Cappuccetto Rosso a Manhattan

Cappuccetto Rosso a Manhattan.

Cappuccetto Rosso a Manhattan.

Cappuccetto Rosso a Manhattan (1990) è un fantastico romanzo per ragazzi creato da Carmen Martín Gaite. È una favola moderna. Un'esplorazione dell'eterna diatriba tra sogno e realtà. È stato un titolo il più delle volte trattato come un '"opera minore" all'interno dell'ampia bibliografia dell'autore di Salamanca. Tuttavia, è stato un clamoroso successo editoriale (è stato il libro più venduto in Spagna nel 1991).

E sì, di "minore", non ha una virgola. Solo una persona coraggiosa osa estrapolare una delle storie universali più note all'umanità. Una storia con secoli di tradizione orale alle spalle, che, grazie - soprattutto - a Charles Perrault e ai fratelli Grimm, resta valida e inesauribile. Il lavoro dell'autore ha avuto un tale impatto che nel 2016 il Premio narrativo Carmen Martín Gaite.

Carmen Martín Gaite: l'autore

Nata a Salamanca nel 1925, è stata una delle più influenti scrittrici di lingua spagnola del XX secolo. È diventato anche un simbolo di una donna progressista. Di conseguenza, tra i tanti tributi ricevuti in vita c'è proprio il Progressive Women Award alla sua prima edizione, tenutasi nel 1990.

Quando essere un pioniere è un merito e una "lastra"

Durante gli anni '1970, '1980 e '1990, Gaite è stata riconosciuta per la prima volta come donna (un pregiudizio non insolito, data la mentalità del tempo). Inoltre, quando nel 1978 è diventato il primo a ricevere il Premio Nazionale di Letteratura di Spagna per il romanzo La stanza sul retro.

Ciò che è veramente "strano" è che a questo punto - fino al XNUMX ° secolo - il fatto (di essere una donna) è ancora utilizzato come valore differenziale. È chiaramente una connotazione, almeno, ingiusta e di parte, perché il lavoro di Carmen Martín Gaite è vasto e molto vario.

Carmen Martin Gaite.

Carmen Martin Gaite.

È ora di scrivere

Ha studiato Filosofia e Lettere all'Università di Salamanca. Lì ha conseguito una laurea in Filosofia romanza. Sebbene il suo primo romanzo, La spa, è stato pubblicato nel 1955, Martín Gaite ha confessato più volte di essere stato uno scrittore precoce. Dall'età di otto anni inizia a scoprire la sua vocazione ea scrivere alcune storie. La sua vita è sempre stata legata al mondo delle lettere.

Ma non è solo la narrazione che figura nel tuo curriculum. Ha scritto due opere teatrali: Bastoncino secco (completato nel 1957, rilasciato nel 1987) e La sorellina (completato nel 1959, rilasciato nel 1999). Allo stesso modo, si è distinto come saggista. In effetti, il suo lavoro Usi amorosi del dopoguerra spagnolo, l'ha resa degna dell'Anagrama Essay Award nel 1987.

Altre attività letterarie

Lo scrittore spagnolo si è dedicato anche alla critica letteraria e alla traduzione di testi di autori come Gustave Flaubert e Rainer Maria Rilke. Inoltre, ha collaborato allo sviluppo di sceneggiature audiovisive per Televisión Española: Santa Teresa di Gesù (1982) y Celia (1989). Quest'ultimo basato sulle storie di Elena Fortún. Carmen Martín Gaite è morta nel 2000, vittima di un cancro.

E Cappuccetto Rosso è andato a New York

Puoi acquistare il libro qui: Cappuccetto Rosso a Manhattan

Primo, È impossibile ignorare la seguente circostanza: le storie di Cappuccetto Rosso sono proprietà collettiva di tutte le persone che le hanno ascoltate o lette. Rappresenta quindi un ottimo esempio di opera costruita dalla “memoria condivisa”.

Secondo, Il lavoro di Martín Gaite non segue la linea tipica della storia "classica" di Cappuccetto Rosso. I cambiamenti non sono solo "cosmetici". Né si limita a disegnare New York come una foresta piena di pericoli moderni, piena di "animali" selvaggi e con pessime intenzioni.

argomento

Cappuccetto Rosso a Manhattan è un grido di libertà. L'avventura della protagonista si svolge nei tunnel della metropolitana, immersa in un mondo che pensava di conoscere. In realtà è una ricerca interiore, profonda, che va ben oltre un semplice viaggio “sotterraneo”. Da sola, scappata dai genitori, finisce per guardarsi dentro per scoprire e perseguire il suo desiderio principale.

Un mondo ordinario?

Questo cappuccetto rosso deve affrontare un universo in cui, ovviamente, un cattivo, di nome Woolf, non può essere assente. L'antagonista è tutto il male, l'egoismo e l'avidità. Allo stesso modo, appare il complemento perfetto di un racconto contemporaneo pieno di figure manichee: il denaro.

Ma Sara - la ragazza incappucciata di Brooklyn, desiderosa di andare a Manhattan - non deve affrontare solo gli scagnozzi del "cattivo". Induce nei suoi persecutori una riflessione sulle proprie azioni e sullo scopo della loro esistenza. Allora la questione della vera libertà emerge ineludibile; tutti devono assumersi la responsabilità delle proprie decisioni, che siano corrette o meno.

Di fantasia e verosimiglianza

Carmen Martín Gaite è riuscita con questo lavoro - oltre a riaffermare il suo nome all'interno degli autori "super vendite" in spagnolo - a ratificare i suoi criteri letterari. Ebbene, lo scrittore spagnolo ha difeso la compatibilità di credibilità e fantasia nello stesso testo. In particolare, ha detto "che una storia è credibile non significa che sia realistica, né deve essere credibile".

Citazione di Carmen Martín Gaite.

Citazione di Carmen Martín Gaite.

Una ragazza che cammina da sola per le strade di New York rasenta l'assurdo. Tuttavia, la storia funziona senza lasciare spazio al lettore per chiedersi se sia plausibile o meno. Pertanto, le avventure di questo Cappuccetto Rosso rappresentano il più vero dei racconti moderni. Lontano dal mondo fantastico descritto nella foresta oscura che le prime ragazze ingenue hanno dovuto attraversare per affrontare il grande lupo cattivo.

Senza complessi prima della critica

Martín Gaite si dedicò abbondantemente e con successo alla critica letteraria. Questo senza dubbio lo ha aiutato a vedere il lavoro di questi autori (quindi, senza virgolette o corsivo) senza alcun tipo di complesso. Poiché, se c'è una figura vista sempre con sospetto - anche in modo dispregiativo - all'interno delle arti in generale, è quella del critico. A torto oa ragione, sono spesso etichettati come frustrati.

Anche i critici vengono percepiti come incapaci di lasciare in eredità un'opera degna di contemplazione. Ma la donna di Salamanca non vedeva l'ora di ricevere le recensioni di questi professionisti. Allo stesso modo, era molto interessato a conoscere l'accoglienza del suo lavoro tra il grande pubblico. In questo modo, ha potuto scoprire possibili aspetti delle sue storie che sono stati trascurati durante la scrittura.

Percezione del lavoro

Nonostante l'indiscutibile successo commerciale, l'opinione pubblica intorno a Cappuccetto Rosso a Manhattan è sempre stata divisa. Una parte dei lettori ha trovato un'avventura esilarante. Per altri, l'innocente Cappuccetto Rosso nella "città che non dorme mai", insieme alla nonna e al lupo cattivo, rappresenta solo una scusa per un esercizio di esplorazione di sé.

D'altra parte, c'erano persone che hanno apprezzato la storia senza fare troppe domande sulla ragazza di Brooklyn che camminava per Manhattan. Inoltre non gli importava molto se Cappuccetto Rosso avesse il tempo di vagare per Central Park senza morire per nessun mostro odioso. Almeno non "letteralmente".

Cappuccetto Rosso a Manhattan: Parte delusa del pubblico?

Ma c'era un terzo gruppo che non ha trovato quello che si aspettava: il classico racconto medievale ma ambientato a New York. C'è qualcosa che non va in questo? In effetti, la spiegazione non è obbligatoria. Non c'è una risposta unanime. Sicuramente Carmen Martín Gaite non sarebbe d'accordo con questa idea. Perché è di questo che consiste l'avventura della lettura (e dell'arte in generale).

Il genere fantasy si basa sulla scoperta di mondi nuovi - o talvolta vecchi - senza mettere concetti preconcetti prima di interpretare le informazioni. Così come Sara, la "Cappuccetto Rosso di Manhattan". In ogni caso, il lavoro di Martín Gaite è un invito a chiedersi cosa sia il libero arbitrio e se esiste davvero.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)