Fëdor Dostoevskij: contesto e opera

Ritratto Fëdor Dostoevskij

Fëdor Dostoevskij è uno degli scrittori più importanti del XIX secolo.. È considerato uno scrittore universale per la dimensione del suo lavoro, poiché nonostante sia l'autore di autori russi, il suo lavoro ha raggiunto anche la cultura, il pensiero e la letteratura occidentali. Insieme a lui ci sono anche i grandi autori russi del XIX secolo: Leo Tolstoj (1828-1910), Anton Cechov (1860-1904) o Aleksandr Pushkin (1799-1837). Tutti loro, sebbene abbiano sviluppato anche altri generi, erano grandi narratori.

Insieme a Dostoevskij sono riusciti ad aprire la fantasia dei lettori con personaggi che sembravano quasi fatti di carne e sangue. Dostoevskij trasformò la letteratura dell'Ottocento con i suoi grandi romanzi inquadrati nel realismo, un movimento che ha attraversato gran parte della seconda metà di quel secolo nei paesi europei. Il suo pensiero e la sua opera erano strettamente legati ai tempi vissuti durante il grande impero russo che sarebbe progressivamente giunto al termine.

Russia zarista: contesto

La dinastia dei Romanov continuò nel XIX secolo. che era salito al trono nel XVII. Durante la vita di Dostoevskij, due grandi zar governarono l'impero: Nicola I (regno: 1825-1855) e Alessandro II (regno: 1855-1881).

Nicholas I ha dovuto combattere contro coloro che lo accusavano di essere troppo liberale e di affermarsi prendendo uno stretto controllo sulla popolazione con misure più dure (soprattutto di natura educativa con persecuzioni nell'università e nella stampa).

Tuo figlio, Alessandro II, affrontò la fine della guerra di Crimea, guerra iniziata durante il regno di suo padre e conclusa con una sconfitta per la Russia contro vari paesi europei. Sebbene abbia promosso diverse riforme durante il suo mandato, ciò si è concluso con il suo assassinio., portato avanti da movimenti di sinistra dopo diversi tentativi.

Pertanto, come in tanti altri paesi europei, il clima in Russia durante il XNUMX° secolo era l'ideale per il confronto. Nonostante il marcato carattere assolutista della monarchia russa, Alessandro II sostenne varie riforme e cercò di promuovere un altro tipo di governo più liberale, ma non sarebbe bastato. La rivoluzione del 1917 trova la sua origine in questo secolo.

La società era anche molto stanca del modello in cui era rimasta tradizionalmente. La maggior parte della popolazione russa nel XNUMX° secolo era composta da contadini e con il regno di Alessandro II la servitù della gleba terminò, con cui i contadini potevano cominciare ad avere un po' più di dignità e non essere trattati come semplici oggetti dai proprietari terrieri. Tuttavia, la società immobiliare era già obsoleta e questo clima sarebbe stato il preambolo della fine dello zarismo.

San Pietroburgo

Fëdor Dostoevskij: biografia

Fëdor Dostoevskij nacque a Mosca nel 1821.. Suo padre, medico e proprietario terriero, è stato despota e autoritario con lui e con la madre durante l'infanzia. Quando morì presto, Fyodor fu abbandonato davanti a un padre dal carattere turbolento che presto lo mandò a studiare alla Scuola di Ingegneri Militari di San Pietroburgo, dove si sarebbe diplomato come ufficiale.

Le conoscenze tecniche e l'esercito non lo scoraggiarono dall'intraprendere il suo percorso letterario, e dopo una traduzione di Balzac continuò a scrivere. Tuttavia, dopo il successo del suo primo romanzo nel 1846 (Persone povere) ha ricevuto recensioni molto contrastanti nei suoi prossimi lavori così ha smesso di scrivere per i prossimi anni. A cui vanno aggiunti i suoi problemi con il gioco d'azzardo e l'alcol che gli avrebbero generato continui debiti per il resto della sua vita.

A quel tempo Dostoevskij ha interferito in gruppi di tendenza liberale e intellettuale che significava una condanna a morte (ricordate la persecuzione a cui furono sottoposti questi gruppi durante il regno di Nicola I). Ma la condanna a morte è stata commutata in lavori forzati nelle fredde terre della Siberia. Tuttavia, dopo aver beneficiato di un'amnistia, fu costretto a prestare servizio come soldato semplice. Durante la sua permanenza in Siberia conobbe la sua prima moglie che sposò nel 1857, anche se sarebbe morta anni dopo.

Dopo aver completato la sua pena è tornato alla letteratura con Ricordi della casa dei morti (1862). Da qui in poi non farei altro che scrivere e suonare. Ha vissuto i suoi anni migliori come scrittore, ma la sua dipendenza dal gioco lo avrebbe portato a una vita di miseria, arrivare a giocare i diritti del suo lavoro.

In relazione alla sua dipendenza dal gioco, scrisse una delle sue opere migliori, il giocatore (1866). E dopo un viaggio attraverso l'Europa è tornato in Russia e a San Pietroburgo scrisse quella che è la sua opera più nota, Delitto e castigo (1866).

Dostoevskij si risposò nel 1867 con la dattilografa che lo ha aiutato a trascrivere i suoi testi. Doveva essere puntuale per le consegne programmate in modo da non perdere la proprietà intellettuale sul suo lavoro. Ha avuto quattro figli con lei e morì nel 1881 a San Pietroburgo per un'emorragia polmonare legato all'epilessia che soffrì per tutta la vita.

parcheggiare in inverno

Fëdor Dostoevskij: lavoro

Fu ispirato dal pensiero e dall'opera di Voltaire, Kant, Hegel, Bakunin, Pushkin, Nikolai Gogol, Shakespeare e Cervantes, Victor Hugo e Dickens, solo per citarne alcuni. La filosofia era una costante nella sua vita, sebbene Dostoevskij non si considerasse un filosofo. Ma forse un interesse per questo campo lo aiuterebbe a sviluppare personaggi estremamente profondi capaci di prendere vita nei suoi romanzi. Così tanto che la psicologia dei suoi personaggi è stata messa in relazione con la teoria della psicologia poi esposta da Sigmund Freud. Non dimentichiamo che Dostoevskij portava il peso di un padre crudele e tirannico.

Precisamente, sebbene Dostoevskij fosse sempre incline all'uguaglianza sociale, forse il fatto che suo padre fosse stato ucciso da una folla di contadini influenzò la sua ideologia cristiana ortodossa, resistendo al socialismo dell'epoca. Allo stesso modo, l'autore russo stava dibattendo personalmente e nel suo lavoro tra l'ortodossia russa ei nuovi cambiamenti che stavano arrivando nell'Europa occidentale. Questa dualità si trova nel suo pensiero e nel suo lavoro.

Dostoevskij e il romanzo russo

Dostoevskij ha scritto un racconto, però sono i suoi romanzi che lo hanno elevato. Molti di loro sono stati pubblicati da fascicoli in diverse pubblicazioni che lui stesso si sarebbe incaricato di curare.

Con l'avanzare del XNUMX° secolo arrivò il realismo. Questa è stata l'età dell'oro per la letteratura russa, un periodo particolarmente splendido per il romanzo e le grandi narrazioni. Storie lunghissime, piene di descrizioni e con personaggi dalla personalità complessa. Dostoevskij era un maestro nello scrivere questo tipo di storie. Sapeva intrecciare il contesto storico con i suoi personaggi e i conflitti che li affliggevano.

Ha costruito dipinti realistici di immensa ricchezza che hanno rotto con il romanticismo. I suoi testi all'interno del realismo sono circoscritti nel romanzo delle idee. Sono romanzi che raccontano una storia e, allo stesso tempo, fanno profonde riflessioni sui grandi temi umani, con personaggi disegnati seriamente.

Chiesa ortodossa

Lavori principali

  • Persone povere (1846). Il suo primo romanzo, un'opera epistolare.
  • Ricordi della casa dei morti (1862). Romanzo in cui si ritrovano reminiscenze del suo tempo da prigioniero in Siberia.
  • Ricordi del sottosuolo (1864). È principalmente un monologo interiore di un personaggio a parte da tutti. Il suo concepimento avvenne in un momento di grande debolezza per Dostoevskij dopo la morte della prima moglie e del fratello.
  • Delitto e castigo (1866). È il suo lavoro più noto e più influente. Il protagonista, Raskólnikov, è uno studente che vive nella miseria e che decide di uccidere un vecchio strozzino. I temi centrali di questo lavoro ruotano attorno alla colpa, alla ricerca dell'onestà e della rettitudine morale e, infine, al perdono e alla compassione.
  • il giocatore (1866). Un romanzo legato alle esperienze personali dell'autore con la sua dipendenza dal gioco.
  • L'idiota (1868). È la storia di A deficiente i cui dilemmi morali sono simili a quelli affrontati dal protagonista di Delitto e castigo.
  • I demonizzati (1872). Romanzo che raccoglie riflessioni politiche.
  • Diario di uno scrittore (1873-1881) Era una pubblicazione informativa in cui Dostoevskij sviluppò il pensiero, l'introspezione spirituale e la critica politica, il tutto nel quadro del suo tempo.
  • I fratelli Karamazov (1880). Il lavoro di cui si sentiva più orgoglioso e forse il più premuroso. Un romanzo di idee che affronta il conflitto tra genitori e figli, qualcosa che lo ha sempre ossessionato. È anche un ritratto perfetto della società russa del XNUMX° secolo.

Vi invitiamo a scoprire o riscoprire questo genio della letteratura universale salutandoci con una sua citazione: «Il segreto dell'esistenza umana non è solo vivere, ma anche sapere per cosa si vive».


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.