Breve analisi di «Hopscotch» di Julio Cortázar

I più piccoli che leggono questo articolo sono sicuri che stai pensando "Campana", il lavoro fondamentale di Julio CortázarCome quel libro "tostón" che gli insegnanti di letteratura mandano ad un certo punto nell'istituto. Quelli di noi che l'hanno già fatto, l'hanno obbligatoriamente letto "Campana" nella nostra giovinezza e poi l'abbiamo riletto (sicuramente siamo in tanti, me compreso) pochi anni dopo, ci siamo resi conto non solo dell'importanza di questo libro nella storia della letteratura ma anche quanto è diverso dalla maggioranza.

"Campana", pubblicato in 1963, è un riferimento fondamentale della letteratura ispanica americana. Il suo struttura a sequenza sciolta consente letture differenti e quindi interpretazioni differenti. Con questo modo di leggere, ciò che Julio Cortázar intendeva era rappresentano il caos, la possibilità della vita e l'indiscutibile rapporto tra ciò che si crea e la mano dell'artista che lo realizza.

Se non l'hai ancora letto "Campana" e stai pensando di farlo, fermati qui, non continuare a leggere ... Se non hai intenzione di leggerlo, fermati anche tu, ti incoraggio a farlo ... Una volta finito, torna indietro e leggi quello che vuoi voglio ... Ma la vera storia è scritta da Julio Cortázar.

Analisi di «Hopscotch»

Prima dicevamo che è un lavoro diverso dagli altri perché in questo implica la partecipazione attiva del lettore. Due letture del libro vengono proposte su un consiglio di amministrazione (come suggerisce il nome, il tipico gioco della campana che tutti noi abbiamo giocato in qualche occasione). Questo tipo di struttura ha rotto con tutto quanto stabilito per quanto riguarda la letteratura.

Primo libro

Il primo libro di "Campana" lo leggeremo in a ordine lineare, che termina nel capitolo 56. È formato da due parti: "Sul lato laggiù" y "Sul lato qui". In entrambi viene presentata la trama o la storia essenziale del libro.

"Sul lato laggiù"

Horacio Oliveira lavora come traduttore a Parigi. Lì ha fondato il Club con alcuni amici, dove ha ammazzato il tempo parlando o ascoltando musica jazz. Mantiene un rapporto d'amore con Lucia, la Maga, un'uruguaiana madre di un bambino che lei chiama Rocamadour. Tuttavia, la peculiare relazione tra i due si deteriora. In uno dei loro incontri, Rocamadour cade improvvisamente morto e, di conseguenza, Lucía scompare e lascia alcune righe scritte.

"Sul lato laggiù"In altre parole, questa prima parte si conclude con l'immagine di una campana, filo conduttore di tutto il libro che rappresenta la ricerca dell'equilibrio (il cielo).

"Sul lato qui"

L'azione di questa parte del libro si svolge nella città di Buenos Aires. Prima di arrivare qui, Oliveira cerca disperatamente La Maga a Montevideo. Di ritorno in barca in Argentina, la scambia per un'altra donna.

Una volta in Argentina, torna alla sua amicizia con Traveller e incontra sua moglie, Talita, che gli ricorda La Maga dal primo momento. Lavorerà con questa coppia in un circo e in una clinica psichiatrica. Ma Oliveira è sopraffatta da progressivi sintomi di squilibrio mentale. La sua confusione gli fa pensare di vedere sempre La Maga invece di Talita. Questo porterà a una crisi che ti farà pensare al suicidio. Cerca di suicidarsi ma alla fine Traveller e Talita gli impediscono di cadere dalla vendita in un patio dove è dipinta una campana.

Secondo libro

Nel secondo libro abbiamo il file alternativa di seconda lettura y inizia nel capitolo 73. In sostanza troveremo nuove aggiunte al paesaggio, il "Capitoli spendibili", alla struttura della trama delineata in precedenza nel libro.

Da altri lati

Questi paesaggi costituiscono una visione più profonda della stessa realtà, in cui si rivelano connessioni nascoste. Ma in aggiunta compaiono personaggi come Morelli, un vecchio scrittore che l'autore usa per esporre alcune delle chiavi di Hopscotch: romanzo aperto, frammentato, inquietante e partecipativo che riflette il caos della realtà ma non lo ordina né lo spiega.

Il mio capitolo preferito: Capitolo 7: Il bacio

Tocco la tua bocca, con un dito tocco il bordo della tua bocca, la disegno come se mi uscisse di mano, come se per la prima volta la tua bocca fosse socchiusa, e mi basta chiudere gli occhi per disfare tutto e ricominciare, faccio la bocca che desidero, la bocca che la mia mano sceglie e disegna sul tuo viso, una bocca scelta tra tutte, con sovrana libertà da me scelta per disegnarla con la mia mano sul tuo viso, e che per caso che non cerco di capire coincida esattamente con la tua bocca che sorride sotto quella che la mia mano ti attira.

Mi guardi, mi guardi da vicino, sempre più da vicino e poi suoniamo il ciclope, ci guardiamo sempre più da vicino e i nostri occhi si spalancano, si avvicinano, si sovrappongono ei ciclopi si guardano, respirando confusi , le loro bocche si incontrano e combattono calorosamente, mordendosi con le labbra, appoggiando appena la lingua sui denti, giocando nei loro recinti dove un'aria pesante va e viene con un vecchio profumo e un silenzio. Poi le mie mani cercano di affondare nei tuoi capelli, accarezzano lentamente la profondità dei tuoi capelli mentre ci baciamo come se avessimo la bocca piena di fiori o di pesci, con movimenti vivaci, con un profumo scuro. E se ci mordiamo il dolore è dolce, e se anneghiamo in un breve e terribile respiro simultaneo, quella morte istantanea è bellissima. E c'è solo una saliva e un solo sapore di frutta matura, e ti sento tremare contro di me come una luna nell'acqua.

Domande frequenti sul libro "Hopscotch"

Julio Cortázar, autore di Hopscotch

Chi è il protagonista di Hopscotch?

Il protagonista della storia è Horacio Oliveira. È un uomo argentino di circa 40-45 anni. È un uomo che sa tante cose e che è andato a Parigi per studiare ma ancora non studia. Invece, lavora aiutando a smistare la posta.

Si sa che ha un fratello che vive in Argentina. E che è l'uomo tipico che sembra essere costantemente alla ricerca di qualcosa (a volte con la sensazione di avere già quello che sta cercando ...).

Chi è il mago?

La maga è Lucia, l'altra protagonista di questa storia. Vive anche a Parigi, ma il suo paese natale è l'Uruguay. Ha un figlio con uno strano nome: Rocamadour. A differenza di Horacio, è una ragazza che non sa molto di quasi nulla, il che la fa sentire a volte un po 'sottovalutata o piccola cosa accanto agli altri.

I suoi punti di forza sono che ha molta tenerezza e ingenuità, qualcosa che si innamora ad occhio nudo e che è invidiato anche da altri personaggi secondari del romanzo. Horacio invidia al mago la sua capacità di avventurarsi a vivere nuove esperienze, di bagnarsi quando gioca e di essere coraggioso.

Qual è il nome del figlio del mago?

Come abbiamo detto nel punto precedente, suo figlio si chiama Rocamadour ma il suo vero nome è Francisco. È un bambino di un mese che inizialmente viene accudito da Madame Irene, una governante. Alla fine, il ragazzo vive con La Maga e Horacio e con lui si verifica un evento scatenante. Questo fatto è una parte fondamentale del romanzo.

Di che sesso è Cortázar?

Questa domanda provoca grandi "controversie" tra i critici letterari, poiché la sua opera è difficile da classificare. Ha scritto romanzi, ma anche poesie; tuttavia, Julio Cortázar si distingue per il suo realismo magico. Questo genere è abbastanza personale, all'avanguardia e "balla" sempre tra il reale e il fantastico. Nonostante questo, c'è chi ancora si ostina a collocarlo nel noto Boom latinoamericano.

Articolo correlato:
I migliori libri di letteratura latinoamericana

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

12 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Facundo suddetto

    Ottima visione della campana, molto buona, ti darò un'altra informazione nel caso tu voglia aggiungerla, il capitolo 62 della campana continua in un libro, voglio dire, è l'inizio di un libro chiamato 62 / modello a assemblare, qui a Buenos Aires Diciamo la rayuelita, spero che questa informazione ti serva, dal momento che la campana ha una lattina per un po '

  2.   Stefanny suddetto

    Mi sembra molto bello perché mi piace leggere molto e questo era per i compiti e ora se posso fare bene la spiegazione perché ho letto tutto il libro grazie mille.

  3.   jes suddetto

    Ho già iniziato

  4.   Pedro suddetto

    Vorrei sapere dove nel (contro) romanzo Holiveira si dice che sia un traduttore.
    Gracias de antemano.

    M

  5.   Carlos Garcia Garcia suddetto

    34 anni dopo la sua semina, il poeta che ho incontrato una volta in Venezuela, da ragazzino, come ho detto, scrivo qualcosa di campana.
    Campana o battistrada.
    (SONG TO LIFE)

    Il ragazzo per mano
    Già avviati i primi passi
    Bilancia la noia
    Il busto si piega, perfetta armonia
    La figura evoca
    Il ragazzo esclama, tocca a me!
    La vita è una prova, ancora e ancora
    Avrai i tuoi mondi di luce.

    Ho fatto un passo, ho fatto un passo, il mio numero magico
    Avvicina i nostri mondi
    Il bambino nella mia mente lo è
    Vuole l'infanzia, ha lasciato l'innocenza.

    Inizia la tua vita, campana sei
    Alla fine, riposa, riposa
    Rallegrati, vai a scuola
    Maestro dei nostri segreti
    Aliffe trebbiate, vanno nell'abisso
    Hopscotch impennata
    La tua linea verso l'infinito va

    Carlos Garcia. 2016 (+1) / 31/10. Giornata internazionale del canto dei netizen.

  6.   L'INSEGNANTE suddetto

    le informazioni presentate non sono abbastanza strutturate, le idee presentate non sono chiare e concise, mancano molte note di base per una migliore comprensione del romanzo

  7.   Anton Vea Campos (@Antonbvici) suddetto

    MI PIACEVA CORTÁZAR
    NEL MIO BLOG UTILIZZO PER INSERIRE GLI AUTORI E GLI AUTORI CHE PEDALE DEVE DIRE SE IN QUALSIASI MOMENTO FANNO APPARIRE UNA BICICLETTA NELLA LORO SCRITTURA
    COSTITUISCE ANCHE UN MOTIVO (CHE MI IMPongo) PER LEGGERE L'INTERO LAVORO SE SI ADATTA
    NEL TEMPO VEDO LA PRESENZA DI UNA BICICLETTA A PROVA DELLA SENSIBILITÀ DELL'AUTORE
    CORTÁZAR HA LORO E QUALCUNO MOLTO BUONO
    SALUTI
    ANTON BV ICI
    GRAZIE MOLTO PER LE VOSTRE INFORMAZIONI E COMPLIMENTI PER IL BLOG
    TENGO CON LUI LA FOTO DELLE MOTO
    LO APPENDER E AVR ANCHE UN RICORDO DI VOI
    NON PUO 'PERDERE ANCHE SE DEVO PEDALARE ANCORA QUALCOSA A RAYUELA NELLE STORIE O IN HURGAR NELLE CRONOPIE
    SE QUALCUNO FA IL CORAGGIO ...

  8.   Nicole suddetto

    Cortazar è caratterizzato dalla letteratura fantastica, non dal realismo magico !!

  9.   Sebastian Castro suddetto

    ottima visione della campana, molto buona mi sembra che sia un'opera diversa dalle altre perché in questa implica la partecipazione attiva del lettore.

  10.   Llcordefoc suddetto

    La verità è che quando ho letto Hopscotch mi è sembrato un libro denso e sopravvalutato. Mi hai dato una svolta al pensiero, al punto che lo rileggerò sperando di trovare quel caos e quella cadenza di cui parlano tanto.

  11.   Mariela suddetto

    Ottimo sito !!! La passione per la letteratura è avvertita da coloro che hanno condiviso queste pagine di orientamento. Senti la generosità ...
    Grazie mille.

  12.   Gustavo Woltmann suddetto

    Come non conoscere Hopscotch e come non conoscere Cortazar come uno dei pilastri della narrativa di scrittura spagnola. Semplicemente un titano del campo. Ottimo articolo.
    -Gustavo Woltmann.