ciò che è chiaro è che la sua semplice presenza in questi tre casi ci costringe a pensarlo in un modo o nell'altro c'è una relazione con i fatti.

Senza entrare in domande mistiche o esoteriche, possiamo semplicemente affermare che a volte, a seconda di quali opere e in quali mani, un certo squilibrio può essere incoraggiato o incoraggiato ciò può causare, come abbiamo visto, un assassinio da parte di alcuni dei suoi lettori.

Questo libro è, a mio modesto parere, uno dei più sorprendenti che esistano e non tanto per la sua trama, sebbene includa aspetti importanti dell'adolescenza e della sua psicologia, ma per le circostanze che circondano il libro stesso. Senza alcun dubbio, quindi, una buona opzione letteraria per le future notti di paura che, viste le date in cui ci troviamo e ancor più nel mondo anglosassone, sono alle porte.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   RICARDO suddetto

    L'HO LETTO E NON È PER COSÌ MA SAPETE GIÀ COME LE PERSONE NEGLI USA SONO A SCATTI

  2.   Edward suddetto

    Articolo interessante, ma la conclusione è che il libro si intitola "The Catcher in the Rye" non come è scritto qui "negli anni successivi, è diventato il secondo libro di lettura obbligatoria più studiato nelle scuole. Allo stesso tempo, tra gli anni '90 e il 2005, "The Guardian Among the Center" è rimasto al decimo posto nella classifica dei libri più letti in Nord America ".

  3.   Miguel Angel, suddetto

    Non vedo il rapporto diretto tra il libro e un omicidio, il protagonista non ha in nessun momento l'idea di uccidere nessuno

bool (vero)