José de Espronceda. 175 anni dopo la sua morte. Selezione di versi.

Ieri si sono adempiuti 175 anni della morte di José de Espronceda, uno dei più grandi, famosi e ammirati poeti del Romanticismo spagnolo XNUMXesimo secolo. Era così che era considerato quando morì. E niente di meglio che rispondere alcune delle sue frasi, versi e strofe meglio conosciuto che tutti noi abbiamo mai recitato.

Il poeta dell'Estremadura ci ha lasciato alcuni dei vertice funziona della letteratura romantica della patria. Lo studente di Salamanca, El mondo del diavolo, dov'è il tuo Canto per Theresa, Sancho saldana, Bianco di Bourbon. E le sue brevi poesie si sono raccolte canzoniCome Il boia, la Canzone dei cosacchi e ovviamente l'immortale Canzone dei pirati. Bene, godiamoci questa selezione.

  • Lo studente di Salamanca. Inizio

Era più di mezzanotte, raccontano vecchie storie, quando in un sogno e in un cupo silenzio avvolse la terra, i vivi sembrano morti, i morti lasciano la tomba. Era l'ora in cui voci forse timorose suonano senza forma, quando si sentono passi silenziosi e vuoti, e spaventosi fantasmi vagano nella fitta oscurità, e cani terrorizzati ululano quando li vedono.

  • Canzone del pirata.
Venti dighe
abbiamo fatto
nonostante
di Inglese,
e hanno ceduto
i loro stendardi
cento nazioni
Ai miei piedi.
 
Quella è la mia nave, il mio tesoro,
quella libertà è il mio dio,
la mia legge, la forza e il vento,
la mia unica patria, il mare.
  • Canto di morte.

Un mortale debole non ti spaventa
le mie tenebre né il mio nome;
l'uomo trova nel mio seno
un termine a suo rammarico.
Ti offro compassionevolmente
lontano dal mondo un manicomio,
dove nella mia ombra tranquilla
dormi per sempre in pace.

  • Sonetto.

Fresco, lussureggiante, puro e fragrante,
gala e ornamento del pensil fiorito,
galante posto sul bouquet verticale,
la fragranza diffonde la rosa nascente.

Ma se il sole cocente un fuoco rabbioso
vibra, dal cannone in fiamme,
il profumo dolce e il colore perduto,
le sue foglie portano l'aura frettolosa.

Quindi la mia fortuna ha brillato per un momento
su ali d'amore e bella nuvola
Fingevo forse di gloria e di gioia.

Ma, ahimè, quel bene si è trasformato in amarezza,
e senza foglie nell'aria si alza
il dolce fiore della mia speranza.

  • The Devil World, Canto I.

"Chi mai penserà, mia Teresa,
che era un'eterna primavera di lacrime
tanto amore innocente, tanta gioia,
così tante delizie e così tanto delirio?
Chi penserà mai che arriverà un giorno
in cui, perso il fascino celeste
e la benda è caduta,
quanto piacere provocherebbe rabbia? "

I secoli ai secoli scorrono;
gli uomini succedono agli uomini,
nella vecchiaia i tuoi calcoli crollano,
i loro fasti e le loro glorie a morte cedono
la luce che i loro spiriti lampeggiano
muoiono nella nebbia che non possono vincere,
Ed è la storia dell'uomo e della sua follia
una tomba stretta e puzzolente!

  • A una stella.

Seguo indifferentemente la mia strada
in balia dei venti e del mare,
e consegnato, tra le braccia del destino,
Non mi interessa salvare o capovolgere.

  • Di notte.

Salve, o tu, notte serena,
Possa tu vedere il mondo agosto,
e i rimpianti di un triste
con la tua oscurità addolcisci.

  • A un usignolo.

Canta di notte, canta al mattino
usignolo, nella foresta i tuoi amori;
canta, chi piangerà quando piangerai
le perle dell'alba nel primo fiore.

  • Alla luna.

Luna languida, che le mie tristi lamentele
dolce che raccogli con una faccia gentile,
se la mia amara miseria ti tocca,
piangi con me.

  • In patria.

Oh mio amato paese!
Dove sono andati i tuoi eroi in lotta
La tua spada non è stata sconfitta?
Oh! dei tuoi figli sulla fronte umile
C'è il rossore inciso;
Ai suoi occhi tristemente caduti
Il pianto è affollato.

  • Canzone del cosacco.

Il nostro capriccio detterà leggi lì,
le nostre case saranno fortezze,
gli scettri e le corone dei re
quali giocattoli per bambini rotoleranno.
Evviva! Volare! per soddisfare i nostri desideri:
le più belle ci doneranno il loro amore,
e non troveranno brutti i nostri volti,
che il vincitore brilla sempre bello.
Evviva, cosacchi del deserto! Evviva!
L'Europa ti regala uno splendido bottino:
piscina insanguinata che i loro campi siano,
fa il suo banchetto militare.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.