George Orwell. 115 anni. Ricordando il Grande Fratello e Napoleone

È nato in un giorno come oggi, 115 anni fa, lo ha fatto Motihari, una colonia britannica del Indiae sotto il nome di Eric Arthur Blair. In seguito sarebbe diventato il famoso scrittore e giornalista che conosciamo oggi con lo pseudonimo di George Orwell. Ed è stato l'autore di alcuni dei libri più noti e influenti del XNUMX ° secolo, come 1984 o La fattoria degli animali. Ricordo la sua figura con una selezione di lei frasi e frammenti

George Orwell

Tra le altre cose e le vicissitudini della sua vita, Orwell era nel Polizia imperiale indiana perché non aveva i mezzi finanziari per andare all'università. Vissuto a Parigi y Londra, insegnando come insegnante di scuola e lavorando come assistente di libreria di seconda mano in Hampstead Heath, a Londra. Ma ha finito per essere un giornalista, ha partecipato alla guerra civile spagnola, ha lavorato per il Servizio orientale di  BBC ed è stato editorialista e redattore letterario per la rivista Tribune.

Le sue opere più note, e valide ancora oggi, sono senza dubbio le suddette 1984 y La fattoria degli animali, chiara analisi e critica dei tempi difficili che ha vissuto, dove abbondavano l'imperialismo e il totalitarismo. Ma ci sono anche altri titoli come Nessun bianco a Parigi e Londra I giorni della Birmania.

Frammenti e frasi

1984

Non ci sarà lealtà; non ci sarà più lealtà di quella dovuta al Partito, e non più amore che amore per il Grande Fratello. Non ci saranno risate tranne una risata trionfante quando un nemico viene sconfitto. Non ci sarà né arte, né letteratura, né scienza. Non ci sarà più distinzione tra bellezza e bruttezza. Tutti i piaceri saranno distrutti. Ma sempre, non dimenticare, Winston, ci sarà sempre la sete di potere, la sete di dominio, che aumenterà costantemente e diventerà sempre più sottile. Ci sarà sempre il brivido della vittoria, la sensazione di calpestare un nemico indifeso. Se vuoi avere un'idea di come sarà il futuro. immagina uno stivale che schiaccia un volto umano ... incessantemente.
***
Noi, Winston, controlliamo la vita a tutti i livelli. Immagina che ci sia qualcosa chiamato natura umana, che si irriterà per ciò che facciamo e si rivolterà contro di noi. Ma non dimenticare che creiamo la natura umana. Gli uomini sono infinitamente malleabili. O forse sei tornato alla tua vecchia idea che i proletari o gli schiavi si solleveranno contro di noi e ci abbatteranno. Abbandona l'idea. Sono indifesi, come gli animali. L'umanità è il partito. Gli altri sono fuori, sono insignificanti.
***
- Il Grande Fratello esiste? disse Winston.
-Naturalmente esiste. Il partito esiste. Il Grande Fratello è l'incarnazione del partito ", ha detto O'Brien.
-Esiste nello stesso senso in cui esisto io?
-Tu non esisti.
***

Se il leader dice di un evento del genere questo non è accaduto, non è successo. Se dice che due più due fa cinque, allora due più due fa cinque. Questa prospettiva mi preoccupa molto più delle bombe.

***

Non si instaura una dittatura per salvaguardare una rivoluzione; la rivoluzione è fatta per stabilire una dittatura.

***

Se riescono a farmi smettere di amarti ... sarebbe un vero tradimento.

La fattoria degli animali

Il tumulto presto cessò. I quattro maiali aspettavano, tremanti e il senso di colpa scritto in ogni solco dei loro volti. Napoleone ha chiesto che confessassero i loro crimini. Erano gli stessi quattro maiali che avevano protestato quando Napoleone aveva abolito i raduni domenicali. Senza ulteriore richiesta, hanno confessato di essere stati in contatto segreto con Palla di Neve sin dalla sua espulsione, lo hanno assistito nella distruzione del mulino e hanno accettato di consegnare la "Fattoria degli animali" al signor Frederick. Aggiunsero che Snowball aveva ammesso, in via confidenziale, di essere stato per molti anni un agente segreto del signor Jones. Quando finirono la loro confessione, i cani, senza perdere tempo, si strapparono la gola e intanto Napoleone, con voce terribile, chiese se qualche altro animale avesse qualcosa da confessare.

***

Vediamo, compagni: qual è la realtà di questa nostra vita? Ammettiamolo: le nostre vite sono miserabili, laboriose e brevi. Siamo nati, ci forniscono il cibo di cui abbiamo bisogno per sostenerci, e quelli di noi capaci di lavorare ci costringono a farlo fino all'ultimo atomo della nostra forza; e proprio nel momento in cui non siamo più al servizio, ci uccidono con spaventosa crudeltà. Nessun animale in Inghilterra conosce il significato di felicità o pigrizia dopo aver compiuto un anno. Non esiste un animale libero in Inghilterra. La vita di un animale è solo miseria e schiavitù; Questa è la verità.

***

La guerra è guerra. L'unico essere umano buono è quello che è morto.

***

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali di altri.

***

Gli animali stupiti spostarono lo sguardo dal maiale all'uomo e dall'uomo al maiale; e ancora dal maiale all'uomo; ma era già impossibile distinguere chi era uno e chi era un altro.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.