"Light novel". Il fenomeno letterario che investe il Giappone.

Copertina di "Bakemonogatari", di Nisio Isin

Estratto dalla copertina dell'edizione anglosassone di "Bakemonogatari", di Nisio Isin, edita da Vertical Inc.

Il "romanzi leggeri'O'romanzi leggeri"(Luce Novel raito noberu, chiama anche ラ ノ ベ  ranobe) sono un tipo di letteratura tipico del Giappone, e fino a tempi recenti del tutto invisibile all'Occidente, ma che sta aprendo un varco nel mercato oltre i confini del suo Paese d'origine. Il termine "romanzo leggero" è un wasei-eigo, cioè uno pseudo-anglicismo che viene usato solo in Giappone, e che non è riconosciuto, né usato dai madrelingua della lingua. Da qui nasce il problema più grande per definire cosa sono i file romanzi leggeripoiché il nome stesso può essere fuorviante, e anche gli stessi giapponesi hanno difficoltà a concordare sul suo significato.

Anche se si potrebbe pensare che siano chiamati "romanzi leggeri" a causa della loro lunghezza, non è così, da allora di solito hanno una media di 50.000 parole, che è più o meno l'equivalente di un romanzo anglosassone. D'altra parte, molti hanno un vocabolario e una grammatica semplici per raggiungere il pubblico più giovane, ma non è il denominatore comune di tutti loro. Quest'ultimo punto è interessante perché, sebbene sia stato proposto di utilizzare il termine «giovane adultoPer definirli, gli editori giapponesi sono riluttanti, poiché non vogliono essere chiusi a un singolo gruppo demografico.

Alla fine, devi capirlo «romanzo leggero»Non è una classificazione letteraria (come "fantascienza" o "thriller«), Ma piuttosto il risultato di un movimento di Marketing promosso dalle aziende che monopolizzano il mercato (nello stile di quanto accade con DC e Marvel nel settore dei fumetti americani). Nonostante ci sia un elemento comune a tutte le light novel che, sebbene non sia definitivo, aiuta a riconoscerle: il loro copertine e illustrazioni in stile manga (Fumetto giapponese).

Le origini dei romanzi leggeri

“È come se fosse il suo modo naturale di essere, con quell'espressione fredda sul viso, che legge in un angolo della classe. Concentrato sulla costruzione di muri intorno a lei.

Come se fosse naturale per lei essere lì.

Come se fosse naturale non essere qui ".

Nisio Isin, «Bakemonogatari, Storia dei mostri. »

(Traduzione propria)

La storia dei light novel risale a riviste polpa giapponese tra gli anni 10 e 50. Come le sue controparti americane, come il famoso Storia stranas (per il quale hai scritto HP Lovecraft), erano pubblicazioni con fantasy, fantascienza e gialli. Anche allora gli scrittori di queste riviste erano aperti all'influenza occidentale (ammiravano in particolare opere come 20.000 leghe di viaggi sottomarini, di Jules Verne e I crimini di Rue Morguedi Edgar Allan Poe).

Da questo periodo data Ogon Batto (1930), di Takeo Nagamatsu (considerato uno dei primi supereroi della storia, anche prima di Batman e Superman), e le avventure del detective Homura soroku (1937-1938), di Sano Soichi (chiaramente influenzato da Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle). Inoltre, e come precursori di un genere così tipicamente giapponese, c'erano storie di «bambini magici«, O bambini con poteri, come nel caso di Madojiden (1916) di Murajama Kaita.

La cultura polpa nel Giappone del dopoguerra

Dopo la fine della seconda guerra mondiale nel 1945 e in coincidenza con la nascita dei manga moderni, le riviste polpa dal Paese del Sol Levante cominciarono ad avere un proprio carattere, e ad essere legati al mercato nazionale dei fumetti. Negli anni '70, la stragrande maggioranza di queste riviste aveva abbandonato le illustrazioni tradizionali a favore del estetica manga e anime (Serie di animazione giapponese). D'altra parte, gli editori iniziarono a pubblicare in formato romanzo quelle storie che il loro pubblico amava di più.

Secondo volume di Slayers

Copertina del secondo volume di "Slayers" di Hajime Kanzaka, "The Sorceress of Atlas".

La prima grande rivoluzione, che pose le basi per tutto ciò che sarebbe venuto dopo, arrivò con il grande successo di L'eroica leggenda di Arslan (Dal 1986 in poi), saga di romanzi fantasy epici di Yoshiki Tanaka, e soprattutto con Slayers (1989-2000), che ha parodiato i cliché del spada e stregoneria tradizionale. Quest'ultimo è stato adattato in una serie di animazione, che in Spagna era conosciuta come Reena e Gaudi, e in onda negli anni '90.

L'arrivo del nuovo millennio

«—Mi chiamo Haruhi Suzumiya. Vengo dalla East High School.

Fino a questo punto sembrava normale. Girarmi per guardarla era una seccatura, quindi continuai a guardare dritto davanti a me. La sua voce ha continuato a dire:

"Non mi interessano gli esseri umani meschini." Se ci sono alieni, viaggiatori del tempo o "esper" con poteri paranormali qui intorno, lascia che vengano a trovarmi. È tutto."

Questo mi ha fatto cambiare idea.

Nagaru Tanigawa, "La malinconia di Haruhi Suzumiya".

Nonostante le buone vendite di alcuni titoli, il mercato dei light novel era ancora una minoranza rispetto ad altre forme di intrattenimento. Tuttavia, nel 2003 arriva il grande colpo che ha cambiato per sempre il suo panorama: la pubblicazione del primo volume di La malinconia di Haruhi Suzumiyadi Nagaru Tanigawa, una storia di fantascienza, mistero e fenomeni paranormali.

Copertina di Haruhi Suzumiya

"Le preoccupazioni di Haruhi Suzumiya", sesto volume dell'opera di Nagaru Tanigawa.

Questo scrittore ebbe un successo senza precedenti, aprendo le porte agli autori successivi per seguire le sue orme e facendo in modo che gli editori vedessero gli affari in questa forma d'arte. Per il 2007, il primo volume di Haruhi Suzumiya aveva venduto più di 4 milioni di copiee in totale sono stati stampati 16,5 milioni di copie della serie in 15 paesi, 8 milioni solo in Giappone.

Aumento della popolarità

Da una finestra del castello, un paio di occhi di giada guardavano le piccole figure di padre e figlia che giocavano all'ingresso della foresta.

La giovane donna, in piedi alla finestra, era tutt'altro che debole o fugace. Aveva capelli biondi chiari e morbidi e indossava un vestito in stile arcaico che avvolgeva il suo fisico snello. […] Era qualcuno che non sembrava adattarsi allo scenario invernale del cupo castello di Einsbern.

"Cosa stai guardando, Saber?"

Mentre Irisviel la chiamava da dietro, la giovane donna alla finestra si voltò.

"A Kiritsugu e tua figlia, che giocano nella foresta."

Gen Urobuchi, "Fate Zero".

dopo Haruhi Suzumiya, Sono emersi altri titoli che hanno guadagnato il loro pubblico a pieno titolo. Potremmo citare il caso di Fate Zero (2006-2007), del Gen Urobuchi, a thriller dark fantasy psicologico. Precisamente, Il 2006 ha segnato l'ascesa dei romanzi leggeri, che ha incrementato le proprie vendite anno dopo anno, portando un'intera generazione di giovani giapponesi (e sempre di più da altri paesi) a scoprire il piacere della lettura.

Quattro volumi di Fate Zero

Copertine dei quattro volumi di "Fate Zero", del Gen Urobuchi.

L'elenco delle opere e degli autori è così lungo, in un mezzo diventato così prolifico, che è difficile nominarli tutti. Ci sono light novel per tutti i gusti: commedia, dramma, romanticismo, erotismo, fantascienza, fantasy, polizia ... Per citarne alcuni: Spice and Wolf (2006), di Isuna Hasekura; Toradora! (2006-2009), di Yuyuko Takemiya; Sword Art Online (Dal 2009 in poi), di Reki Kawahara; Nessun gioco No Life (2012), di Yuu Kamiya; Re: Zero (Dal 2012 in poi), di Tappei Nagatsuki; KonoSuba (Dal 2012 in poi), di Natsume Akatsuki; Yojo Senki (dal 2013), di Carlo Zen; o Goblin Slayer (dal 2016) di Kumo Kagyu. Tutte queste saghe sono caratterizzate, come è stato possibile dedurre, dalla loro lunga durata, da un gran numero di volumi, e dall'essere state adattate a diverse serie di animazione.

Dignificanti light novel

Una menzione speciale merita il lavoro del romanziere Nisio Isin (spesso scritto come NisiOisiN, per sottolineare che il suo nome è un palindromo), considerato da molti critici come uno dei grandi restauratori del mezzo negli ultimi decenni. Il suo stile è caratterizzato dall'essere autoreferenziale, mescolando dramma e commedia, rompendo ripetutamente la quarta parete, lunghi dialoghi, sottotesti complessi e protagoniste femminili con personaggi forti, personalità forti e psicologia complessa.

"" Oh, capisco, "mormorò Senjougahara, sembrando deluso. Avevo intenzione di farti ogni genere di cose se ne avessi avuto la possibilità. Così male.

"Sembra una specie di cospirazione grottesca alle mie spalle ..."

-Che maleducato. Stavo solo andando a &% nel tuo / - dopo * ^ lì.

"Cosa significano quei simboli ?!

—E io volevo crearti Esto y quello anche.

"Cosa dovrebbe suggerire quella sottolineatura ?!"

Nisio Isin, «Bakemonogatari, Storia dei mostri. »

(Traduzione propria)

Da questo prolifico autore possiamo evidenziare opere come Zaregoto (2002-2005, romanzi gialli, suspense e omicidi), Katanagatari (2007-2008, le avventure di uno spadaccino senza spada) e, soprattutto, il suo più grande successo: la saga Monogatari (Dal 2006 significa letteralmente "storia", un susseguirsi di storie che intrecciano i modi più prosaici con la fantasia più sfrenata).

Copertura Nekomonogatari

Copertina dell'edizione anglosassone di "Nekomonogatari Shiro" ("Storia di un gatto bianco"), di Nisio Isin.

Un futuro promettente

Oggi, se guardiamo i numeri, il mercato dei romanzi leggeri è un business in forte espansione. In Giappone è ampiamente affermato e impiega numerosi editori, correttori di bozze, scrittori e illustratori, questi ultimi sono, in generale, i più rinomati artisti grafici su portali come Pixiv. Al di fuori del loro paese di origine, stanno ottenendo sempre più lettori nel mondo anglosassone, poiché molte delle opere popolari sono tradotte in inglese. D'altra parte, stanno cominciando a entrare nel mercato di lingua spagnola, seppur timidamente, con scommesse come Planeta con la sua traduzione di Re: Zero.

Spero che gli editori se ne rendano presto conto i romanzi leggeri hanno un pubblico, fedele anche, e che apprezza il fatto di acquistare più di altri lettori in formato fisico i tuoi lavori preferiti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

12 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Juan Carlos Guzman suddetto

    Tutto bene, buon articolo. Come lettore di romanzi, so che mi piacerebbe davvero leggerli fisicamente, ma ci vuole lavoro. In effetti ce n'è uno che voglio in particolare, a cui non hai dato menzione nonostante sia anche abbastanza famoso, il liceo dxd. Un romanzo difficile da tradurre per un paese non asiatico: "v

  2.   MRR Escabias suddetto

    Per quanto emozionanti siano le avventure di Rias Gremory, non credo sia la cosa più "adatta alle famiglie" di cui avrei potuto parlare (inserire risate).

  3.   Bortolomé VL suddetto

    Articolo interessante. Sapevo che Haruhi Suzumiy ha rivoluzionato l'animazione, ma non avevo idea che fosse anche il punto di partenza per i romanzi leggeri per diventare un mercato così ampio.

  4.   MRR Escabias suddetto

    Sono stato anche sorpreso quando ho fatto le mie ricerche. Sono contento che l'articolo ti sia piaciuto.

  5.   Joel Esteban Clavijo Pinzón suddetto

    Che bell'articolo. Ohhhhh, non vedo l'ora di leggere i romanzi di Re: Zero. Ho già iniziato a leggere il romanzo web, ma non è come avere un libro, con le illustrazioni dei personaggi, tra le mani, e leggerlo comodamente in un parco, o nella propria stanza ... Che peccato che , in Giappone, non mettere le batterie per assumere traduttori ed espandere il mercato per questa grande serie.

  6.   M. Escabias suddetto

    Il tuo commento è molto apprezzato, Joel. 😀

  7.   Rodrigo Diaz suddetto

    Buon articolo, ora speriamo che questo fenomeno letterario travolga anche il mondo!

  8.   M. Escabias suddetto

    Molto probabilmente lo fa.

  9.   chiunque suddetto

    E chiedo:

    Perché accontentarsi solo di light novel giapponesi? Voglio dire, in Occidente ci sono molte persone che vorrebbero fare anime (ma non c'è industria qui). In Occidente sono tante le persone che vorrebbero realizzare manga (ma le capacità per disegnarlo e, soprattutto, i luoghi per pubblicarlo non sono alla portata dei più). E il punto positivo, in Occidente ci sono molte persone che vorrebbero poter pubblicare light novel (e si scopre che non ci sono seri inconvenienti, perché scrivere, almeno online, è alla portata di quasi tutti. Hai solo bisogno di ritagliarti un percorso come in Giappone).

    Qualcuno sa se questo è stato fatto o perché no? Voglio dire, normale che i romanzi fisici non vengano pubblicati o che la gente faccia ancora soldi. Ma online è gratuito, sicuramente nel mondo di lingua spagnola ci sarebbero molte persone che lo desiderano. E se questo dovesse avere successo (per il quale non vedo un chiaro impedimento), potrebbe emergere qualcosa di simile in Giappone. Qualcuno se esiste una piattaforma del genere, che pubblichi chiaramente romanzi leggeri o qualcosa del genere? E se no, qualche idea del perché non ci siano?

    Grazie per l'attenzione

    1.    Teo suddetto

      Il più vicino che troverai a questo è Wattpad, che è un'applicazione e una pagina web in cui le persone pubblicano i loro lavori per la lettura gratuita e qualsiasi stile, tuttavia non ci sono immagini quindi sarebbe difficile pubblicare un romanzo leggero con questo mezzo.

  10.   Rene Driotes suddetto

    Articolo molto interessante, soprattutto perché è un argomento nuovo per me. Ho 2 domande sull'argomento a cui vorrei che tu rispondessi:
    1. I "Light Novels" si applicano solo ai tempi moderni o se ne può scrivere uno riferendosi all'antico Giappone?
    2. Devo essere uno scrittore giapponese per entrare in questo tipo di mercato?

  11.   Rene Driotes suddetto

    Ottimo articolo, soprattutto per essere un argomento che fino ad ora mi era sconosciuto. Ho due domande:
    1. Puoi fare solo un "romanzo leggero" dei tempi attuali o puoi farne uno dall'antico Giappone?
    2. Devo essere uno scrittore giapponese per poter entrare nel mercato di questo tipo di letteratura?