Ana Lena Rivera. Intervista all'autore di What the dead are silent

Foto di copertina: per gentile concessione di Ana Lena Rivera.

Ana Lena Rivera ha intrapreso una grande avventura letteraria da quando ha vinto il Premio Torrente Ballester 2017 con il romanzo Ciò che i morti tacciono. Ora entra nel solito vortice di queste questioni con il tuo lancio e la tua presentazione. In AL tsiamo fortunati ad averla come editore. Sei stato così gentile a concederci questa ampia intervista dove ci racconta un po 'del suo romanzo, delle sue influenze, del suo processo creativo, delle sue illusioni e dei suoi prossimi progetti. Così Grazie mille per il tuo tempo e ti auguro ogni successo..

Ana Lena Rivera

nato a Oviedo Nel 1972 ha studiato Legge e Economia Aziendale presso l'ICADE, a Madrid. Dopo vent'anni come manager in una grande multinazionale, ha cambiato azienda in scrittura, sua grande passione, in coincidenza con la nascita del figlio Alejandro. Insieme a lui è nato anche Grace San Sebastian, la ricercatore leader della sua serie di intrighi iniziata con questo primo romanzo.

Intervista

  1. Vinci il Torrente Ballester Award con Ciò che i morti tacciono È stato il tuo ingresso di successo nel mondo dell'editoria. Com'è stato partecipare al concorso?

La verità? Per pura ignoranza. Ciò che i morti tacciono È il mio primo romanzo, quindi quando ho finito di scriverlo non sapevo cosa fare. Non conoscevo nessuno del settore, quindi ho fatto le mie ricerche online, ho stilato un elenco di editori che accettavano i manoscritti e ho deciso di inviare il mio romanzo con l'intenzione di ottenere la loro opinione. Sono passati due o tre mesi e non ho ricevuto alcuna risposta, quindi ho iniziato a inviarlo ad alcuni concorsi. Pochi, perché nella maggior parte dei casi non si può essere in attesa di una decisione in un altro concorso, quindi sono passati di nuovo alcuni mesi e ancora non ho avuto risposta. Nemmeno un riconoscimento.

All'improvviso, senza nulla che lo annunciasse, le cose iniziarono a succedere: Sono stato finalista al Premio Fernando Lara e questo mi è sembrato incredibile. È stata una corsa, ma poi sono passati di nuovo diversi mesi e non è successo nemmeno niente. Quando stavo già cercando una nuova strategia, eLa giuria del Torrente Ballester Prize ha deciso di dire al mondo: "Ehi, leggi questo, va bene!", e pensavo di aver raggiunto la vetta dei miei sogni. Ma non era ancora così.

Il Torrente Ballester Award è un riconoscimento e porta un premio in denaro, ma è un premio indipendente, non c'è nessun editore dietro, quindi vincerlo non garantisce che un editore ti pubblicherà. E arrivò il culmine: nella stessa data hanno iniziato a chiamarmi editoriali avevano letto il manoscritto. Le scadenze per la lettura sono di un anno o più a causa dell'elevato numero di lavori ricevuti. Non lo sapevo! Tra coloro che hanno chiamato c'era il mio editore, Maeva, quando non si sapeva ancora che il Torrent Ballester avesse vinto. Avevo inviato loro il manoscritto diversi mesi fa e mi chiamavano per dirmi che erano interessati a pubblicarmi!

Se il giorno in cui avessi deciso di fare alcune copie del manoscritto e di provare a inviarlo ad alcuni concorsi ed editori, mi avessero detto cosa sarebbe successo e dove sarei stato oggi, non ci avrei creduto. Quello che è chiaro è che, in questo settore, non si può avere fretta. Le cose accadono lentamente e sulla base di molta insistenza.

  1. Da dove nasce l'idea di scrivere Ciò che i morti tacciono?

Ciò che i morti tacciono Viene dalle storie che ho sentito nella mia infanzia, sulle labbra dei miei genitori e di altre persone anziane e questo mi ha colpito in quel momento. Immagino che come quasi tutti i bambini, ciò che mi spaventava di più fosse perdere i miei genitori, che sarebbe successo loro qualcosa, perdersi, essere rapito dallo spauracchio ... Ero ossessionato da questo.

Quando ho sentito gli anziani raccontare storie di padri che durante la guerra Avevano mandato i loro bambini da soli in Russia o in Inghilterra in modo che potessero avere una vita migliore di quella che avrebbero potuto dare loro in Spagna, anche sapendo che avrebbero potuto non vederli più, ero pietrificato. O quando ho sentito suore e preti della mia scuola raccontare di essere stati ammessi in convento o in seminario quando avevano 9 o 10 anni perché erano i più giovani di tanti fratelli, troppo giovani per lavorare ei loro genitori non ne avevano abbastanza per dar loro da mangiare.

Quando ero più grande ho capito che le decisioni delle persone possono essere valutati e compresi solo conoscendo le circostanze in cui bevono. E questo ha ispirato il romanzo.

En Ciò che i morti tacciono si mescolano due storie: la riscossione, palesemente fraudolenta, della sostanziosa pensione di un alto comando dell'esercito franchista che, se vivo, avrebbe compiuto 112 anni, sarebbe passato da poco all'internet banking e non sarebbe stato curato da un medico della sanità pubblica per più di trent'anni. Quando la ricercatrice principale, Gracia San Sebastián, inizia a indagare sul caso, c'è un evento inaspettato: Una vicina di casa di sua madre, un'insegnante in pensione, conosciuta nella comunità come La Impugnada, si suicida saltando dalla finestra del patio, con un biglietto scritto a mano appuntato sulla gonna indirizzato al portiere del palazzo.

È un romanzo di intrighi, con una trama molto agile, con tocchi di umorismo, ma come in ogni romanzo di intrighi c'è un ritratto sociale dietro la trama. Sopra Ciò che i morti tacciono lo sfondo è il evoluzione della società spagnola dal dopoguerra ad oggi, di quella generazione che è nata negli anni '40, con carenze, in mezzo a una dittatura, senza libertà né informazione e che oggi parla con i nipoti su Skype, guarda le serie su Netflix e si iscrive ai corsi di informatica per gli over 65.

I fatti indagati nel romanzo sono una conseguenza decisioni prese 50 anni fa e sarà necessario capire le circostanze del momento per svelare cosa sta succedendo nel presente.

  1. Chi è la tua protagonista, Gracia San Sebastián, e tu in lei?

Hrecentemente ho sentito Rosa Montero dire che gli scrittori scrivono per affrontare le nostre paure, le nostre ossessioni, raccontarci storie di personaggi che affrontano le nostre paure, per indebolirle e liberarcene. Non so se la stessa cosa accadrà a tutti gli scrittori, ma nel mio caso mi identifico pienamente.

Grace è il mio eroe personale, che affronta le mie peggiori paure. Lei e suo marito lottano per superare una tragedia sconvolgente, la perdita del figlio di tre anni in un incidente domestico.

Grace ha una sua personalità che cresce con i romanzi, si evolve da solo senza di me, non importa quanto lo scrittore, controllando il suo modo di maturare. Ha esperienze diverse dalle mie, che stanno plasmando il suo carattere.

Certo, non ho saputo resistere a dotarlo di alcuni miei gusti e hobby: ad esempio, nessuno di noi ha guardato le notizie per molto tempo o letto le notizie. Anche alle due ci piace il buon cibo e il vino rosso.

  1. E con l'attuale valanga di buone protagoniste femminili, in cosa si distinguerebbe di più Gracia San Sebastián?

La particolarità di Grace è precisamente che è una persona normale. Lei è intelligente e una combattente, una combattente, come tante altre donne. È peculiare, in quanto protagonista di una serie di intrighi, di non essere una normale investigatrice, ma un'esperta di frodi finanziarie.

Grace è vissuta nella mia testa sin dalla mia adolescenza senza che me ne accorgessi. Da bambino amavo leggere e subito mi sono appassionato al romanzo degli intrighi, sono passato dai Mortadelos a Agatha Christie e da lì a quello che c'era in quel momento: da Sherlock Holmes a Pepe Carvalho, via Phillip Marlowe, Perry Mason. Non vedevo l'ora che arrivasse anche ogni capitolo della serie Mike hammer in televisione.

Già allora ho capito due cose: che i protagonisti dei romanzi che mi piacevano erano uomini, e inoltre avevano tutti qualcos'altro in comune: erano disincantati dalla vita, senza rapporti sociali o legami familiari, che beveva whisky alle dieci del mattino e dormiva in ufficio perché nessuno li aspettava a casa. Poi cominciarono ad emergere le ricercatrici, ma seguirono lo schema dei loro predecessori maschi: i grandi Petra Delicato di Alicia Jimenez - Barlett o Kinsey milhone di Sue Grafton.

Lì, inconsciamente, ho deciso che un giorno avrei scritto di un ricercatore che era una donna e che aveva stretti rapporti personali e familiari. Anche il commissario di polizia che accompagna Gracia San Sebastián nelle loro valigie, Rafa Miralles, è un uomo normale: È professionalmente brillante alla stazione di polizia, ma felicemente sposato, padre di due ragazze, a cui piace cucinare, che ha buoni amici e un cane giocherellone.

  1. Quali scrittori ammiri? C'è qualcun altro in particolare che ti ha influenzato per questo romanzo? O forse una lettura speciale?

Ho iniziato a scrivere da Agatha Cristie. L'intera collezione era a casa mia. Li ho ancora tutti, in uno stato pietoso per la quantità di volte che li ho letti e riletti. Oggi faccio lo stesso con i libri della nuova grande signora del crimine, Donna Leon, con il suo Brunetti a Venezia.

Tra gli scrittori spagnoli ho come riferimento Jose Maria Guelbenzue adoro ogni nuovo libro di María Oruña, Reyes Calderón, Berna González Harbour, Alicia Jiménez Barlett o Víctor del Arbol. Anche alcuni autopubblicati mi hanno totalmente fedele come Roberto Martínez Guzmán. E due nuove scoperte quest'anno: Santiago Diaz Cortés e Inés Plana. Non vedo l'ora di leggere i tuoi secondi romanzi.

  1. ¿Ciò che i morti tacciono È l'inizio di una saga o hai intenzione di cambiare registro nel tuo prossimo romanzo?

È una saga continua la protagonista e i personaggi che la circondano: l'assessore Rafa Miralles, Sarah, il tuo amico farmacista, Geni, la moglie del commissario e Barbara, sua sorella, cardiologa, intollerante e perfezionista. Il nuovo caso nel secondo romanzo sarà molto diverso dal primo E, se i lettori vogliono, spero che ce ne siano molti altri.

  1. Com'è di solito il tuo processo di creazione? Hai avuto consigli o indicazioni? Lo consigli?

Come i miei pensieri: caotico. Non ho mai sofferto di sindrome della pagina bianca. Ho solo bisogno di tempo e silenzio. Diverse ore di silenzio, senza rumori o interruzioni e la storia scorre. Non so mai cosa scriverò o cosa succederà nel romanzo. È un processo molto divertente perché scrivo con l'emozione del lettore che non sa cosa accadrà nella scena successiva. Quando finisco arriva la parte seria: corretto, corretto, corretto.

Ovviamente cerco un consiglio: Ho studiato alla School of Writers con Laura Moreno, che mi aiuta a correggere i miei romanzi, poi ho avviato un programma di mentoring letterario con Jose María Guelbenzu, che era già uno dei miei autori preferiti e da cui non smetto mai di imparare, ho il mio club di betareader, ... La professione di scrittore è molto solitaria, quindi aver sperimentato persone che ti insegnano i tuoi punti di forza e di debolezza e lettori a darti la loro opinione sul risultato finale per me è stato ed è un tesoro. A loro mi aggrappo, sono la mia guida e il mio riferimento.

  1. Quali altri generi letterari ti piacciono?

Anche se amo gli intrighi, posso appassionarmi a qualsiasi romanzo di qualunque genere sia. Fino a un anno fa vi avrei detto che stavo soffocando per il romanzo storico, ma quest'anno ne ho letti due che mi hanno conquistato: il primo, L'angolo della nebbia, dal mio partner Fatima Martin. Successivamente, ho avuto la fortuna di far parte della giuria del Premio Carmen Martin Gaite e da quando ho letto il lavoro di Torrente Paco Tejedo Con una biografia romanzata su María de Zayas y Sotomayor, sapevo di dover vincere. Fortunatamente, il resto dei giurati fu d'accordo. Anche Ero una giuria del Torrente Ballester e ho adorato il romanzo vincitore, L'Argentina che Dio vuole, che è un romanzo di viaggio, di Lola shultz, eccezionale. Invece, è un genere che di solito non leggo.

Immagino in generale Mi piacciono le belle storie che mi appassionano e mi fanno venire voglia di saperne di più, qualunque sia il genere.

Lo confesso persino ci sono romanzi che ho letto e riletto ogni tanto non sono romanzi di intrighi, tipo L'uomo non vive di solo caviale, de Johannes M. Simmel, un romanzo molto antico che mi accompagna dall'adolescenza, Niente si oppone alla notte di Dolphine de Vigan, che di solito leggo d'estate. OLIl cuoco di Himmler, de Franzt Olivier Giesbert, che potrei leggere mille volte e che mi sorprenderebbe sempre.

  1. Qualche parola agli autori principianti?

Lascia che scrivano ciò che vorrebbero leggere, perché così crederanno nel loro lavoro e sapranno che prima di finire hanno già il loro primo fan incondizionato. Anche che si formano, che imparano la parte tecnica della scrittura da scrittori esperti, che correggono, che cercano un buon correttore professionale per finire di lucidare la tua storia.

Ed infine, non essere timido nell'inviare il tuo romanzo a tutti i siti in cui è accettato. Con tanta pazienza, senza fretta, ma senza perdere occasioni: se mostri il tuo lavoro non hai garanzie, ma hai l'opportunità e non sai mai dove può finire.

  1. E infine, quali progetti hai quando passa tutto il vortice di presentazioni e firme?

Dedica qualche giorno a ringraziare tutte le persone che hanno optato per questo romanzo e che nel bel mezzo del vortice potrebbe essere capitato a me di farlo in questo momento. E poi siediti di nuovo a scrivere e trascorrere il tempo libero con la famiglia.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.