Emilia Pardo Bazán

Emilia Pardo Bazan.

Emilia Pardo Bazan.

La contessa di Pardo Bazán È stata la figura intellettuale femminile più importante in Spagna negli ultimi decenni del XIX secolo e all'inizio del XX secolo.. Grazie alla ricca formazione educativa fornita dal padre, Emilia Pardo Bazán si è distinta come scrittrice, giornalista, drammaturga, traduttrice, docente e pioniera dei diritti delle donne.

La sua opera letteraria è molto ampia e comprende romanzi, poesie, saggi, editing e critica. La controversia è stata una situazione ricorrente nella sua vita poiché ha sempre esercitato approcci artistici d'avanguardia (come precursore del naturalismo) e ha difeso fermamente l'uguaglianza di genere. Per questo motivo, pur accumulando meriti più che sufficienti, non è mai stata ammessa alla Royal Spanish Academy.

Infanzia, gioventù e primi lavori

Emilia Pardo-Bazán e de la Rúa Figueroa Nacque il 16 settembre 1851 in una famiglia aristocratica di La Coruña, in Spagna. Scrittrice precoce, fin dall'adolescenza ha mostrato una grande predisposizione alla lettura e al lavoro intellettuale. All'età di 13 anni ha scritto il suo primo romanzo, Hobby pericolosi (pubblicato nel 2012).

Dopo aver compiuto 16 anni (1868) sposò José Quiroga e andò a vivere a Madrid. La coppia ha viaggiato molto in Europa; Secondo i cronisti, era un'unione abbastanza armoniosa. Doña Emilia ha pubblicato le cronache di questo viaggio sul quotidiano El Imparcial, anche nel suo libro Per l'Europa cattolica (1901), dove raccomanda di viaggiare almeno una volta all'anno per l'autoformazione educativa, oltre a esprimere la necessità di "europeizzazione" della Spagna.

La coppia ebbe tre figli: Jaime (1876), Blanca (1879) e Carmen (1881). In quel periodo realizza le sue prime pubblicazioni come scrittrice, il saggio Studio critico delle opere di padre Feijoo e il libro di poesie Jaime (dedicato al suo primo figlio), entrambe le opere del 1976. Inoltre, nel 1877 espresse la sua posizione contraria alle teorie di Darwin sull'origine delle specie nella rivista Christian Science. Se anche Emilia Pardo Bazán si è distinta in qualcosa, è stato per le sue frasi famose.

Negli anni successivi, Emilia Pardo Bazán stava guadagnando notorietà con, Pascual López, autobiografia di uno studente di medicina (1879) y Una luna di miele (1881), due romanzi romantici in uno stile narrativo realistico. Con quest'ultimo appaiono evidenti tratti che collocano l'aristocratico galiziano come uno dei precursori del naturalismo, grazie alle dettagliate descrizioni della fisiologia degli elementi e dei caratteri naturali.

frase di Emilia Pardo Bazán.

frase di Emilia Pardo Bazán.

Maturità letteraria

A partire dal 1881, Emilia Pardo Bazán manterrà una comunicazione epistolare con Benito Pérez Galdós. Inizialmente si trattava di un rapporto letterario, tuttavia, dopo la pubblicazione di La domanda scottante (1883) intorno al libro si scatenò una fortissima polemica che scandalizzò il marito e portò ad un'amichevole separazione. Persino molti dei suoi più cari amici hanno attaccato la contessa per essere un'opera apparentemente ateistica, favorevole alla "pornografia francese".

Un anno prima (1882), pubblicava Doña Emilia Il rostro, un'opera dai tratti socio-politici realizzata con tecniche naturalistiche, considerato una delle sue prime opere per rivendicare i diritti delle donne. Inoltre, in questo lavoro incorpora il proletariato come un elemento importante dell'argomento.

È una fase in cui difende la letteratura spagnola e introduce la proposta naturalistica attraverso i suoi saggi giornalistici su Émilie Zola, pubblicati sulla rivista tempo. Nel 1885 il lancio di La giovane donna, riferendosi alla crisi coniugale.

Nel 1886 apparve il romanzo più riconosciuto di Emilia Pardo Bazán, I pazos de Ulloa. È un'opera naturalistica ambientata nella campagna galiziana che riflette lo scontro tra la raffinata società delle città e la gente delle zone rurali più arretrate. Lì, i personaggi riflettono le premesse di Zola sull'influenza dell'ambiente sull'eziologia umana.

Articolo correlato:
"I pazos de Ulloa" di Emilia Pardo Bazán

I pazos de Ulloa ha consacrato Emilia Pardo Bazán come una delle grandi figure letterarie della Spagna di tutti i tempi. Il romanzo tratta di uno sguardo realistico al declino del ruolo dell'aristocrazia nella società. Nel 1887 pubblicò Madre natura, un romanzo naturalistico che racconta l'infatuazione incestuosa di due giovani che non sanno di essere fratelli.

Allontanarsi dal naturalismo

Dopo essersi separata dal marito, ha potuto dedicarsi liberamente all'esplorazione delle sue inclinazioni intellettuali. È intervenuta frequentemente nel giornalismo politico e nella lotta per l'emancipazione femminile. In questo modo, saggi come La rivoluzione e il romanzo in Russia (1987) o Una donna spagnola (1890), acclamato dal pubblico e dalla critica letteraria.

Madre Natura, libro di Emilia Pardo Bazán.

Madre Natura, libro di Emilia Pardo Bazán.

Sebbene non abbia mai smesso di ammirare le dottrine di Zola, gli anni Novanta dell'Ottocento segnano l'avvicinamento di Emilia Pardo Bazán all'idealismo e al simbolismo, a scapito del naturalismo. Questa evoluzione è confermata in opere come Un cristiano (1890) Storie scelte (1891) Signora Milagros (1894) Chimera (1895) Memorie di uno scapolo (1896) Racconti sacro-profani (1899) La sirena nera (1908) y Dolce proprietario (1911), tra gli altri.

Un altro motivo che ha portato Pardo Bazán a prendere le distanze dal naturalismo sono state le associazioni con il determinismo razziale, latenti nei loro riferimenti all'eredità razziale e all'atavismo razziale. Era una posizione che giunse a giustificare L'illustrazione artistica (1899), sull'antisemitismo dell'affare Dreyfus. Tuttavia, è necessario chiarire che non si è mai definita razzista (fatto confermato da diversi specialisti letterari).

Nuovo teatro critico

Dopo la morte di suo padre nel 1890, Doña Emilia ha utilizzato la vasta eredità paterna per finanziare la creazione di Nuovo teatro critico.Detta pubblicazione era una rivista sociale e politica scritta da lei in onore del suo ammirato Benito Jerónimo Feijoo. Comprendeva saggi, critiche letterarie, informazioni su altri scrittori e ricerche politiche e studi sociali per mostrare la realtà intellettuale del suo tempo.

Durante i suoi primi giorni, Nuovo teatro critico è stato accolto molto bene grazie al suo stile diretto, conciso e sincero. Ma questa rivista ha portato i suoi nuovi detrattori (soprattutto nel mondo conservatore dell'aristocrazia spagnola), che la definivano stoica e rivoluzionaria (accenno di ribelle, solo per essere una donna).

Dopo tre anni, Pardo Bazán ha salutato i suoi lettori sostenendo che la rivista gli aveva causato "perdita di denaro e umorismo".

Eredità di Emilia Pardo Bazán

La violenza era un elemento costante nelle opere della Contessa. Più che una risorsa per agganciare il lettore attraverso descrizioni dettagliate, è stato un modo per denunciare gli abusi fisici, emotivi e psicologici subiti dai più vulnerabili nella società.

Sebbene non escludesse forme di aggressione nei confronti di personaggi maschili adulti, la sua crudezza più impressionante si rifletteva negli abusi subiti dai bambini e, soprattutto, dalle donne. Per questo è considerata una delle prime attiviste per i diritti delle donne. La qualità, la versatilità e la vastità del suo lavoro non furono pienamente apprezzate fino a diversi decenni dopo la sua scomparsa fisica.

Emilia Pardo Bazán in una lettura.

Emilia Pardo Bazán in una lettura.

Nonostante il suo status e il suo riconoscimento intellettuale, fino alla fine dei suoi giorni la società machista spagnola non smise di attaccare a Bazán. Alla scrittrice sono stati negati gli spazi che ha più che guadagnato con il suo lavoro, soprattutto alla Royal Academy (è stata rifiutata tre volte).

Emilia Pardo Bazán morì il 12 maggio 1921, al numero 27 di Calle de la Princesa, Madrid.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.