Biografia e migliori libri di Charles Dickens

Biografia e migliori libri di Charles Dickens

Fotografia: Autorde

Considerato uno dei grandi scrittori di storia e soprattutto di quell'Inghilterra vittoriana che ha catturato con grande maestria nelle sue opere, Charles Dickens continua ad essere un autore influente per generazioni che continuano a vedere nell'architetto di Oliver Twist il perfetto ritrattista di un tempo e di un luogo. Ci immergiamo nel biografia e migliori libri di Charles Dickens per esplorarne tutte le sfumature.

Biografia di Charles Dickens: The Other London

Biografia di Charles Dickens

Fotografia: Archivi nazionali degli Stati Uniti

Nato il 7 febbraio 1812 a Landport, una zona della città inglese di Portmouth, Charles Dickens era il figlio di John Dickens, un impiegato del porto, e di Elizabeth Barrow, una casalinga. Bambino la cui infanzia è stata segnata dai continui eccessi finanziari del padre, l'assenza di istruzione fino all'età di 9 anni o due si trasferisce, uno nel Kent e l'altro a Camdem Town, all'epoca una delle zone più povere di Londra.

All'età di 12 anni, suo padre fu rinchiuso in prigione per aver contratto numerosi debiti, permettendo alla sua famiglia di condividere una cella con il prigioniero, anche se Dickens fu mandato in una casa adottiva e costretto a iniziare a lavorare in una fabbrica di lucido da scarpe. , un lavoro con il quale ha pagato l'alloggio e ha aiutato la sua famiglia. Nel frattempo, la letteratura è diventata la sua grande alleata, divorando romanzi picareschi e opere come Don Chisciotte della Mancia, un hobby che ha aggiunto alla sua vita deplorevole ha permesso a Dickens di trasformare il suo futuro lavoro nel caleidoscopio perfetto di un'infanzia infame impantanata nella povertà di Londra, una situazione che ha denunciato in numerose occasioni.

Nel 1827, all'età di quindici anni, iniziò a lavorare come stenografo di corte e un anno dopo come giornalista per il Doctor's Commons e cronista per il True Sun. Alla fine, il suo lavoro come giornalista politica per il Morning Chronicle le ha permesso di farlo pubblica il tuo libro di pubblicazioni politiche, il primo gancio di un pubblico che avrebbe consumato voracemente i suoi libri anni dopo.

Nel 1836 sposò Catherine Thompson Hogarth, dalla quale ebbe dieci figli, con cui cercò di instillare il cristianesimo in molti modi, incluso un semplice libro in linguaggio chiamato La vita di nostro Signore. La sua partecipazione come redattore a diversi giornali gli ha permesso di pubblicare Oliver Twist, che fu pubblicato a rate per due mesi nel 1837. Il genio di Dickens nella serializzazione era dovuto al suo interesse a portare la sua letteratura a molte persone che, come lui da bambino, non avevano i soldi per acquistare libri completi.

In questo modo, Dickens iniziò a crescere come autore, acquisendo proprietà e cercando di espandere i suoi testi in tutto il mondo, precisamente negli Stati Uniti, dove la sua opera Notes from America, contraria alla schiavitù che regnava dall'altra parte dell'Atlantico , lo ha portato a varie critiche. Infine, funziona come A Christmas Carol (1843) o David Copperfield (1850), hanno finito per consacrarlo nonostante sfociassero in una crisi segnata da una remunerazione editoriale mai abbastanza. È così che Charles Dickens ha finito per viaggiare in Europa e incontrare altri autori prima di diventare una delle personalità più versatili di Londra organizzando diverse conferenze, fondando il proprio giornale o anche una compagnia teatrale.

La fine del 1850 portò a Dickens tanta amarezza quanto gioia: parallelamente alla creazione di Storia di due città, una delle sue grandi opere, ha divorziato dalla moglie Catherine. Una situazione meno controversa visti i molti pregiudizi che esistevano contro il divorzio nella Londra vittoriana.

Negli anni successivi Dickens subì un incidente ferroviario che avrebbe segnato l'ultima tappa della sua vita, sebbene continuò a lavorare instancabilmente fino alla sua morte, il 9 giugno 1870, a causa di un ictus.

Una vita segnata non solo dalle lettere, ma da un'attività sociale a tutti i livelli che onora uno scrittore diventato simbolo di un'epoca.

I migliori libri di Charles Dickens

Oliver Twist

Oliver Twist

Trasformato in un'opera senza tempo data la disuguaglianza ancora presente nel mondo e la sua condizione di tela perfetta per denunciare varie atrocità che includono bambini innocenti, Oliver Twist è una delle grandi storie di Dickens. Pubblicato in varie puntate in 1837, è il primo romanzo con un bambino come protagonista, Oliver è l'icona di una generazione, un bambino povero e orfano usato dai teppisti della città per commettere vari crimini. Una situazione nota in prima persona a Dickens quando proveniva da quella Londra sordida e picaresco che ha catturato con un certo sarcasmo durante tutta la sua opera.

A Christmas Carol

A Christmas Carol

Inserito nel 1843, A Christmas Carol raccoglie il testimone di un tempo in cui l'Inghilterra ha ceduto rinascita di antiche tradizioni natalizie favorito dalla letteratura o dalle tendenze della corte vittoriana. È così che questo lavoro è diventato la risorsa personale di Dickens per esplorare il comportamento umano in un periodo così carismatico, in particolare quello del signor Scrooge, il vecchio avaro che deve soccombere ai fantasmi dei suoi diversi Natali per sciogliere un cuore di ghiaccio. Come altre sue opere, A Christmas Carol è stato adattato per il teatro e il cinema in numerose occasioni.

David Copperfield

David Copperfield

Forse l'opera con le sfumature più autobiografiche, David Copperfield è sempre stato il "figlio prediletto" di Dickens. Il protagonista, cresciuto da un perfido patrigno e da una madre sottomessa, rappresenta perfettamente la vita dell'autore, i suoi amori, gli amici, le delusioni o le conquiste tracciate dalla sua nascita alla sua morte. Senza dubbio, uno dei opere più influenti dello scrittore che fu pubblicato nel 1850 in varie puntate.

Storia di due città

Storie di due città

Il secondo romanzo più venduto della storia dopo Don Chisciotte della Mancia arrivò nel 1859 per diventare la magna di Dickens. Un'analisi del tempo attraverso il prisma di due città: una Londra pacifica e tranquilla e una Parigi in cui si mastica l'agitazione e la sfida di un popolo insoddisfatto della propria situazione. Tale fu il successo del romanzo, che dopo una tiratura iniziale di 12mila copie arrivò ad avere 100mila a settimana.

Ti piacerebbe leggere Storia di due città?

Grandi speranze

Grandi speranze

Concepito in gran parte secondo lo stesso modello di David Copperfield, Great Expectations è un romanzo di apprendimento che potrebbe benissimo trarre da diversi riferimenti alla vita dell'autore. Ambientato in ventotto anni, il romanzo racconta la trasformazione di Phillip Pirrip, un aspirante fabbro che cerca di diventare un signore della nobiltà inglese nonostante i tanti fantasmi del passato con cui dovrà vedersela. Il romanzo era pubblicato in diversi numeri tra il 1960 e il 1961 diventando un successo.

Hai letto Grandi speranze?

Quali sono, secondo te, i migliori libri di Charles Dickens?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.