Girasoli Ciechi

strade di Madrid

strade di Madrid

Girasoli Ciechi è un libro di racconti dello scrittore madrileno Alberto Méndez. È stato pubblicato nel gennaio 2004 da Editorial Anagrama. L'opera presenta quattro brevi brani intrecciati tra loro —l'ultimo è quello che dà il titolo al suo nome— e che si svolgono negli anni successivi alla guerra civile spagnola. Nel 2008 è uscito al cinema l'omonimo film, diretto da José Luis Cuerda, con una sceneggiatura a quattro mani dell'autore insieme a Rafael Azcona.

Dal suo lancio, il libro è diventato un successo editoriale. Fino alla data registra più di 350mila copie vendute. Sfortunatamente, lo scrittore non ha potuto godere del riconoscimento per il suo lavoro, poiché è morto poco dopo la pubblicazione. Tra i riconoscimenti assegnati al libro spiccano: il Castilian Narrative Criticism Award 2004 e il National Narrative Award 2005.

Riassunto di Girasoli Ciechi

Prima sconfitta (1939): "Se il cuore pensasse di smettere di battere"

Il capitano di Franco Carlos Alegría ha deciso —Dopo anni di servizio— ritirarsi dal conflitto armato in cui è stato versato molto sangue. Dopo essersi dimesso, è stato arrestato e accusato di tradimento. Mentre si svolgeva, i repubblicani si arresero e lasciarono il campo di battaglia.

Difficilmente i cittadini hanno preso il controllo, Alegría è stato condannato alla pena di morte per gli atti commessi durante la guerra. Quando il tempo doveva essere girato, è stato messo sul muro insieme ad altri compagni. Dopo aver ricevuto il colpo di grazia alla testa, furono sepolti in una fossa comune.

Sorprendentemente, Carlos si è svegliato e ha notato subito che il proiettile lo ha solo sfiorato e non gli ha perforato il cranio. Come poteva, è riuscito a uscire dal buco e ha camminato agonizzante fino a raggiungere una città dove è stato salvato da una donna. Dopo alcuni giorni, Alegría decise di tornare nella sua città pronto ad arrendersi di nuovo alla giustizia, poiché il senso di colpa non gli permetteva di vivere in pace.

Seconda sconfitta (1940): "Manoscritto ritrovato nell'oblio"

Due adolescenti -Eulalio ed Elena- hanno intrapreso un viaggio in Francia attraverso le montagne delle Asturie, sono fuggiti dal regime che era stato imposto. Era incinta di otto mesi e le doglie si fecero avanti, costringendoli a fermarsi. Dopo ore di dolore, la giovane ragazza ha partorito a un ragazzo che chiamarono Rafael. Purtroppo Elena è morta y Eulalio rimase solo con la creatura.

Citazione di Alberto Méndez

Citazione di Alberto Méndez

Il poeta, ancora sconvolto dalla morte della sua ragazza, fu invaso da un grande senso di colpa. Era anche frustrato dal non sapere cosa fare con Rafael, che non smetteva di piangere per ore. Tuttavia, gradualmente, il giovane iniziò a prendersi cura di suo figlio e considerò prendersi cura di lui come la sua unica missione nella vita. Poco dopo, Eulalio trovò una capanna abbandonata e decise di prenderla come rifugio.

Ogni volta che poteva, il ragazzo usciva in cerca di cibo. Un giorno è riuscito a rubare due mucche, che ha nutrito per un po'. Ma, Dopo l'arrivo dell'inverno, tutto cominciò a complicarsi e la morte di entrambi era imminente. Questa storia è raccontata in prima persona, ed è stata estratta da un diario trovato da un pastore insieme a due cadaveri umani e una mucca morta nella primavera del 1940.

Terza sconfitta (1941): "La lingua dei morti"

La terza storia racconta la storia di Juan Senra, un funzionario repubblicano che fu imprigionato in una prigione franchista. L'uomo è riuscito a sopravvivere perché sapeva del figlio del colonnello Eymar — Presidente del tribunale. Senra ha ottenuto queste informazioni in prima persona, avendo combattuto al fianco di Miguel Eymar. Per allungare la sua fine, il soggetto mentiva quotidianamente, sostenendo che il giovane era un eroe, quando, in realtà, era un semplice perdente.

Durante la sua permanenza in prigione, Juan fece amicizia con un ragazzo di nome Eugenio, e coincise anche con Carlos Alegría. Per Senra, è diventato sempre più difficile continuare con le bugie. Allo stesso modo, sapevo che sarei morto, perché il suo corpo non era nelle migliori condizioni.

Quando tutto sembrava non poter peggiorare, si verificarono due eventi che dilaniarono Senra e ne determinarono il destino: Capitano Joy ha deciso di suicidarsi, e, un paio di giorni dopo, Eugenio fu condannato a morte. Abbastanza colpito, Juan ha scelto di confessare la verità su Miguel, cosa ha comportato al ordinare il tuo tiro giorni dopo.

Quarta sconfitta (1942): "I girasoli ciechi"

Quest'ultimo testo racconta la storia di Ricardo: repubblicano, sposato con Elena e padre di due figli — Elena e Lorenzo. Tutti nel villaggio pensavano che fosse morto, quindi l'uomo, approfittando delle circostanze, ha deciso di restare nascosto in casa sua con la moglie e il figlioletto. Non sapevano nulla della loro figlia, tranne che era fuggita con il suo ragazzo in cerca di qualcosa di meglio, perché era rimasta incinta.

La famiglia ha creato una rigida routine in modo che nessuno si accorgesse che Ricardo era ancora vivo. Salvador -il diacono della città e il maestro di Lorenzo— innamorato ossessivamente di Elena, al punto da molestarla ogni volta che la vedeva. Come tutto potrebbe complicarsi Ricardo ha preso una decisione: fuggire in Marocco. Da lì, hanno iniziato a vendere alcuni mobili.

Quando tutto era quasi pronto Salvador è entrato in casa con la scusa di dover parlare con il ragazzo. Dopo una svista di Lorenzo, il diacono si avventò su Elena, che ha fatto uscire Ricardo per difendere sua moglie. Quando smascherato, l'insegnante spargeva la voce che la morte dell'uomo era stata una menzogna vile e codarda, facendo impazzire il padre di famiglia e suicidarsi.

Dati base dell'opera

Girasoli Ciechi è un libro racconti ambientati nel Guerra civile spagnola. Il testo è composto da 160 pagine suddivise in quattro capitoli. Ogni parte racconta una storia diversa, ma sono legate l'una all'altra; particolari eventi verificatisi in un quadriennio (tra il 1939 e il 1942). L'autore ha voluto riflettere parte delle conseguenze subite dagli abitanti durante e dopo il conflitto.

Sull'autore, Alberto Méndez

Alberto Mendez

Alberto Mendez

Alberto Méndez Borra è nato a Madrid mercoledì 27 agosto 1941. Ha compiuto gli studi secondari a Roma. Tornò nella sua città natale per studiare Filosofia e Lettere all'Università Complutense di Madrid. Questo diploma di laurea gli è stato tolto per essere stato un leader studentesco e per aver partecipato alle manifestazioni del 1964.

Ha lavorato come scrittore in importanti aziende, come Les Punx y Montera. Inoltre, negli anni '70 è stato cofondatore della casa editrice Ciencia Nueva. A 63 anni pubblica il suo primo e unico libro: Girasoli Ciechi (2004), opera che ha ricevuto il premio nello stesso anno Setenil per il miglior libro di fiabe.

Durante la presentazione di I girasoli ciechi (2004) al Circulo de Bellas Artes, Jorge Herralde —editore di Anagram- ha sostenuto quanto segue sull'opera: «È fare i conti con la memoria, un libro contro il silenzio del dopoguerra, contro l'oblio, a favore della verità storica restaurata e, al tempo stesso, importantissimo e decisivo, un incontro con la verità letteraria«.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)