I migliori libri dell'orrore

Citazione di Edgar Allan Poe.

Citazione di Edgar Allan Poe.

Parlare dei migliori libri dell'orrore può essere un po 'pretenzioso, soprattutto a causa dell'enorme fardello soggettivo che questa compagnia porta su se stessa. Tuttavia, si cercherà giustizia sulla base del lavoro dei grandi. Ora, l'horror è un sottogenere narrativo immaginario che è diventato molto popolare dopo il romanticismo. Questa circostanza è dovuta alle prospettive poco incoraggianti per la letteratura realistica durante il XIX secolo. Ebbene, questi erano i tempi della rivoluzione industriale, così come la genesi del capitalismo sfrenato. La risposta artistica ha portato alla rinascita della fantasia, della soggettività e dell'intimità.

All'interno di questa corrente, apparvero penne di immutabile validità come Mary Shelley, Edgar Allan Poe o Bram Stoker, tra molti altri. Questi tre autori in particolare hanno scelto di approfondire le aree più oscure dell'anima. La sua scelta ha portato alla creazione dei mondi più oscuri mai concepiti dalla mente umana. In questi cupi spazi sono emersi alcuni dei personaggi più celebrati fino ad oggi.

Quali qualità hanno i migliori libri horror?

Proprio come è stato detto, fare un elenco dei "migliori libri di ..." è, di per sé, una domanda molto soggettiva e persino presuntuosa. Tuttavia, i titoli più acclamati dal pubblico e dalla critica all'interno del genere horror hanno tratti comuni che li hanno resi opere immortali. Tra quelli:

La "fattibilità" del soprannaturale

Il filo narrativo e le risorse utilizzate dai grandi autori dell'horror producono un cambiamento di percezione nel lettore. Vale a dire, le questioni soprannaturali - pur essendo speculative - finiscono per "convincere" il lettore della loro veridicità attraverso postulati di fantascienza.

Atmosfera oscura

L'ambientazione gotica o vittoriana è un elemento chiave per evocare sensazioni e catturare lo spettatore. Che si trasforma spesso in testimone in prima linea e, addirittura, complice delle vicende narrate. Mentre in storie come miseriadi Stephen King, l'atmosfera non è gotica o vittoriana di per sé, il protagonista (uno scrittore) usa questi ambienti nei suoi testi.

Argomenti legati alla natura umana

I personaggi dei migliori libri dell'orrore - non importa quanto possano sembrare terrificanti all'inizio - hanno sempre motivazioni di origine molto umana. Pertanto, il lettore può arrivare a provare empatia per i protagonisti. Uno degli esempi più significativi è il mostro di Frankenstein, che allude al rispetto per la vita e riflette su questioni come la solitudine o la moralità scientifica.

Allo stesso modo, in Dracula Bram Stoker (l'autore) esplora le questioni legate alla sessualità, il ruolo delle donne nella società vittoriana e il folklore. Poi, i personaggi sono trattati in un modo in cui la loro esistenza non è impossibile "nella vita reale". Qui sta il merito dei grandi autori del genere: far sentire ai lettori che il soprannaturale "è tra noi".

I grandi classici della letteratura horror

Frankenstein o il moderno Prometeo (1818), di Mary Shelley

Frankenstein.

Frankenstein.

Puoi acquistare il libro qui: Frankenstein

Durante gli anni ottanta del XIX secolo, la paternità di Mary Shelley (1797-1851) su Frankenstein fu interrogato. Come accadeva prima del XX secolo, suo marito Percy B. Shelley (1792-1822) ne ottenne quasi il merito. Sebbene al momento non ci siano dubbi al riguardo, è ancora una percezione ingiusta di una donna che era una scrittrice professionista.

Per Ha dedicato gran parte dei suoi testi all'editing e al miglioramento del lavoro di suo marito, oltre a completare altre opere degne di nota. Fra loro, Valperga (1823) y L'ultimo uomo (1828). Naturalmente, il suo libro più importante è stato quello con protagonista "la creatura" (Frankenstein) perché è considerato - niente di più e niente di meno - il primo titolo di fantascienza in tutta la storia.

Sinossi

Víctor Frankenstein è un giovane scienziato avido di conoscenza, la cui eccessiva ambizione lo porta ad andare oltre ogni limite etico e morale. A tal punto che è ossessionato dal creare la vita da un cadavere. A questo scopo, metti insieme varie parti di diversi cadaveri per creare un mostro grottesco di 2,44 metri di altezza, resuscitato dall'energia elettrica.

Il successo dello scienziato alla fine diventa la sua maledizione. Bene La sua creazione è rifiutata da tutti gli esseri umani che trova sul suo cammino. Di conseguenza, l'enorme creatura inizia a uccidere tutti quelli che sono vicini a Victor. Solo un partner potrebbe calmare il mostro, ma lo scienziato rifiuta e pone fine a qualsiasi possibilità di fine in pace.

Il gatto nero (1843), di Edgar Allan Poe

Il gatto nero.

Il gatto nero.

Puoi acquistare il libro qui: Nessun prodotto trovato.

Il narratore inizia affermando che non è pazzo. Anche se si sente vicino a morire quello stesso giorno perché ha bisogno di consolare la sua anima per gli atti terrificanti e distruttivi subiti. Per spiegarlo, inizia a narrare questi eventi in modo non molto ordinato. Inizia con una descrizione di se stesso come un bambino carino e gentile con gli animali, in particolare un gatto nero di nome Plutone.

Presumibilmente, il felino sarebbe stato un veicolo per un'entità demoniaca. Quindi, il protagonista sviluppa "una malattia" che lo induce a comportarsi in modo irregolare e aggressivo (colpisce la moglie, strappa l'occhio del gatto con un rasoio, si ubriaca) ... Alla fine, quest'uomo perde tutto e quando sua moglie adotta un altro gatto nero, il protagonista "si ammala" di nuovo.

dracula (1897), di Bram Stoker

Dracula

Dracula

Puoi acquistare il libro qui: dracula

È importante ricordare che l'autore era basato su leggende popolari e miti legati ai vampiri dell'Europa orientale. Il narratore epistolare del libro è il mercante Jonathan Harker, che viene catturato dall'ipnotico Conte dracula mentre si fa affari nella regione della Transilvania.

Successivamente, il conte arriva a Londra per placare la sua sete di sangue ed espandere il suo harem. Lì, la nobile Lucy Westenra è caduta in una strana apatia e ha due segni di piccole incisioni sul collo. Per questo il suo medico (Seward) chiede il supporto del famoso professor Van Helsing, uno specialista in rare condizioni. Da quel momento si scatena una sanguinosa lotta tra il bene e il male che può mettere alla prova la determinazione di tutti i soggetti coinvolti.

Imperdibili libri dell'orrore della seconda metà del XX secolo

Intervista con il vampiro (1976), di Anne Rice

Intervista con il vampiro.

Intervista con il vampiro.

Puoi acquistare il libro qui: Intervista con il vampiro

Questo titolo è il primo della serie The Vampire Diaries di Ann Rice. Racconta la trasformazione di un giovane sfortunato di New Orleans in un essere condannato all'oscurità perenne. Questa immortalità è accompagnata dal rimorso del protagonista dovuto a tutte le morti che ha perpetrato e all'amore che provava per una delle sue vittime.

miseria (1987), di Stephen King

Miseria.

Miseria.

Puoi acquistare il libro qui: miseria

Solo "il maestro del terrore" poteva creare una storia così contorta e ossessiva. Il protagonista è uno scrittore che ha subito un incidente ed è affidato alle cure di un'infermiera corpulenta dai comportamenti strani (abitante di una capanna sperduta). Ma in realtà è una mente macabra, quindi lo scrittore deve scappare e combattere per la sua vita anche quando le sue gambe sono rotte.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.