Due anteprime di febbraio. Il debuttante Cole e il consacrato Millás

queste due anteprime sarà in vendita a Metà di febbraio. Sono già cadute nelle mie mani e il mio anno di lettura non poteva iniziare meglio. Riguarda Ragdoll (Bambola di pezza), dagli inglesi Daniel cole, che fa il suo grande debutto nel genere nero. E le ultime dallo scrittore autoctono consacrato Juan Jose Millás, Nessuno dorma, che mi è durato solo due giorni. Entrambe le storie hanno più in comune come sembra. Vediamo.

Daniel cole

Hai 33 anni , vive nella città meridionale di Bournemouth ed è un paramedico. Questo è tuo primo romanzo, che è nato sotto forma di sceneggiatura e questo è già stato adattato a una serie televisiva. È stato anche un file Best seller immediato lì nel Regno Unito, Francia, Italia, Germania e Olanda. Sta scrivendo il suo secondo libro.

Bambola di pezza (Bambola di pezza)

Un cadavere pende dal soffitto attraverso alcuni fili, punta il dito verso la finestra ed è composto dal parti cucite di sei vittime Di Più. La stampa lo soprannomina presto Ragdoll, una bambola di pezza, una macabra scoperta in un appartamento vuoto di Londra di cui sono stati in grado di identificare solo la testa. ¿Chi sono? le altre cinque vittime? E perché quel dito punta verso l'appartamento dall'altra parte della strada rispetto al Detective William Fawkes, che tutti conoscono come lupo?

Pressioni dai suoi superiori New Scotland Yard e le molestie di media Renderanno molto difficile per il rapido e ossessivo Wolf e il suo team nelle loro indagini. Per finire, presto appare un elenco delle sei prossime vittime condannato a morire. E per finire il lavoro, l'assassino sembra essere sempre avanti.

Hanno già messo molti aggettivi dei soliti: divertente, coinvolgente, con tensione e adrenalina senza sosta. Ebbene sì, davvero li merita. Aggiungo semplicemente che, avvicinandomi alla fine, ero più desideroso di arrivare e allo stesso tempo ho chiuso il libro per rimandarlo un po 'di più. Quella sensazione scomoda e riconoscibile è indicativa del intoppo e del buon tempo.

Naturalmente, quelli di noi che hanno già un sacco di mili nei romanzi gialli lo riconoscono influenze di qua e di là. In questo romanzo ho ricordato il magnifico Lobos dall'italiano Donato Carrisi. ci sono anche risorse e turni, necessario e tipico del genere, proprio per questo funzionano ancora. Io certamente lodo il finale rischioso, che sorprenderà (o meno) più di uno. Ti lascia un retrogusto di incertezza quindi ti fa considerare moralmente te stesso. Alla fine, scegli semplicemente di riconoscerne uno storia molto bella, personaggi cinematografici e solidi.

Juan Jose Millás

C'è poco da dire sui Millás valenciani. Grandi delle nostre lettere contemporanee, vincitore di più premi (il Pianeta, la Nadal, il National Narrative, il Miguel Delibes ...) e articulista e collaboratore in Il Paese o il programma Vivere de la Cadena Ser. E autore di titoli come Il giardino vuoto, La solitudine era questo, La città o Non guardare sotto il letto, tra molti altri. Nessuno dorma È il suo nuovo romanzo, breve direi, e si legge praticamente d'un fiato.

Nessuno dorma

Con la traduzione del meraviglioso aria di Turandot, L'opera di Puccini, come titolo, questo romanzo mescola l'ordinario e il fantastico, la metafora con la realtà e la finzione, la sanità mentale e la follia. Una storia di amore, solitudine, ironia e ipocrisia, ingenuità e ironia e di progressiva inquietudine. È protagonista un personaggio femminile che non lascia indifferenti. Ed è che tutti noi possiamo identificarci con Lucia in qualche occasione o circostanza.

Ed è che Lucia è una programmatore di computer che perde il lavoro e decide di diventarlo tassista en Madrid. Così, per caso o per un destino che forse l'aspettava da quando aveva dieci anni. E sarà un tassista per poter accompagnare un giorno il suo vicino Braulio, che scompare poco dopo l'incontro e che spera di ritrovare perché si è innamorata di lui.

Subito la colonna sonora della tua nuova vita sarà Turandot, di chi si sente protagonista. E la sua aria più nota, Nessum dorma (non far dormire nessuno), strapperà sempre tutte le lacrime dell'emozione più grande. E Lucia a noi. Per quel destino lasciato al caso troppo carico di solitudine, sogni, delusioni e profonde delusioni chi è tra i suoi clienti per quelle strade di Madrid.

Come si assomigliano?

Sì, sono simili in quanto, nonostante le loro trame molto diverse, condividono entrambi tre punti in comune. Uno, l'uso di due grandi e belle città, Londra e Madrid, come ambientazioni molto riconoscibili (se sono state calpestate, ovviamente) e ideali per collocare un'azione e personaggi con grande forza. Questi personaggi sono il secondo punto perché ti tengono costantemente interessato a loro. E il terzo è che entrambi gli autori, così diversi in stile, lo condividono anche nel loro file fluidità e il suo fondo scuro più esplicito in Cole e venato di metafora in Millás. E anche entrambi corrono un rischio con due finali forti e accattivanti. Quindi raccomando sinceramente entrambe le letture.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.